Crepuscolo di gloria (film 1928)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crepuscolo di gloria
The Last Command (1928 film) poster.jpg
Poster originale Paramount Pictures (1928)
Titolo originale The Last Command
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1928
Durata 88 minuti
Colore B/N
Audio muto
Genere avventura, drammatico
Regia Josef von Sternberg
Soggetto Lajos Biró, Josef von Sternberg
Sceneggiatura John S. Goodrich con didascalie di Herman J. Mankiewicz
Produttore Jesse L. Lasky e Adolph Zukor
Produttore esecutivo B.P. Schulberg
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Bert Glennon
Montaggio William Shea
Scenografia Hans Dreier
Costumi Travis Banton
Interpreti e personaggi

Crepuscolo di gloria è un film del 1928 diretto da Josef von Sternberg. Il soggetto di Lajos Biro (che si guadagnò la nomination per il miglior soggetto alla prima edizione degli Academy Awards (Premio Oscar) deriva da un'idea di Ernst Lubitsch.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un vecchio generale zarista è costretto a mendicare particine di comparsa nei film hollywoodiani. Un famoso regista russo, Leo Andreiev, lo riconosce in una fotografia e ordina che al vecchio venga data una parte nel film che sta girando e che ha come soggetto il crollo della Russia zarista. Ricorda la Russia del 1917, quando viene catturato insieme a Natacha, un'attrice, dal generale Alexander. Leo viene imprigionato e frustato e Natacha accetta la corte del generale per poterlo uccidere. Ma quando giunge il momento, non ci riesce e gli dichiara il suo amore. Anzi, quando i rivoluzionari si impossessano del treno dove si trovano tutti, lo aiuta a evadere, consegnandogli una collana di cui si priva perché lui la possa usare per conquistare la libertà. Il treno salta in aria e Natacha muore. Da quel momento, il generale resta afflitto da un tic nervoso, scuotendo continuamente la testa. Ormai povero, vecchio e solo, a Hollywood non gli resta che ricordare i tempi in cui lui, cugino dello zar, era uno degli uomini più potenti della Russia. Andreiev per il film, gli affida la parte di un generale che combatte alla testa dei suoi uomini: Alexander, con in mano una frusta, si esalta nella parte e crede veramente di essere tornato in guerra: guida i suoi all'ultimo assalto dopo averli incitati a combattere con un discorso alla truppa. Poi, sotto le luci dei riflettori, cade morto, vittima di un collasso. "Abbiamo vinto", sussurra a Andreiev che gli risponde. "Sì, altezza, abbiamo vinto".

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Sternberg scrive nella sua autobiografia di essere lui autore del soggetto tratto da un'idea di Lubitsch, e non l'accreditato Lajos Biro: "..i produttori mi avevano chiesto di mettere il suo nome (nei titoli) perché questo signor Biro figurava da anni sul loro libro paga: bisognava quindi giustificarlo in un modo o in un altro[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Josef von Sternberg, Souvenirs d'un montreur d'ombres, Ed. Robert Laffont, 1966 - trad. dall'inglese di Magdeleine Paz - Pag. 139
  2. ^ (EN) Librarian of Congress Adds Home Movie, Silent Films and Hollywood Classics to Film Preservation List, Library of Congress, 27 dicembre 2006. URL consultato il 2 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Jerry Vermilye, The Films of the Twenties, Citadel Press, 1985 - ISBN 0-8065-0960-0
  • (FR) Josef von Sternberg, Souvenirs d'un montreur d'ombres, Ed. Robert Laffont, 1966 - trad. dall'inglese di Magdeleine Paz
  • Giovanni Buttafava, Sternberg, Il castoro cinema, La Nuova Italia, settembre 1976

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema