Fairphone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fairphone
Logo di Fairphone
Caratteristiche tecniche
Produttore Fairphone
Tipo Smartphone
Reti GSM850/900/1800/1900MHZ
WCDMA 900/2100MHz
Connettività Micro USB 2.0, Wi-Fi, Bluetooth, connettore Jack 3.5 mm
Disponibilità 2013
Sistema operativo Android 4.2
Antenna IFA
Videocamera Posteriore 8 megapixel, anteriore 1.3 megapixel
Alimentazione 2000 mAh (batteria sostituibile)
CPU MTK6589 (quad-core) 1.2 Ghz
Memoria RAM 1GB, interna 16 GB , microSD fino a 32 GB
Schermo 4.3"
Risoluzione 960 x 540 pixels
Dimensioni 123.0 x 64.5 x 9.8 mm
Peso 165 g
Touchscreen Capacitivo
 

Fairphone è una fondazione olandese nata nel marzo 2011[1] che, con l'aiuto della società Waag guidata da Bas van Abel, ha creato lo smartphone Android Fairphone, prodotto esclusivamente in condizioni di equità: i minerali, specialmente la Columbite-tantalite, provengono da miniere che non sono controllate dai signori della guerra civile che sta devastando la regione del Congo.[2]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

In molti casi, per la costruzione di dispositivi elettronici, gli operai non sono tutelati da sufficienti diritti del lavoro e diritti umani[3].

Gli oltre trenta minerali che sono utilizzati per la produzione di Fairphone, come la Columbite-tantalite, il cobalto, lo stagno, non provengono da miniere controllate da chi ha interessi nella guerra civile nel Congo orientale, così da evitare che i ricavi delle miniere vengano impiegati per l'acquisto di armi nel suddetto conflitto iniziato nell'aprile del 2012.

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione Fairphone presta attenzione ai problemi di cui sopra per la produzione di smartphone, impegnandosi ad utilizzare il più possibile componenti provenienti da un commercio equo e solidale.[4]

Fairphone[modifica | modifica wikitesto]

Lo smartphone è composto da prodotti che non necessitano uno sfruttamento da parte dei lavoratori a causa della guerra civile; la maggior parte delle miniere partner è infatti certificate dalle ONG. Inoltre gli sviluppatori stanno lavorando con varie organizzazioni no-profit per la produzione dello smartphone. I fornitori dei materiali utilizzati da Fairphone hanno l'obbligo di assicurare ai lavoratori delle condizioni di lavoro dignitose. Dal momento che lo smartphone è sviluppato da compagnie no-profit, utilizzerà tecnologie già esistenti.

Sistema operativo[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il sistema operativo la Fondazione Fairphone ha deciso di utilizzare come sistema operativo Android poiché maturo e più aperto[5][6] e di cui sarà possibile fare liberamente il root. Per il futuro sarà prevista la possibilità per gli utenti di utilizzare anche Firefox OS o Ubuntu Touch.[7]

Vendita[modifica | modifica wikitesto]

Il primo slot produttivo di 20.000 unità era vincolato al raggiungimento di almeno 5.000 prenotazioni, obiettivo raggiunto nel maggio 2013.[8] I primi dispositivi sono stati consegnati a fine dicembre 2013.[9]

La Fairphone Foundation vende i suoi prodotti attraverso il web e i principali operatori di telefonia mobile come KPN, che ha già un contratto per 1000 pezzi, e operatori come Vodafone e T-Mobile con cui è ancora (giugno 2013) in trattativa[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Introducing the Fairphone Foundation
  2. ^ First bags of Conflict-Free Tin leave Congolese mine – Fairphone proud partner
  3. ^ Non più schiavi non ancora liberi da il Fatto Quotidiano
  4. ^ Selecting a Production Partner
  5. ^ Android Open Source Project
  6. ^ Fairphone Operating System
  7. ^ Mobile World Congress 2013: The Hunt for Fairphone's OS
  8. ^ 5,000 Fairphones sold! Let's start production!
  9. ^ We Are Fairphone - Kicks off!
  10. ^ Fairphone - Waag Society

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

telefonia Portale Telefonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di telefonia