Traforo stradale del Colle di Tenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Traforo stradale del Colle di Tenda
Tenda Strassentunnel01.jpg
Entrata della galleria sul versante italiano
Stati Italia Italia
Francia Francia
Coordinate 44°09′12″N 7°34′16″E / 44.153333°N 7.571111°E44.153333; 7.571111Coordinate: 44°09′12″N 7°34′16″E / 44.153333°N 7.571111°E44.153333; 7.571111
Arteria SS 20 e RD 6204
Portali Limone Piemonte (nord)
Vievola (sud)
Lunghezza 3,182 km
Attraversa Colle di Tenda
Altitudine 1 321 m s.l.m. (portale nord)
1.280 (portale sud)
Numero di canne 1
Apertura 1882
 

Il traforo stradale del Colle di Tenda è un tunnel situato sotto il Colle di Tenda. La strada che lo percorre è la strada statale 20 che fa parte del percorso della strada europea 74.
All'epoca della sua inaugurazione, avvenuta nel 1882, era il tunnel stradale più lungo mai costruito, con una ragguardevole lunghezza per l'epoca, di 3.182 metri.

Dopo il traforo stradale del Frejus, il traforo del Monte Bianco e la frontiera di Ventimiglia, tutti e tre valichi autostradali, quello del Colle di Tenda è un collegamento stradale molto utilizzato tra l'Italia e la Francia perché è gratuito e percorribile tutto l'anno, visto che l'altezza, non troppo elevata a cui si trovano le due imboccature, non ne obbliga la chiusura invernale (versante italiano: 1.321 m s.l.m. - versante francese: 1.280 m s.l.m.) e perché è di lunghezza molto modesta (come suddetto circa 3 chilometri).

È previsto l'ammodernamento, consistente nella costruzione di una nuova galleria monodirezionale accanto a quella esistente e l'ampliamento della vecchia, in modo da usare una galleria per senso di marcia[1]. Le indagini geologiche preliminari ai lavori sono iniziate nel 2012. A causa dell'internazionalità del tunnel i lavori saranno più lunghi del previsto per il raddoppio di un tunnel di soli 3 km circa[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anas S.p.A. - I progetti approvati
  2. ^ [1] [collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti