Wisła Kraków

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wisła Kraków
Calcio Football pictogram.svg
Biała Gwiazda (Stella Bianca)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Rosso e Blu diagonale con stella bianca.png Rosso-blu-bianco
Simboli Stella bianca
Dati societari
Città Cracovia
Paese Polonia Polonia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Poland.svg PZPN
Campionato Ekstraklasa
Fondazione 1906
Presidente Polonia Ludwik Miętta-Mikołajewicz
Allenatore Polonia Franciszek Smuda
Stadio Stadion Miejski
(33.326 posti)
Sito web www.wisla.krakow.pl
Palmarès
Titoli nazionali 13 Campionati polacchi
Trofei nazionali 4 Coppe di Polonia
1 Supercoppa di Polonia
1 Coppa di Lega polacca
Si invita a seguire il modello di voce

Il Wisła Kraków (nome completo in polacco Wisła Kraków Spółka Akcyjna), nota anche in italiano come Wisła Cracovia, è una società calcistica polacca con sede nella città di Cracovia. Assieme alla concittadina e rivale storica KS Cracovia è una delle società più importanti presenti in Polonia. Milita nella Ekstraklasa, la massima serie del campionato polacco di calcio.

Con tredici campionati polacchi vinti e quattro Coppe di Polonia è una delle squadre più titolate della Polonia. A livello internazionale il massimo traguardo è il raggiungimento dei quarti di finale nella Coppa dei Campioni 1978-1979.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Wisła vincitore del campionato 1927

Il Wisła Cracovia viene fondato nel 1906 a Cracovia. Wisła significa Vistola, il fiume che bagna la città.

Partecipa per la prima volta al campionato nazionale nel 1923, e si classifica secondo. Vince la prima Coppa di Polonia nel 1926, il primo titolo nel 1927, e il secondo l'anno successivo. Fino a dopo la Seconda guerra mondiale non vince più campionati, ma si mantiene comunque nelle posizioni di vertice.

Nel Dopoguerra vince subito un titolo nel 1949, e un altro l'anno successivo. Conclude anche il campionato 1951 al primo posto, ma curiosamente la Federazione decide di assegnare il titolo al Ruch Chorzów vincitore quell'anno della Coppa nazionale, conquistata battendo in finale proprio il Wisła[1].

Negli anni immediatamente successivi però, dopo un buon terzo posto nel campionato 1953, la squadra si classifica stabilmente nelle posizioni di metà classifica, fino alla stagione 1963-1964, quando il tredicesimo posto finale costa la retrocessione in II liga. Il Wisła vince però immediatamente il campionato di seconda divisione, e nella stagione 1965-1966 è già secondo in massima divisione. Conclude la stagione successiva in decima posizione, ma la vittoria della seconda Coppa di Polonia permette alla squadra l'esordio nelle competizioni europee: disputa infatti la Coppa delle Coppe 1967-1968 e qui, dopo aver eliminato facilmente i finlandesi dell'HJK, viene eliminato negli ottavi dall'Amburgo.

Dopo un'altra decina di campionati lontano dal vertice, il Wisła conquista un terzo posto nella stagione 1975-1976, che vale la partecipazione alla Coppa UEFA 1976-1977, ma il cammino si arresta nel secondo turno per opera dei belgi del Molenbeek che eliminano i polacchi ai calci di rigore, dopo che entrambe le partite erano terminate 1-1.

Uno dei protagonisti di quegli anni è senza dubbio Kazimierz Kmiecik, capocannoniere del campionato per quattro volte nella seconda metà degli anni settanta, nonché miglior marcatore di tutti i tempi della squadra. Anche grazie ai suoi gol il Wisła può festeggiare nuovamente il titolo nella stagione 1977-1978, dopo quasi trent'anni. Partecipa quindi alla Coppa dei Campioni 1978-1979, e qui realizza quello che ad oggi è il miglior piazzamento europeo: elimina il Bruges e lo Zbrojovka Brno prima di venir sconfitto nei quarti dal Malmö poi finalista. In patria in quella stagione è finalista della Coppa di Polonia, ma conclude il campionato in tredicesima posizione. Nel campionato 1980-1981 si classifica secondo, ma nella Coppa UEFA 1981-1982 viene eliminato al primo turno, sempre dal Malmö. Nel 1984 perde la finale della Coppa di Polonia con il Lech Poznań, ma partecipa anche alla Coppa delle Coppe 1984-1985 in quanto il Lech vince anche il campionato. Viene però eliminato negli ottavi dal Fortuna Sittard.

Al termine del campionato 1984-1985 il Wisła retrocede in seconda divisione. Ritorna in massima serie dopo tre campionati, nella stagione 1988-1989. È di nuovo terzo nel 1990-1991, ma al termine della stagione 1993-1994 retrocede nuovamente. Torna in massima divisione nel campionato 1996-1997. La stagione successiva ottiene un altro terzo posto, e può partecipare alla Coppa UEFA 1998-1999. La squadra supera facilmente due turni di qualificazione e i trentaduesimi, e nei sedicesimi viene sorteggiata con il Parma. Nella partita di andata in Polonia un giocatore della squadra italiana, Dino Baggio, viene ferito alla testa da un coltello lanciato da un tifoso che gli causa cinque punti di sutura[2]. A causa di questo grave episodio il Wisła viene squalificato per un anno dalle competizioni europee[3]. Per la cronaca il Wisła viene eliminato dalla competizione, infatti, dopo aver pareggiato all'andata 1-1, perde 2-1 il ritorno al Tardini. In quella stagione la squadra vince il sesto titolo polacco ma, per come detto, non può partecipare alla Champions League.

Gli anni duemila si aprono con un secondo posto nel campionato 1999-2000 e una finale di Coppa persa sempre nello stesso anno. Nella stagione successiva il Wisła festeggia invece il settimo titolo, ma nella successiva Champions League incontra il Barcellona nel terzo turno preliminare che, vincendo entrambe le partite dirotta i polacchi in Coppa UEFA. Qui è l'Inter ad eliminare nel secondo turno il Wisła dalla competizione. In Patria, sempre in quella stagione, la squadra finisce seconda in campionato, e vince la terza coppa. Nella stagione successiva partecipa alla Coppa UEFA dove, dopo aver eliminato tra gli altri il Parma, viene eliminato negli ottavi dalla Lazio, ma, fatto più importante, realizza un double vincendo sia il campionato che la Coppa. Vince il campionato anche nel 2003-2004 e nel 2004-2005, ma in tutte e tre i casi non riesce ad accedere alla fase a gironi della Champions League, e termina il cammino sempre in Coppa UEFA. Partecipa anche alla Coppa UEFA 2006-2007 ed accede alla fase a gironi, ma nel gruppo si classifica quarto su cinque squadre, e viene eliminato.

Dopo due anni senza successi il Wisła torna a vincere il campionato polacco nella stagione 2007-2008, con quattro giornate di anticipo. Nella stessa stagione il Wisła accede al secondo turno preliminare di Champions League dove riesce a superare il Beitar Gerusalemme per 5-0, ribaltando così l'1-2 subito all'andata. Nel terzo turno preliminare si vede eliminato dal Barcellona, perdendo la gara di andata per 4-0 ma riuscendo ad imporsi nella gara di ritorno per 1-0. Questo risultato storico suscita molta euforia tra la tifoseria polacca. Nel primo turno di Coppa UEFA il Wisła non riesce a rimanere in Europa, venendo sconfitto dal Tottenham Hotspur. Nella stagione 2008-2009, superando 2-0 lo Śląsk Wrocław nell’ultimo turno di campionato, il club di Cracovia conserva tre punti di vantaggio sul Legia Varsavia, e si laurea campione di Polonia per il secondo anno consecutivo. Due anni dopo torna a vincere il campionato, nella stagione 2010-2011, titolo ottenuto con tre turni d'anticipo grazie al successo sui rivali del Cracovia. Il Wisła mette così il tredicesimo titolo in bacheca, e partecipa alla Champions League. Viene però eliminato ai playoff dall'APOEL, e si ritrova così alla fase a gironi dell'Europa League. Qui passa il turno classificandosi secondo nel gruppo alle spalle del Twente, ma viene eliminato ai sedicesimi di finale dallo Standard Liegi.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Wisła Cracovia
  • 1906: fondazione del club

  • 1921 ·
  • 1922 ·
  • 1923 · 2º nel Mistrzostwo Polski.
  • 1925 · 3º nel Mistrzostwo Polski.
  • 1926 ·
Vince la Puchar Polski (1º titolo).
  • 1927 Polonia Campione di Polonia (1º titolo).
  • 1928 Polonia Campione di Polonia (2º titolo).
  • 1929 · 3º nella liga.

  • 1930 · 2º nella liga.
  • 1931 · 2º nella liga.
  • 1932 · 6º nella liga.
  • 1933 · 3º nella liga.
  • 1934 · 3º nella liga.
  • 1935 · 4º nella liga.
  • 1936 · 2º nella liga.
  • 1937 · 5º nella liga.
  • 1938 · 3º nella liga.

  • 1948 · 2º in I liga.
  • 1949 Polonia Campione di Polonia (3º titolo).

  • 1950 Polonia Campione di Polonia (4º titolo).
  • 1951 · 1º in I liga[4].
Finalista in Puchar Polski.
  • 1952 · 4º in I liga.
  • 1953 · 3º in I liga.
  • 1954 · 8º in I liga.
Finalista in Puchar Polski.
  • 1955 · 7º in I liga.
  • 1956 · 5º in I liga.
  • 1957 · 9º in I liga.
  • 1958 · 7º in I liga.
  • 1959 · 7º in I liga.

  • 1960 · 8º in I liga.
  • 1961 · 4º in I liga.
  • 1962 · 6º in I liga.
  • 1962-63 · 8º in I liga.
  • 1963-64 1downarrow red.svg 13º in I liga. Retrocesso in II liga
  • 1964-65 1º in II liga. 1uparrow green.svg Promosso in I liga
  • 1965-66 · 2º in I liga.
  • 1966-67 · 10º in I liga.
Vince la Puchar Polski (2º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.

Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
  • 1977-78 Polonia Campione di Polonia (5º titolo).
  • 1978-79 · 13º in I liga.
Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Puchar Polski.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
  • 1985-86 · 2º in II liga.
  • 1986-87 · 4º in II liga.
  • 1987-88 · 2º in II liga; vince il playoff contro il Górnik Knurów. 1uparrow green.svg Promosso in I liga
  • 1988-89 · 12º in I liga.
  • 1989-90 · 9º in I liga.

  • 1990-91 · 3º in I liga.
  • 1991-92 · 7º in I liga.
  • 1992-93 · 10º in I liga.
  • 1993-94 1downarrow red.svg 15º in I liga. Retrocesso in II liga
  • 1994-95 · 3º in I liga.
  • 1995-96 2º in II liga. 1uparrow green.svg Promosso in I liga
  • 1996-97 · 12º in I liga.
  • 1997-98 · 3º in I liga.
  • 1998-99 Polonia Campione di Polonia (6º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista in Puchar Polski.

  • 2000-01 Polonia Campione di Polonia (7º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Puchar Polski (3º titolo).
Vince la Superpuchar Polski (1º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
  • 2002-03 Polonia Campione di Polonia (8º titolo).
Vince la Puchar Polski (4º titolo).
Eliminato nel quarto turno della Coppa UEFA.
  • 2003-04 Polonia Campione di Polonia (9º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
  • 2004-05 Polonia Campione di Polonia (10º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
  • 2007-08 Polonia Campione di Polonia (11º titolo).
Finalista in Puchar Polski.
  • 2008-09 Polonia Campione di Polonia (12º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno preliminare della Champions League.

  • 2010-11 Polonia Campione di Polonia (13º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare dell'Europa League.
Eliminato nei playoff della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi di finale dell'Europa League.

Cronologia dei nomi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1906: TS Wisła Kraków
  • 1949: ZS Gwardia-Wisła Kraków
  • 1955: TS Wisła Kraków
  • 1967: GTS Wisła Kraków
  • 1990: TS Wisła Kraków
  • 1997: TS Wisła Kraków - Piłka Nożna SSA
  • 1999: Wisła Kraków SSA
  • 2007: Wisła Kraków SA

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni trofei vinti dal Wisla
1927, 1928, 1949, 1950, 1977/78, 1998/99, 2000/01, 2002/03, 2003/04, 2004/05, 2007/08, 2008/09, 2010-2011
1925/26, 1966/67, 2001/02, 2002/03
2001
2001
1969, 1970, 1973

Giocatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Wisła Kraków.

Allenatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori del Wisła Kraków.

Rosa 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata all 8 Novembre 2014.[6]

N. Ruolo Giocatore
3 Polonia D Michał Czekaj
4 Polonia D Maciej Sadlok
5 Polonia D Dariusz Dudka
6 Polonia D Arkadiusz Głowacki
7 Polonia C Maciej Jankowski
9 Polonia C Rafał Boguski
10 Polonia C Łukasz Garguła
11 Haiti C Emmanuel Sarki
13 Serbia D Marko Jovanović
14 Polonia A Mariusz Stępiński
17 Macedonia C Ostoja Stjepanović
18 Bosnia ed Erzegovina C Semir Štilić
21 Polonia D Łukasz Burliga
22 Polonia P Michał Buchalik
N. Ruolo Giocatore
23 Polonia A Paweł Brożek
25 Brasile C Lucas Guedes
26 Ungheria D Richárd Guzmics
27 Polonia C Kamil Kuczak
28 Polonia A Adrian Wójcik
29 Polonia A Tomasz Zając
30 Polonia P Gerard Bieszczad
32 Polonia C Przemysław Lech
34 Polonia C Alan Uryga
37 Polonia D Michał Bierzało
38 Polonia D Bartłomiej Kolanko
40 Polonia P Mateusz Zając
43 Polonia D Piotr Żemło
77 Haiti C Wilde Donald Guerrier

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Poland Final Tables
  2. ^ Un coltello vola in campo, paura per Baggio, corriere.it, 21 ottobre 1998. URL consultato il 22 settembre 2012.
  3. ^ www.rsssf.com.
  4. ^ L'edizione 1951 del Campionato polacco di calcio vide il Wisła Kraków arrivare primo. Tuttavia quell'anno la federcalcio polacca decise di assegnare il titolo alla vincente della coppa di Polonia, il Ruch Chorzów, giunto solo sesto in campionato.
  5. ^ L'edizione 1951 del Campionato polacco di calcio vide il Wisła Kraków arrivare primo. Tuttavia quell'anno la federcalcio polacca decise di assegnare il titolo alla vincente della coppa di Polonia, il Ruch Chorzów, giunto solo sesto in campionato.
  6. ^ Rosa 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]