Tele2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tele2
Logo
Stato Svezia Svezia
Fondazione 1993
Sede principale Stoccolma
Persone chiave Mike Parton (Chairman), Mats Granryd (CEO)
Settore telecomunicazioni
Prodotti telefonia
Fatturato Green Arrow Up.svg 39,265 miliardi di SEK (2009)
Risultato operativo Green Arrow Up.svg5,527 miliardi di SEK (2009)
Utile netto Green Arrow Up.svg4,519 miliardi di SEK (2009)
Dipendenti 6.680 (2009)
Slogan Perché pagare di più?
Sito web www.tele2.com

Tele2 Aktiebolag (sv. Tele2 società per azioni ) è un operatore di telecomunicazione svedese, presente in 24 Paesi.

Fondato nel 1993, fornisce servizi come operatore telefonico di rete fissa, televisione via cavo, telefonia mobile e per collegamenti ad Internet (ISP).

Tele2 iniziò come azienda di telecomunicazioni in Svezia verso la fine degli anni del 1970 dall'azienda Industriförvaltnings AB Kinnevik. Nel 1981, un gestore di telefonia mobile chiamato Comvik iniziò a fornire servizi telefonia mobile alternativa per Telia. Nel 1986, Kabelvision iniziò ad offrire servizi di televisione via cavo. Nel 1988, Comvik cambiò nome diventando Comviq quando la compagnia ottenne la licenza sul GSM e iniziò a fornire nel 1992.

Nel 1991, Industriförvaltnings AB Kinnevik avviò Tele2 come il primo ISP della Svezia e nel 1997 con la liberalizzazione del telefono in Svezia, Tele2 iniziò a offrire chiamate internazionali.

Nel 1997, le tre compagnie di Comviq, Kabelvision, e Tele2 si unirono utilizzando il marchio Tele2 nei servizi di telefonia di rete fissa e Comviq nei servizi di telefonia mobile. La compagnia ha avuto anche uno sviluppo internazionale con l'acquisizione di compagnie in Estonia, Lettonia, Russia e Francia. Oggi Tele2 fornisce servizi come principale compagnia telefonica nelle nazioni nordiche e baltiche, oltre ad essere gestore alternativo in molte altre nazioni.

Tele2 attualmente opera in Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Russia, Germania, Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Croazia, Francia, Svizzera, Portogallo, Paesi Bassi, Lussemburgo, Liechtenstein e nel Belgio. Le filiali in Gran Bretagna e Irlanda sono state cedute, alla fine del 2005, a Carphone Warehouse.

Dall'ottobre 2007 Tele2 non è più presente in Italia e Spagna, avendo venduto le sue divisioni locali alla Vodafone.

Il suo sviluppo più recente è stato come compagnia televisiva Tango TV (T.TV) in Lussemburgo.

██ Paesi dove Tele2 opera attualmente

██ Paesi dove Tele2 non opera più

In Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi TeleTu.

Tele2 è stata presente in Italia dall'aprile 1999 fino a dicembre 2007.

Ha richiesto la liberalizzazione da Telecom Italia, ovvero l'unbundling, riconosciuta solo a Wind e a Fastweb.

Nell'estate 2005 ha cominciato ad offrire l'ADSL nelle grandi città tra cui Milano e Roma in unbundling, per poi estendere rapidamente il servizio anche in altre numerose zone d'Italia.[senza fonte]

Da gennaio 2006 offre la possibilità ai propri clienti di staccarsi da Telecom Italia.

Nell'autunno 2007 ha inserito nel proprio servizio ADSL una funzione di filtraggio del traffico P2P.

Il 6 ottobre 2007 Tele2 Italia, come Tele2 Spagna, viene acquisita da Vodafone Italia per 775 milioni di euro[1][2]. Tale operazione è completata a dicembre. Tele2 Italia S.p.A. ha così cambiato nome in Opitel S.p.A., mantenendo transitoriamente il marchio Tele2.

Poiché, a seguito di questa operazione, Tele2 Italia non è più in alcun modo legata a Tele2 AB Svezia, si è provveduto a cambiare il nome dell'operatore, che dal 4 gennaio 2010 è diventato TeleTu.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vodafone compra Tele2 Italia e Spagna, Corriere.it, 6 ottobre 2007. URL consultato il 7 ottobre 2007.
  2. ^ Vodafone acquisisce Tele2 banda larga in Italia e Spagna, Repubblica.it, 6 ottobre 2007. URL consultato il 14 febbraio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]