Andrea Borella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Borella
Nazionalità Italia Italia
Scherma Fencing pictogram.svg
Specialità Fioretto
Best ranking 1° Coppa del Mondo (1984, 1987, 1989)º
Società Fiamme Oro
Ritirato 1996
Carriera
Giovanili
Circolo scherma Mestre
Palmarès
Giochi Olimpici 1 0 0
Mondiali 5 5 1
Europei 2 0 1
Giochi del Mediterraneo 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 14 aprile 2012

Andrea Borella (Venezia, 23 giugno 1961) è un ex schermidore e maestro di scherma italiano, campione olimpico a Los Angeles 1984 e cinque volte campione mondiale. Appartiene al glorioso vivaio mestrino del Maestro Livio di Rosa, nel quale inizia a tirare nel 1967. Vince il primo titolo italiano nel 1972. Entra successivamente nel Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro (Polizia di Stato). Interrompe l'attività agonistica nel 1998 (ultimo degli alfieri di Di Rosa). Dal 1996 è sposato con la fiorettista Francesca Bortolozzi, dalla quale ha avuto due figlie (Claudia e Laura).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Specialista del fioretto, è sposato con Francesca Bortolozzi, anch'essa campionessa della stessa arma, ed è padre di due bambine.
Terminata la carriera di atleta è diventato maestro di scherma, insegnando dapprima al Circolo Scherma Mestre (dal 1998 al 2010, anno in cui è stato sostituito alla guida tecnica della società da Matteo Zennaro) e poi alla A.S. Comini 1885 Padova Scherma (dove insegna assieme alla moglie e a Mauro Numa).

Alle Olimpiadi di Los Angeles, nel 1984, raggiunge il 5º posto nell'individuale, nella gara vinta dall'altro mestrino Mauro Numa, dopo essere stato superato nei quarti dal francese Frédéric Pietruszka. Tre giorni dopo arriva la vittoria nel torneo a squadre (assieme a Numa, Stefano Cerioni, Andrea Cipressa e Angelo Scuri). La nazionale azzurra, dopo aver agevolmente superato Egitto e Stati Uniti nel girone eliminatorio (3 vittorie di Borella in entrambi i match), supera nei quarti la Gran Bretagna per 9-2 (una vittoria e due sconfitte di Borella). Nella dura sfida di semifinale contro la Francia, Borella è autore di 2 vittorie nei 4 assalti disputati, e l'Italia vince per 9-7 grazie, soprattutto, alle 4 vittorie del livornese Scuri. La finale vede la squadra italiana prevalere di stretta misura (8-7) sulla Germania Ovest. Borella è sconfitto da tutti e 4 i fiorettisti tedeschi, ma la squadra è trascinata dalla grande prestazione di Numa che oltre a vincere tutti e 4 gli incontri, con un parziale complessivo di 20 stoccate a 5 garantisce all'Italia la vittoria matematica senza la disputa dell'ultimo match.

Ai Giochi di Seoul, 4 anni dopo, Andrea si presenta come detentore della Coppa del Mondo ed è il grande favorito della prova individuale. Dopo aver vinto agevolmente il primo turno eliminatorio accade l'impensabile: al secondo turno, dopo aver perso 2 dei 4 assalti del girone, deve sostenere l'ultimo match contro lo spagnolo Andrés García ed è sufficiente una sola stoccata per accedere al turno successivo, ma l'emozione blocca lo schermitore mestrino che viene battuto 5-0 ed eliminato. Anche la gara a squadre si risolve in una debacle: l'Italia, vincitrice di due degli ultimi tre campionati mondiali, è sconfitta 9-6 dalla Germania Ovest (per Borella 1 vittoria e 3 sconfitte) e si deve accontentare del 7º posto finale.

L'ultima apparizione olimpica del campione mestrino è ai Giochi di Barcellona nel 1992 dove Borella, a un passo dalla zona medaglie patisce un infortunio[senza fonte] ed è battuto nei quarti dal tedesco Udo Wagner per 2 assalti a 1, dovendosi accontentare del 5º posto. La squadra azzurra si ferma al 6º posto, fermata nei quarti dall'Ungheria per 9-5.

L'ultima medaglia d'oro ai Campionati mondiali di scherma 1994 ad Atene, nella prova di fioretto a squadre con Marco Arpino, Stefano Cerioni e Alessandro Puccini.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

In carriera ha conseguito i seguenti risultati:

Los Angeles 1984: oro nel fioretto a squadre.
Buenos Aires 1977: argento nel fioretto a squadre.
Melbourne 1979|: argento nel fioretto a squadre.
Clermont-Ferrand 1981: argento nel fioretto a squadre.
Roma 1982: bronzo nel fioretto a squadre.
Barcellona 1985: oro nel fioretto a squadre.
Sofia 1986: oro nel fioretto individuale ed a squadre.
Lione 1990: oro nel fioretto a squadre ed argento individuale.
Essen 1993: argento nel fioretto a squadre.
Atene 1994: oro nel fioretto a squadre.
Foggia 1981: oro nel fioretto individuale.
Moedling 1982: bronzo nel fioretto individuale.
Lisbona 1983: oro nel fioretto individuale.
Atene 1991: bronzo nel fioretto individuale.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Campione olimpico del 1984 fioretto a squadre»
— Roma, 2015.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Benemerenze sportive di Andrea Borella, su coni.it, Comitato Olimpico Nazionale Italiano. URL consultato il 31 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]