Fioretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fioretto (disambigua).
Fioretto italiano

Il fioretto è una delle tre armi della scherma.

Descrizione dell'arma[modifica | modifica wikitesto]

È un'arma accademica (nata cioè per l'insegnamento della scherma); si compone di due parti, la lama e la guardia.
La lama è solitamente lunga 90 cm (è possibile anche che sia lungo 85 cm per i bambini, e si trovano in commercio anche lame da 88) ed è divisa in gradi: forte, medio e debole e termina con un bottone. È una specialità olimpica.

La guardia può avere diverse impugnature: italiana, francese, anatomica. La differenza tra i vari tipi di impugnatura è data dal diverso modo di inserire la mano su esse ed imprime allo schermitore un diverso stile di combattimento. L'impugnatura italiana ha la coccia, il cuscinetto, il ricasso, gli archetti di unione, il manico ed il pomolo, invece l'impugnatura francese ha il manico diritto leggermente incurvato verso l'esterno della guardia dello schermitore.

Ad oggi l'impugnatura italiana non è più utilizzata ed è stata quasi completamente sostituita da quella anatomica (ideata da un Maestro di Vercelli: Francesco Visconti) e, talvolta (soprattutto in Francia), da quella francese.

Le regole del combattimento[modifica | modifica wikitesto]

In rosso le parti valide come bersaglio

Il bersaglio del fioretto è costituito da un giubbetto conduttivo (comunemente, ma impropriamente detto giubbetto elettrico) che ricopre tutta la zona del tronco, ovvero torace, addome, fianchi, schiena e da agosto 2008, grazie alla maschera, anche la zona al di sotto del mento (gorgiera)[1]; tutte le altre zone del corpo sono coperte dalla sola divisa bianca in tessuto elastico e costituiscono bersaglio non valido. Questa limitazione del bersaglio è retaggio dell'origine della scherma di fioretto. Difatti, nascendo il fioretto come arma di addestramento, l'allievo era impratichito a colpire le parti vitali del proprio avversario.
Il giubbetto conduttivo e il fioretto sono collegati tramite un cavo a un apparecchio che segnala, con suono e luci di diverso colore (solitamente: rosso o verde per il bersaglio valido, giallo o bianco per il bersaglio non valido), l'impatto della punta del fioretto sull'avversario. Il cavo conduttore viene infilato, attraverso la manica della mano armata, all'interno della divisa dello schermitore: per questo motivo è detto "passante". A seconda del colore della luce l'arbitro può stabilire se lo schermitore ha toccato l'avversario in bersaglio valido o non valido.

Il fioretto, assieme alla sciabola, è definito "arma convenzionale", ovvero è un'arma disciplinata da un regolamento per l'assegnazione della stoccata. Per avere assegnata la stoccata, o botta in gergo schermistico, l'atleta deve non solo colpire un bersaglio valido, ma deve farlo avendo iniziato l'attacco prima del suo avversario. Chi è in difesa, o non ha la priorità dell'attacco, per mettere a segno una stoccata valida dovrà prima parare l'attacco dell'avversario e rispondere con una botta o mandarlo a vuoto facendo pressione verso l'esterno.

Fioretto a squadre[modifica | modifica wikitesto]

Tre titolari ed una eventuale riserva di ognuna delle due squadre si affrontano a rotazione in nove assalti da 3 minuti ciascuno, per un tempo totale di 27 minuti.
Ognuno degli assalti termina al raggiungimento da parte della squadra in vantaggio di un punteggio che sia multiplo di 5 (e quindi a 5, 10, 15 punti e così via): vince l'incontro la prima squadra che ottiene 45 punti.
In ogni caso gli assalti terminano al raggiungimento della soglia individuale di 3 minuti e di quella totale dei 27 minuti. In caso di parità al termine dell'incontro è previsto un unico assalto supplementare: il primo a piazzare la stoccata vince.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La foggia dell'arma deriva dall'evoluzione dello spadino, un'arma bianca prevalentemente di punta sviluppatasi intorno al XVIII secolo a partire dalla spada a striscia seicentesca. Il nome fioretto (in francese "fleuret") deriva dall'usanza, attestatasi nelle scuole di scherma, di apporre sulle armi da allenamento un "bottone di sicurezza", spesso realizzato in cuoio, simile come forma ad un fiore, per evitare che gli allievi potessero ferirsi durante la pratica.[2]

L'invenzione del fioretto è stata, a volte, erroneamente attribuita al maestro Fiore dei Liberi, uno dei primi maestri italiani di scherma di cui si ha notizia, nato in Friuli e vissuto a cavallo tra il XIV e il XV secolo. Il motivo di questa diceria deriva dall'assonanza tra il nome del maestro (Fiore, appunto) e il nome dell'attrezzo schermistico (fioretto).

In questa ipotesi vi è una grossa incongruenza storica, in quanto le prime armi che possono essere riconosciute come antenati del moderno fioretto sono, come già detto, gli spadini, armi apparse intorno al XVIII secolo, epoca ben lontana da quella in cui visse il maestro. Inoltre non vi è alcuna traccia riconducibile ad una presunta invenzione del fioretto da parte di Fiore de' Liberi, e non vi è traccia di armi simili (o dal nome similare) negli scritti del maestro (o nel suo manuale di scherma, noto come Flos Duellatorum). Ad alimentare queste voci ha contribuito il fatto che nello stemma del Comune di Premariacco (in provincia di Udine), dove Fiore dei Liberi nacque e visse, sia stato inserito il disegno di un "fioretto" (si tratta in realtà di una spada a striscia).

Campioni italiani[modifica | modifica wikitesto]

Quest'arma ha dato grandi soddisfazioni alla nazionale italiana.
Tra i più grandi fiorettisti di tutti i tempi molti sono italiani e tra questi spiccano:

nel fioretto maschile.

In quello femminile:

Tra i campioni di tutti i tempi vanno ricordati il livornese Nedo Nadi e il milanese Edoardo Mangiarotti che detiene il record nazionale di medaglie vinte alle Olimpiadi, ben 13. Storico il risultato delle atlete italiane del fioretto all'Olimpiade di Londra 2012: podio tutto italiano nell'individuale (oro per Elisa Di Francisca, argento ad Arianna Errigo e bronzo a Valentina Vezzali) e oro nel fioretto a squadre dove, oltre alle atlete già citate, compariva anche Ilaria Salvatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regolamento tecnico per le gare di scherma, agosto 2008, pagg. 16-17
  2. ^ http://www.schermalegnano.it/download/storia.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scherma Portale Scherma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scherma