Herman J. Mankiewicz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore sceneggiatura originale 1942

Herman Jacob Mankiewicz (New York, 7 novembre 1897Los Angeles, 5 marzo 1953) è stato uno sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver compiuto gli studi alla Columbia University, Mankiewicz lavorò a Berlino come corrispondente americano del Chicago Tribune e, al rientro negli Stati Uniti, durante gli anni venti proseguì la carriera come critico teatrale del New York Times e del The New Yorker[1]. In seguito, grazie all'appoggio di Ben Hecht, entrò nel mondo del cinema come soggettista e sceneggiatore, arrivando a Hollywood nel 1926.

Con l'avvento del sonoro, la sua versatilità di autore di dialoghi per commedie brillanti[2] e, all'inizio degli anni trenta, anche di produttore, gli consentì di legare il proprio nome a film spiritosi come Laughter (1930) e iconoclasti come La guerra lampo dei fratelli Marx (1933)[1]. Tuttavia il suo sofisticato e intellettuale talento lo portò molto spesso in contrasto con le case produttrici. Quando la Warner Brothers lo punì costringendolo a lavorare a un film di Rin Tin Tin, Mankiewicz propose provocatoriamente un soggetto che prevedeva che il cane trascinasse un bambino dentro una casa in fiamme[1].

Mankiewicz è principalmente ricordato per aver collaborato con Orson Welles alla sceneggiatura di Quarto potere (1941), con cui vinse il premio Oscar nel 1942. Costretto a letto da una frattura alla gamba, e assistito da John Houseman, che lo aiutò a tener fede all'impegno, Mankiewicz scrisse il soggetto traendo spunto da molte sue esperienze personali e dalla sua conoscenza diretta con l'editore William Randolph Hearst, ispiratore del personaggio di Charles Foster Kane che diverrà il protagonista del film[1][2].

Sua fu anche la sceneggiatura della versione originale del 1928 del famoso film Gli uomini preferiscono le bionde. Ma se si eccettua Quarto potere, la filmografia di Mankiewicz non rende adeguata testimonianza del suo genio creativo, che fu molto spesso sprecato dai produttori hollywoodiani, e compromesso dai problemi di alcolismo e di gioco d'azzardo[2] che afflissero lo sceneggiatore per gran parte della sua non lunga esistenza[1].

Suo fratello minore fu il regista e produttore Joseph L. Mankiewicz.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 336
  2. ^ a b c Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 734-735

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19881188 LCCN: n83319573