Samsung Electronics

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Azienda}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

La Samsung Electronics Co., Ltd. (nota anche con l'acronimo SEC, in coreano 삼성전자) è una multinazionale sudcoreana, tra i maggiori produttori mondiali nel settore dell'elettronica di consumo e degli elettrodomestici.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Viene fondata nel 1969 a Daegu come Samsung Electric Industries, divisione elettronica del Gruppo Samsung. Nel 1970 acquisisce il 50% della Korea Semiconductors, e diviene così leader nazionale nella produzione di semiconduttori.

Nel 1974 avvia la produzione di televisori in bianco e nero, calcolatori, frigoriferi, condizionatori e lavatrici. Tre anni più tardi, nel 1977, Samsung avvia l'esportazione dei suoi televisori a colori.

Divenuta la maggiore azienda sudcoreana del settore, negli anni ottanta Samsung Electronics avvia la sua espansione commerciale con la creazione di numerose filiali all'estero, la prima delle quali in Germania. Vengono diversificate le attività, e nel 1983 viene avviata la produzione di personal computer.

Nel 1989 Samsung arriva a quota 20 milioni di tv color prodotti. Negli anni seguenti acquisisce varie aziende, estende il proprio business alle telecomunicazioni con la produzione di telefoni cellulari, e nel 1992 avvia la produzione in Cina.

Dopo la crisi finanziaria asiatica del 1997, Samsung a differenza delle altre concorrenti, ne esce rafforzata ed emerge come azienda di livello internazionale. Si impone tra i maggiori produttori mondiali di televisori, settore nel quale si impone sul mercato in diversi paesi.

Dopo gli anni 2000, l'azienda prosegue con le innovazioni tecnologiche e crea numerosi stabilimenti produttivi in diverse aree del mondo.

Joint Venture[modifica | modifica sorgente]

Prodotti[modifica | modifica sorgente]

Tra i principali prodotti dell'azienda coreana vi sono:

Telefoni cellulari e tablet[modifica | modifica sorgente]

Innovazioni dei telefoni cellulari[modifica | modifica sorgente]

  • SPH-V7800: primo cellulare con fotocamera da 5 megapixel (zoom ottico 3x)
  • SPH-V8200: primo cellulare con fotocamera da 8 megapixel (solo per il mercato coreano)
  • SGH-A800: uno dei primi telefoni samsung (in bianco e nero ma con il servizio internet OPENWAVE)
  • SGH-I300: primo cellulare con memoria da 3 GB
  • SGH-I300x: primo cellulare con memoria da 4 GB
  • SCH-B570: primo cellulare con memoria da 8 GB (2006)
  • SCH-B600: primo cellulare con fotocamera da 10 megapixel (2006)
  • Samsung VLUU i70: prima fotocamera digitale con tecnologia HSDPA integrata (2007)
  • Samsung SGH U600: primo cellulare ultrapiatto (10 mm) con tastiera scorrevole, primo cellulare con tastiera esterna a sfioramento, primo cellulare con altoparlante stereo ICE power Technology by Bang & Olufsen, primo cellulare Samsung con Visual Radio
  • Samsung D880 Duos: primo cellulare dotato di tecnologia dual sim

Smartphone[modifica | modifica sorgente]

Samsung GT-S5250

  • Samsung Wave S8500: il primo cellulare con schermo Super AMOLED e il primo con sistema operativo proprietario di Samsung Bada
  • Samsung Vodafone 360 M1: Smartphone realizzato in collaborazione con Vodafone che applica le funzionalità del servizio Vodafone 360 (comprende sincronizzazione contatti di facebook, navigatore, e altre applicazioni on-line), display 3.2" touchscreen 16 M, memoria espandibile sino a 16 GB (dispositivo con numerosi bugs, sia a livello di software che di hardware)
  • Samsung Galaxy (I7500): Primo smartphone Samsung ad utilizzare Android
  • Samsung Galaxy Ace
  • Samsung Galaxy Ace Plus
  • Samsung Galaxy S: Primo smartphone Android di Samsung ad utilizzare solo due tasti touch ed uno fisico, ed un display Corning Gorilla Glass da 4" Super AMOLED
  • Samsung Galaxy S II: primo cellulare dotato di display Super AMOLED Plus da 4.27", processore Dual-Core Exynos da 1,2 GHz e RAM da 1 GB
  • Samsung Galaxy S III: primo smartphone ad utilizzare un SuperAMOLED HD da 4.81" con Gorilla Glass 2, processore Quad-Core Exynos 4 da 1,4 GHz ed NFC.
  • Samsung Galaxy Note II: primo ibrido (smartphone - tablet) ad utilizzare un display super AMOLED HD da 5,5" , processore quad core a 1.6 GHz e 2 gb di RAM
  • Samsung ATIV S: primo smartphone della casa con Windows Phone 8 ad utilizzare un SuperAMOLED HD da 4.81" con Gorilla Glass 2, NFC.
  • Samsung Galaxy S 4: esistono due versioni di questo smartphone: quella orientale (codice: I9500) con display full hd da 4.99", processore Exynos 5-Octa e fotocamera posteriore da 13 megapixel, e quella venduta nel resto nel mondo (Codice: I9505), con processore Snapdragon Quad-Core, e fotocamera posteriore da 13 megapixel.

Tablet[modifica | modifica sorgente]

Generalità[modifica | modifica sorgente]

Samsung Electronics si colloca tra le maggiori aziende mondiali di elettronica di consumo, sia in termini di dimensioni che di produttività, ed è leader mondiale nel campo dei semiconduttori, delle telecomunicazioni e dei prodotti audio/video digitali di intrattenimento.

Conta 206 filiali in 68 paesi, 41 impianti produttivi presenti, oltre che in Corea, in Brasile, Cina, Filippine, India, Indonesia, Malesia, Messico, Polonia, Russia, Slovacchia, Stati Uniti, Thailandia, Ungheria e Vietnam, 28.000 brevetti registrati, ed impiega complessivamente 190.500 lavoratori[1].

Nonostante la crisi economica globale che si abbatte sui mercati dal 2008, Samsung è una delle poche aziende che ha visto crescere i propri bilanci. Nel 2010 il suo fatturato è stato di 101,37 miliardi di euro, con un incremento del 13% rispetto all'anno precedente, riuscendo a piazzare sul mercato 280 milioni di pezzi[2].

Gran parte del fatturato è stato generato dal settore della telefonia mobile, in cui domina nel mercato degli smartphone[3]. Buoni risultati li ha ottenuti anche nel settore informatico di consumo, dove Samsung primeggia tra i produttori mondiali delle memorie DRAM[4].

Samsung registra invece una forte flessione nel mercato dei televisori a schermo piatto con un decremento del 26% dei profitti[5].

L'azienda è presente anche con altri brand, tra cui Anycall, ed assieme alla giapponese Sony ha una joint-venture per la produzione di pannelli LCD, la S-LCD.

Samsung in Italia[modifica | modifica sorgente]

Samsung è presente in Italia dal 1991 con la filiale commerciale Samsung Electronics Italia S.p.A. che ha sede a Milano.

La società conta circa 380 dipendenti, e il mercato italiano rappresenta uno dei maggiori dell'azienda sudcoreana in Europa, dove possiede una quota di mercato del 28%[6].

La sede inoltre, è anche uno dei 7 centri design della casa madre sudcoreana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Abuot Samsung - Rapporto 2011
  2. ^ "Q4 2010 di Samsung: la società cresce a due cifre" - Bestnotizie.com, 28 gennaio 2011
  3. ^ "Samsung sale sul trono degli smartphone" - Ictbusiness.it, 28 ottobre 2011
  4. ^ "Samsung primeggia tra i produttori DRAM nel secondo trimestre" - Businessmagazine.it, 24 agosto 2010
  5. ^ "Samsung, va male la vendita delle Tv, -26% nei profitti" - Nanopress.it, 8 luglio 2011
  6. ^ "Samsung Electronics Italia compie 20 anni" - Key4biz.it, 21 aprile 2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]