Villa Basilica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Basilica
comune
Villa Basilica – Stemma Villa Basilica – Bandiera
Villa Basilica – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Lucca-Stemma.png Lucca
Amministrazione
Sindaco Giordano Ballini (lista civica Proposta per il Comune di Villa Basilica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 43°55′00″N 10°39′00″E / 43.916667°N 10.65°E43.916667; 10.65 (Villa Basilica)Coordinate: 43°55′00″N 10°39′00″E / 43.916667°N 10.65°E43.916667; 10.65 (Villa Basilica)
Altitudine 330 m s.l.m.
Superficie 36 km²
Abitanti 1 736[1] (31-12-2010)
Densità 48,22 ab./km²
Frazioni Barbagliana, Biecina, Botticino, Boveglio, Capornano, Colognora, Distendino, Duomo, Guzzano, Pariana, Pracando, Ponte a Villa, Pontoro
Comuni confinanti Bagni di Lucca, Borgo a Mozzano, Capannori, Pescia (PT)
Altre informazioni
Cod. postale 55019
Prefisso 0572
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 046034
Cod. catastale L913
Targa LU
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti villesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa Basilica
Posizione del comune di Villa Basilica all'interno della provincia di Lucca
Posizione del comune di Villa Basilica all'interno della provincia di Lucca
Sito istituzionale

Villa Basilica è un comune di 1.768 abitanti della provincia di Lucca.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 99 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Storia[modifica | modifica sorgente]

  • Nel XIII secolo Villa Basilica passò sotto il dominio di Lucca
  • Negli anni 1631/1632 il paese venne devastato da una epidemia di peste

Luoghi e opere di interesse[modifica | modifica sorgente]

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Biscotti - Di grande interesse è il seicentesco palazzo della famiglia Biscotti, famosa dinastia di fabbricanti di spade. Fin dal medioevo la terra di Villa Basilica fu abitata da molti armaioli, specialmente fabbricanti di spade. Le cronache riportano che Cosimo de' Medici, intendendo acquistare delle spade preziose, inviò a Villa Basilica il suo segretario Pulci che le acquistò dallo spadaio Biscottino (1467). Fino alla fine del XVI secolo, si fanno apprezzare le spade prodotte dalla famiglia Biscotti (già famosa nel secolo precedente), nonostante la decadenza in cui lentamente stava cadendo la produzione a seguito della diffusione della polvere da sparo. Il palazzo testimonia il passato di gloria di questa antica e nobile casata che fu decorata con il titolo di nobili.
  • Casa Pasquini e Palazzo Pievanale
  • Monumento ai Caduti, di Alfredo Angeloni

Chiese[modifica | modifica sorgente]

Festival Nazionale Cinema Teatro Televisione[modifica | modifica sorgente]

Villa Basilica dagli anni novanta è sede di un prestigioso premio alle arti dello spettacolo. Inizialmente nato come vetrina cinematografica per cineasti emergenti e come premio legato alle eccellenze del grande schermo dal 2006, anno della sua riforma, ha esteso i riconoscimenti alle diverse muse delle arti perfomative, includendo anche l'ultima nata, la televisione. Con l'istituzione del Premio "Giulia Ammannati" (madre di Galileo Galilei nativa di Villa Basilica), e dell'affidamento della direzione artistica al Giornalista critico cinematografico Franco Mariani, vengono così riconosciute le eccellenze in campo cinematografico, televisivo e teatrale, dalla prosa alla danza fino alla lirica, con riconoscimenti speciali dedicati al settore delle comunicazioni. Negli ultimi anni il festival ha premiato diversi attrici, attori, Maestri del Cinema, personaggi della televisione, del giornalismo e del teatro.

Tra i Maestri del Cinema insigniti del premio Giuliano Montaldo, Luigi Comencini, Gillo Pontecorvo, Franco Zeffirelli, Leonardo Pieraccioni, Alberto Sironi, Giuseppe Ferlito, Alberto Negrin, Stefano Calvagna, Dante Marracini e Cinzia Th Torrini, la prima donna regista ad essere insignita dell'alto riconoscimento del Festival, e Vittorio Rambaldi, figlio del tre volte Premio Oscar Carlo Rambaldi, primo regista internazionale a ricevere l'ambito titolo.

Ad oggi sono oltre 180 i personaggi del mondo dello spettacolo iscritti nell'Albo d'Oro della manifestazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana