Samsung Galaxy Note II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samsung N7100/N7105 Galaxy Note II
Logo di Samsung N7100/N7105 Galaxy Note II
Template:Alternativo
Caratteristiche tecniche
Produttore Samsung
Tipo smartphone-tablet
Reti 2G GSM/GPRS/EDGE – 850, 900, 1800, 1900 MHz

3G UMTS/HSDPA – 850, 900, 1900, 2100 MHz
4G LTE solo nella versione N7105 – 700 MHz Class 17/2100
A-GPS
Bluetooth 4.0
NFC

Disponibilità Novembre 2012
Sistema operativo Android 4.1.1 Jelly Bean (nativo)

Android 4.1.2 Jelly Bean Android 4.3 Jelly Bean Android 4.4.2 KitKat (ultimo aggiornamento ufficiale)

Antenna integrata
Videocamera fotocamera 8.0 megapixel con flash LED,
fotocamera anteriore 1.9 megapixel, registrazione video in Full HD 1080p a 30fps, con stabilizzatore di immagine
Multimedia fotocamera, videocamera, videochiamata, lettore multimediale,
Input 4 pulsanti fisici e due soft-touch, S-Pen
Alimentazione Accumulatore litio-polimero da 3100mAh
CPU Exynos 4412 Quad-Core 1,6GHz
Memoria Memoria Flash da 16,32 o 64GB espandibile con micro-SD fino a 64GB aggiuntivi

Memoria Ram 2GB

Schermo HD Super AMOLED 5,5" in formato 16:9
Risoluzione 1280×720 px @ 267 ppi
Dimensioni 151.1 mm (h)
80.5 mm (l)
9.4 mm (sp)
Peso 180 g
Predecessore Samsung Galaxy Note
Successore Samsung Galaxy Note III
Touchscreen Schermo capacitivo Multi-touch
 

Il Samsung N7100/N7105 Galaxy Note II, chiamato più comunemente Galaxy Note II, è uno smartphone candybar prodotto da Samsung, a partire dalla fine del 2012, e messo in vendita da novembre dello stesso anno. È disponibile in quattro colorazioni, grigio, bianco, marrone e blu. Fa parte della serie Samsung Galaxy, ed è il successore del Samsung Galaxy Note. La serie Note di Samsung, unica nel suo genere, è caratterizzata dalla presenza di un pennino estraibile che consente di scrivere e disegnare a mano libera sullo schermo.

A fine 2013 Samsung ha messo in commercio il suo successore, il Samsung Galaxy Note III.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Galaxy Note II è stato presentato da Samsung nell'agosto 2012 all'IFA di Berlino. Questa seconda versione del "phablet" (così chiamato perché un ibrido per dimensioni dello schermo, e funzioni, tra uno smartphone e un tablet), riprende le forme e le funzioni dello smartphone Samsung Galaxy S III aggiungendone però di nuove simili al tablet Samsung Galaxy Tab 2. La commercializzazione è iniziata nell'ottobre del 2012.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il Galaxy Note II è dotato di un processore quad-core Exynos 4412 Quad da 1,6 GHz, 2GB di memoria RAM, HSDPA fino a 21 Mbit/s, Wi-Fi a/b/g/n. È considerato il dispositivo mobile top di gamma del 2012 insieme al Galaxy S III e al Samsung Galaxy Tab 2. È dotato di un display HD Super AMOLED da 5,5 pollici con risoluzione di 1280x720 pixel con 267 ppi con tecnologia sviluppata da Wacom che permette il funzionamento della s-pen. La S-Pen ha subito cambiamenti sia estetici che funzionali. È più sottile ed ergonomica, e con un tasto nettamente migliorato rispetto alla prima versione della stessa. Ora, quando si avvicina il pennino a meno di un centimetro, comparirà un puntatore sul display che consente di avere una maggior precisione. Inoltre è sensibile alla pressione, quindi quando la pressione sarà maggiore, aumenterà anche la dimensione del tratto.

In Cina vi è stata commercializzata una speciale versione Dual-Sim del phablet, in cui è supportata una sim in dimensione standard e l’altra micro.

Versione Android[modifica | modifica wikitesto]

Il Galaxy Note II è dotato di serie di Android Jelly Bean 4.1.1, ed è aggiornabile alla versione Jelly Bean 4.1.2; a novembre è iniziato il roll-out della versione Jelly Bean 4.3 nel mondo. Interfaccia proprietaria Samsung, la TouchWiz Nature UX, utilizzata anche su Samsung Galaxy Tab 2, Samsung Galaxy Tab, Samsung Galaxy S III e tutti gli altri prodotti della serie Galaxy, più numerose applicazioni ottimizzate per l'uso con il pennino, come S Note.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

telefonia Portale Telefonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di telefonia