Thomas Bach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thomas Bach
Bach Thomas 01.jpg

Presidente del Comitato Olimpico Internazionale
In carica
Inizio mandato 10 settembre 2013
Predecessore Jacques Rogge
Thomas Bach
14-01-10-tbh-015.jpg
Nazionalità Germania Germania
Altezza 171 cm
Peso 65 kg
Scherma Fencing pictogram.svg
Specialità Fioretto
Palmarès
bandiera Germania Ovest
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Montréal 1976 Fioretto sq.
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Goteborg 1973 Fioretto sq.
Oro Buenos Aires 1977 Fioretto sq.
Bronzo Melbourne 1979 Fioretto sq.
 

Thomas Bach (Würzburg, 29 dicembre 1953[1]) è un ex schermidore e dirigente sportivo tedesco.

È presidente del Comitato Olimpico Internazionale dal 10 settembre 2013. Da atleta ha conquistato una medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Montréal 1976 e ai Mondiali 1977, in entrambe le occasioni nel fioretto a squadre. Parla correntemente francese, inglese, spagnolo e tedesco[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Schermidore[modifica | modifica wikitesto]

Bach vanta complessivamente tre medaglie mondiali e una olimpica, conquistate sempre nel fioretto a squadre rappresentando la Germania Ovest. La prima di esse è datata 1973, ai Mondiali di Göteborg: insieme con Behr, Peter, Hehn, Szepesi e Hein centrò l'argento; la squadra venne sconfitta dall'Unione Sovietica.

Tre anni più tardi conquistò l'oro olimpico a Montréal, e a farne le spese fu l'Italia; nella squadra tedesca figuravano ancora Hein e Behr, oltre a Reichert e Sens-Gorius. Bach riuscì a bissare l'oro ai Mondiali 1977 di Buenos Aires, grazie al successo in finale (in squadra figuravano Hein, Behr e Reichert) ancora ai danni dell'Italia. Nell'edizione 1979 a Melbourne la Germania Ovest non riuscì a confermare il titolo, fermandosi alla medaglia di bronzo.

A livello individuale Bach ha conquistato il titolo tedesco del fioretto nel 1977 e nel 1978[3].

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Bach ha cominciato la propria carriera dirigenziale nella Federazione tedesca come rappresentante degli atleti già dal 1975. Nel 1981 è tra i primi membri della neonata Commissione Atleti del CIO, facendone poi parte fino al 1988[3]. Nel 1982 viene eletto tra i membri del Comitato Olimpico Tedesco rimanendovi fino al 1991, anno in cui entra a far parte del Comitato Olimpico Internazionale[3].

Al CIO si occupa inizialmente della Commissione giuridica e della Commissione marketing; dal 1994 è presidente della Camera d'Appello della Court of Arbitration for Sport (CAS). Dal 1996 al 2004 è stato uno dei membri della Executive Board del CIO. Nel 2000 viene eletto vicepresidente durante il mandato di Juan Antonio Samaranch, rimanendovi in carica sino al 2004 e tornando nel ruolo ancora una volta nel 2006, sotto la presidenza di Jacques Rogge[3].

Dal 2000 al 2006 è stato tra i supervisori del comitato organizzatore dei Mondiali di calcio del 2006. Proprio nel 2006 viene eletto a capo del Comitato Olimpico Tedesco[3].

Il 10 settembre 2013 è stato eletto presidente del Comitato Olimpico Internazionale[4].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1981
Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg
— 12 maggio 1984
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania
— 1993
Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mr Thomas Bach, CIO. URL consultato il 12 settembre 2013.
  2. ^ Lord of the Rings: new IOC chief Thomas Bach
  3. ^ a b c d e Thomas Bach (PDF), DOSB. URL consultato il 12 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2013).
  4. ^ (EN) Thomas Bach elected new IOC President, CIO, 10 settembre 2013. URL consultato il 12 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59968632 · GND (DE122548515