Svetlana Masterkova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Svetlana Masterkova
Dati biografici
Nome Svetlana Aleksandrovna Masterkova
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia
Altezza 172 cm
Peso 59 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Mezzofondo
Record
800 m 1'55"87 (1999)
800 m indoor 1'59"18 (1993)
1.000 m 2'28"98 Record mondiale (1996)
1.500 m 3'56"77 (1996)
Miglio 4'12"56 Record mondiale (1996)
Società Trud / Luch Moskva
Carriera
Nazionale
1991
1993-2000
URSS URSS
Russia Russia
Palmarès
Russia Russia
Giochi olimpici 2 0 0
Mondiali 1 0 1
Mondiali indoor 0 1 0
Europei 1 0 0
Europei indoor 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Svetlana Aleksandrovna Masterkova (in russo: Светлана Александровна Мастеркова?; Ačinsk, 17 gennaio 1968) è un'ex atleta sovietica, dal 1993 russa, vincitrice di due medaglie d'oro ai Giochi olimpici di Atlanta 1996 negli 800 e nei 1500 metri piani.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Esplose nel 1991, vincendo il campionato nazionale sovietico, che le permise di partecipare ai mondiali di Tokyo di quell'anno, dove si piazzò ottava nella finale degli 800 m. Nelle stagioni successive ebbe successi minori, come l'argento ai Mondiali indoor 1993, ma soffrì parecchi infortuni. Fra il 1994 e il 1995 si prese una pausa per la maternità.

Nel 1996 tornò alle gare, decidendo di non dedicarsi solo agli 800 m, ma anche ai 1500 metri. Ai campionati russi vinse su entrambe le distanze con ottimi tempi. Nonostante le ottime credenziali stagionali, non era considerata tra le favorite per l'oro ai Giochi di Atlanta, ruolo che negli 800 m spettava a Maria Mutola ed Ana Fidelia Quirot. Nonostante le previsioni della vigilia Masterkova prese subito la testa della gara degli 800 m, conducendo per tutta la gara e trionfando con il tempo di 1'57"73.[1]

Dopo questa vittoria, conquista, con sorpresa maggiore, i 1500 m replicando la tattica della gara più breve. Con questa doppia vittoria olimpica Masterkova replica quanto fatto da Tat'jana Kazankina ai Giochi di Montréal 1976. A completare una stagione trionfale, il miglioramento da parte dell'atleta russa dei record mondiali dei 1000 metri piani e del miglio.

Ai mondiali dell'anno successivo arrivò con un problema al tendine di Achille, che la fece uscire già nelle batterie dei 1500 metri. Si rifece nel 1998, quando fu oro agli Europei nei 1500 m.

Ai Mondiali dell'anno successivo partecipò sulle due distanze: fu bronzo negli 800 m vinti da Ludmila Formanová ma oro nei 1500 m. Ai Giochi di Sydney 2000 si ritirò nelle batterie dei 1500 m,[2] concludendo a fine stagione la sua carriera agonistica.

Nel 1996 è stata eletta atleta donna europea dell'anno ed ha vinto il premio Track & Field Athlete of the Year.

Ha stabilito la miglior prestazione mondiale stagionale negli 800 m nel 1991 e nel 1996, nei 1500 metri nel 1996 e nel 1999. Detiene tuttora i record del mondo dei 1000 metri piani, con il tempo di 2'28"98, e del miglio, con il tempo di 4'12"56.

Record nazionali[modifica | modifica sorgente]

Seniores[modifica | modifica sorgente]

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza dell'URSS URSS
1991 Mondiali Giappone Tokyo 800 metri 2'02"92
In rappresentanza della Russia Russia
1993 Mondiali indoor Canada Toronto 800 metri Argento Argento 1'59"18 Record personale
1996 Europei indoor Svezia Stoccolma 800 metri Bronzo Bronzo 2'02"86
Giochi olimpici Stati Uniti Atlanta 800 metri Oro Oro 1'57"73
1.500 metri Oro Oro 4'00"83
1997 Mondiali Grecia Atene 1.500 metri Semifinale 4'22"74
1998 Europei Ungheria Budapest 1.500 metri Oro Oro 4'11"91
1999 Mondiali Spagna Siviglia 800 metri Bronzo Bronzo 1'56"93
1.500 metri Oro Oro 3'59"53 Record personale stagionale
2000 Giochi olimpici Australia Sydney 1.500 metri Batteria nf

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

1993

1998

1999

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Athletics at the 1996 Atlanta Summer Games - Women's 800 metres Final, Sports-Reference. URL consultato il 15 agosto 2010.
  2. ^ (EN) Athletics at the 2000 Sydney Summer Games - Women's 1,500 metres Round One, Sports-Reference. URL consultato il 15 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]