Air Afrique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Air Afrique
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATARK
Codice ICAORKA
Identificativo di chiamataAir Afrique[1]
Descrizione
HubAeroporto di Abidjan
AlleanzaAir France
Destinazionitutti i paesi francofoni dell'Africa
Azienda
Fondazione1961
Chiusura2002
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Air Afrique è stato il nome dato a diverse compagnie aeree africane, la più antica risale al 1926 e la più recente è scomparsa nel 2002.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Air Afrique è stata in principio una compagnia aerea fondata nel 1926 e che nel 1928 ha preso il nome di Transafricaine.

Su iniziativa dello Stato francese è stata creata l'11 maggio 1934 la Régie Air Afrique, che mirava a semplificare il funzionamento delle compagnie aeree delle colonie francesi in Africa. Essa entra in funzione il 7 settembre 1934 con l'inaugurazione di una linea tra Algeri e Niamey con un Bloch MB 120. Questa linea è stata rapidamente estesa su Fort-Lamy e il Congo e aperta ai passeggeri il 27 aprile 1935. Essa assorbe gradualmente le Lignes aériennes Nord-africaines (LANA), istituite nel 1934, la Transafricaine del 1928 e, il 1º gennaio 1937 la Régie Malgache creata nel 1934. Messa in sonno all'inizio della seconda guerra mondiale, si unì ad Air France nel 1941.

Il più recente Air Afrique è costituita il 28 marzo 1961 da un accordo tra undici Stati africani francofoni. L'accordo fa seguito alla conclusione che nessuno di quei paesi dispone dei mezzi finanziari per finanziare una sola compagnia aerea nazionale, ma anche dalla volontà di creare una grande compagnia africana.

Detenendo ciascuno il 6,54% del capitale,[2] i soci fondatori sono undici: il Camerun, la Repubblica Centrafricana, il Congo-Brazzaville; la Costa d'Avorio, il Dahomey, il Gabon, l'Alto Volta, la Mauritania, il Niger, il Senegal e il Ciad.[2] La Société pour le Développement du Transport Aérien en Afrique (SODETRAF) (UTA maggioritaria e Air France) deteneva il 33% del capitale La sede della società si trovava simbolicamente ad Abidjan e il primo direttore generale (1961-1973) è stato il senegalese Cheikh Boubacar Fall (†2006).

I primi voli hanno avuto luogo il 15 ottobre 1961 con un Super Constellation noleggiato da Air France.[3]

La ripartizione del capitale varierà nel tempo con le variazioni dei partner. Il Togo ha aderito al gruppo il 1º gennaio 1968, entrando nel capitale al 6% co un prelievo sulle quote detenute dalla SODETRAF,[3] il Camerun si ritira nel settembre 1971 per creare la Cameroon Airlines, seguito dal Gabon nel 1976.

La rete dell'Air Afrique è in rapida espansione e serve 22 paesi africani, l'Europa (Bordeaux, Lione, Marsiglia, Nizza, Parigi, Ginevra, Zurigo, Roma, Las Palmas) e New York.[2] Alla fine degli anni settanta, la flotta consta di tre McDonnell Douglas DC-10-30, sette Douglas DC-8, un cargo DC-8-63F e tre Caravelle.[3]

All'inizio degli anni '80 ha avviato un programma di ammodernamento della flotta con una presentazione speciale del primo Airbus A300. Nel 2002 essa possiede, tra gli altri, Airbus A310, A300, A330 e DC-10.

Air Afrique è stata gravemente colpita dalle crisi petrolifere e i suoi ultimi direttori generali (Yves Roland-Billecart, Harry Tirvengadum - già PDG dell'Air Mauritius -, Pape Thiam) non riescono a ristabilire l'equilibio finanziario e sono costretti a sospendere le operazioni nel novembre 2001. Dichiarata fallita il 7 febbraio 2002, dopo una lenta agonia, è posta in liquidazione il 26 aprile 2002.

Aerei utilizzati[modifica | modifica wikitesto]

I Boeing 747 di Air Afrique[modifica | modifica wikitesto]

Boeing 747

Air Afrique ne ha utilizzati 4.
Numeri di costruzione:

  • 079 - Serie 100, noleggiato nel 1985.
  • 192 - Serie SR (Short Range), noleggiato nel 1997.
  • 346 - Serie 200B, noleggiato nel 2000.
  • 472 - Serie 200F (Cargo), consegnato nel 1980, in servizio fino al 1985.

Gli Airbus di Air Afrique[modifica | modifica wikitesto]

Airbus A300

Air Afrique ne ha utilizzati 9.
Numeri di costruzione:

  • 031 - Serie B4-100, noleggiato dal 1998 al 2000.
  • 137 - Serie B4-200, consegnato nel 1981, in servizio fino al termine delle operazioni.
  • 161 - Serie B4-200, noleggiato dal 1998 al 1999.
  • 243 - Serie B4-200, consegnato nel 1985, in servizio fino al termine delle operazioni.
  • 282 - Serie B4-200, consegnato nel 1984, danneggiato irreparabilmente nel 2000.
  • 657 - Serie B4-600R, noleggiato dal 2000 fino al termine delle operazioni.
  • 659 - Serie B4-600R, noleggiato nel 2000.
  • 744 - Serie B4-600R, consegnato nel 1995, in servizio fino al termine delle operazioni.
  • 749 - Serie B4-600R, consegnato nel 1995, in servizio fino al termine delle operazioni.
Airbus A310

Air Afrique ne ha utilizzati 8.
Numeri di costruzione:

  • 435 - Serie 300, noleggiato dal 1994 al 1995.
  • 440 - Serie 300, noleggiato dal 1994 al 1995.
  • 571 - Serie 300, consegnato nel 1991, in servizio fino al 1998.
  • 595 - Serie 300, noleggiato dal 1999 al 2001.
  • 638 - Serie 300, noleggiato dal 1998 al 2001.
  • 651 - Serie 300, consegnato nel 1992, in servizio fino al 1998.
  • 652 - Serie 300, consegnato nel 1992, in servizio fino al 1998.
  • 671 - Serie 300, consegnato nel 1993, in servizio fino al 1998.
Airbus A330

Air Afrique ne ha utilizzati 2.
Numeri di costruzione:

  • 358.[4] - Serie 200, consegnato nel 1999, in servizio fino al termine delle operazioni.
  • 364 - Serie 200, consegnato nel 1999, in servizio fino al termine delle operazioni.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 1987, Mohammed Hussein Hariri, un uomo che dichiarava di essere un membro di Hezbollah, dirottò un DC-10 di Air Afrique in rotta da Roma a Parigi. Egli chiese di essere portato a Beirut e, come un segno della sua determinazione, uccise un passeggero francese, uno dei 148 passeggeri a bordo del volo. Egli ha anche gravemente ferito una hostess, che aveva tentato di bloccarlo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ fonte: Airframes.org.
  2. ^ a b c World Airlines Directory, Flight International 2 avril 1983 p.872.
  3. ^ a b c World Airline Fleet 1978 p.380, Airline Publications (ISBN 0-905117-40-9).
  4. ^ a b L'Airbus A330 numero di costruzione 358, ha poi volato con la compagnia italiana Eurofly.
  5. ^ Deux appareils loués à l'aviation militaire du Dahomey, deux appareils loués à Air Ivoire et un acheté en 1965 et retiré d'exploitation en 1973. The Douglas DC-3 and its predecessors p.168, Air Britain Publication (ISBN 0-85130-119-3).

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Flight International. Sutton, UK: Reed Business Information. ISSN 0015-3710. (various backdated issues relating to Air Afrique, 1961–2001)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157844256 · ISNI (EN0000 0001 0537 1335 · BNF (FRcb11872908v (data)