William Powell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
William Powell nel film Il fantino di Kent (1936)

William Powell, nato William Horatio Powell (Pittsburgh, 29 luglio 1892Palm Springs, 5 marzo 1984), è stato un attore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

William Powell nacque a Pittsburgh, in Pennsylvania, da una famiglia agiata. Contravvenendo all'ambizione paterna, che lo avrebbe voluto avvocato, decise di fare l'attore e all'età di 18 anni, si trasferì a New York, dove frequentò con successo l'American Academy of Dramatic Arts[1].

Inizio di carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato come attore teatrale nella provincia americana, nei primi anni venti diventò un nome celebre a Broadway. Perfetto interprete di commedie brillanti, venne notato dai produttori cinematografici, che lo fecero debuttare nel 1922 per impiegarlo come attore romantico in film sentimentali e d'avventura[1].

Nel 1930 divorziò dalla sua prima moglie, l'attrice Eileen Wilson, dalla quale ebbe il suo unico figlio William David Powell, morto suicida nel 1968.

Gli anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

William Powell e Myrna Loy in L'ombra dell'uomo ombra

Nei primi anni trenta diventò un divo di primo piano quando, scritturato dalla MGM, interpretò una serie di commedie di successo, una su tutte l'indimenticabile L'uomo ombra (1934) di W.S. Van Dyke, al fianco di Myrna Loy, in cui interpretò con verve ed eleganza il sofisticato detective Nick Charles, nato dalla penna di Dashiell Hammett.

Il secondo matrimonio con l'attrice Carole Lombard durò dal 1931 al 1933, e accanto a lei Powell interpretò il ruolo dell'elegante barbone nella commedia L'impareggiabile Godfrey (1936) di Gregory La Cava, per cui si aggiudicò una nomination all'Oscar.

Dopo il divorzio, Powell ebbe un'intensa relazione con Jean Harlow, interrotta nel 1937 dall'improvvisa morte di lei, stroncata a soli 26 anni da una nefrite acuta. Per la "bionda platino", dopo due matrimoni fallimentari, l'attore aveva rappresentato l'unico compagno affidabile. Nella camera ardente della Harlow spiccò il cuscino di fiori di Powell, accompagnato da un biglietto con la semplice scritta Buonanotte, tesoro[1].

Nel 1943 Powell sposò l'attrice Diana Lewis, con cui vivrà felicemente fino alla morte.

Gli anni quaranta[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni quaranta continuò ad interpretare numerosi film - tra cui i sequel de L'uomo ombra - aggiudicandosi un nuova nomination all'Oscar per la sua interpretazione del brusco banchiere protagonista del dramma Vita col padre (1947) di Michael Curtiz.

Molti cinefili ricordano la sua delicata interpretazione di un vedovo in cerca di una nuova moglie nel film Come sposare un milionario (1953) di Jean Negulesco, accanto a Lauren Bacall, Marilyn Monroe e Betty Grable. Nel 1955, dopo un'ultima interpretazione nella commedia Mister Roberts (1955) di John Ford, si ritirò dalle scene.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Si spense a Palm Springs, in California, nel 1984, all'età di 91 anni. Venne sepolto nel Desert Memorial Park a Cathedral City, accanto al figlio e alla sua ultima moglie.

Galleria di foto[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Augusto Marcacci in Come sposare un milionario, Mister Roberts, L'oro maledetto
  • Augusto Galli in Si riparla dell'uomo ombra, Ti amo ancora
  • Gino Cervi in L'impareggiabile Godfrey
  • Sandro Ruffini in Vita col padre, Vita inquieta
  • Stefano Carraro in L'uomo ombra, Dopo l'uomo ombra e L'ombra dell'uomo ombra (ridoppiaggi degli anni settanta)
  • Nando Gazzolo in La maschera di mezzanotte (ridoppiaggio anni settanta)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c American Academy of Dramatic Arts

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34659879 LCCN: n/84/143459