Stan Bowles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stan Bowles
Dati biografici
Nome Stanley Bowles
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 177 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1984
Carriera
Squadre di club1
1967-1970 Manchester City Manchester City 17 (2)
1971 Bury Bury 5 (0)
1970-1971 Crewe Alexandra Crewe Alexandra 51 (18)
1971-1972 Carlisle Utd Carlisle Utd 33 (12)
1972-1979 QPR QPR 255 (70)
1979-1980 Nottingham Forest Nottingham F. 19 (2)
1980-1981 Leyton Orient Leyton Orient 44 (7)
1981-1984 Brentford Brentford 81 (16)
Nazionale
1974-1977 Inghilterra Inghilterra 5 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 gennaio 2008
« Bowles era talento allo stato puro! »
(Denis Law)

Stanley Bowles (Manchester, 24 dicembre 1948) è un ex calciatore britannico, nazionale inglese.

È primatista di reti (11) e, assieme a Ian Gillard, John Hollins, Francis McLintock, Philip Parkes, David Webb e Donald Masson, primatista di presenze (8) del QPR nelle competizioni calcistiche europee.[1]

Noto per il suo atteggiamento istrionico dentro e fuori dal campo, è considerato uno dei più talentuosi giocatori inglesi degli anni settanta. Si rese celebre per il suo stile di vita decisamente sopra le righe.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi a Manchester[modifica | modifica sorgente]

Bowles iniziò la sua carriera al Manchester City, in cui debuttò il 13 settembre 1967, in una partita di coppa di lega contro il Leicester City. Al suo esordio, all'età di soli 19 anni, mise a segno una fantastica doppietta, ricevendo ovazioni dal pubblico presente allo spadio e dalla stampa. Pochi giorni dopo, Bowles riuscì nell'impresa di ripetersi, mettendo a segno un'altra doppietta, questa volta in campionato, contro lo Sheffield United. Sembrava l'inizio di una carriera brillante e travolgente, e parve che il Manchester City avesse trovato tra i propri giovani un degno contraltare di George Best, stella indiscussa del Manchester United. Tuttavia, a causa del suo temperamento alquanto irrequieto, Bowles non riuscì a sfondare definitivamente nelle file del City, e scivolò molto presto ai margini della prima squadra. Nelle sue due prime stagioni da professionista, ottenne solo 12 presenze col City, senza più riuscire a segnare in alcuna occasione. Infine, all'inizio della stagione 1970-71, fu definitivamente scaricato dalla dirigenza del Manchester City e ceduto a titolo definitivo al Bury.

Gli anni della maturazione[modifica | modifica sorgente]

L'impatto col Bury fu disastroso, e Bowles riuscì a collezionare appena 5 presenze, senza mai andare in rete. Fu ceduto a stagione in corso al Crewe Alexandra F.C., club che all'epoca si trovava in Quarta Divisione. Nonostante il declassamento subito, Bowles portò a termine un'ottima stagione con il Crewe, attirando le attenzioni di parecchie squadre di categoria superiore. All'inizio della stagione successiva fu infatti ingaggiato dal Carlisle United, club di Seconda Divisione.

La consacrazione al QPR[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre del 1972 fu ingaggiato per 112,000 sterline dal Queens Park Rangers, che all'epoca era in seconda divisione. Bowles restò legato al club di Londra fino al 1979, totalizzando 255 presenze e mettendo a segno 70 gol.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Manchester City: 1967-1968
Manchester City: 1968
Manchester City: 1968-1969
Manchester City: 1969-1970

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Manchester City: 1969-1970
Nottingham Forest: 1979
Nottingham Forest: 1979-1980

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ QPR. URL consultato il 10 febbraio 2014.

Controllo di autorità VIAF: 41347760