Rover (astronautica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schema della missione Lunokhod.
Rover lunare della missione Apollo 15 (NASA).
Nell'immagine, a destra il rover marziano Spirit, a sinistra Sojourner della missione Mars Pathfinder (NASA).

Il rover (traduzione letterale vagabondo) è un veicolo costruito dall'uomo adibito al trasporto su un corpo celeste. Il rover viene portato sul pianeta o sul satellite dal lander. L'atterraggio deve'essere quindi morbido per non danneggiare il rover.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi rover (o astromobili) della storia furono logicamente quelli destinati all'esplorazione lunare. Il 17 novembre 1970, trasportato dalla sonda Luna 17, allunò il primo rover, il Lunokhod di fabbricazione sovietica.

Le prime missioni Apollo atterrate sulla Luna infatti non disponevano di nessun rover. Il primo arrivò con la missione Apollo 15, il 31 luglio 1971, e successivamente ne portarono uno anche le missioni Apollo 16 e 17. In tutto gli astronauti riuscirono a percorrere ben 90 km sulla superficie lunare. La velocità massima di questi rover era di circa 13 km/h.

Anche Marte è stato visitato da molti rover: il Prop-M Rover sovietico, trasportato dal lander Mars 3, che però non ha mai funzionato poiché danneggiatosi nell'atterraggio; il Sojourner, trasportato dal lander Mars Pathfinder, e recentemente Spirit, Opportunity e Curiosity.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I rover sono progettati per riuscire a muoversi su terreni tortuosi e per superare grossi ostacoli: per questo motivo hanno più ruote di un normale veicolo. Sono solitamente provvisti di grossi pannelli solari per l'alimentazione.

I rover che atterrano su corpi celesti lontani dalla Terra non possono essere controllati da remoto in tempo reale perché la velocità di propagazione delle onde radio è inferiore a quella richiesta per le comunicazioni in tempo reale: di conseguenza tali rover devono poter operare autonomamente con poca assistenza dalla Terra. (es: Marte dista dalla Terra tra i 100 e 56 milioni di chilometri, i segnali viaggiano nello spazio aperto alla velocità di 3*10^8[m/s]; con un rapido calcolo ci vorrebbero tra i 5.5 e 3.1 minuti per far arrivare un segnale su Marte: non è possibile comandare un rover in tempo reale).

Gli unici rover che l'uomo è riuscito a controllare in modo diretto alla stregua di un'automobile sono stati i modelli lunari.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]