Lunar Crater Observation and Sensing Satellite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lunar Crater Observation and Sensing Satellite
Immagine del veicolo
LCROSS separated.jpg
Dati della missione
Proprietario NASA
Destinazione Luna
Esito Impatto sulla Luna avvenuto il 9 ottobre 2009
Vettore Atlas V
Lancio 18 giugno 2009 21:32 UTC[1]
Potenza 600 W[2]
Massa 2.000 kg (Centaur) + 700 kg (LCROSS)
Strumentazione * Macchine fotografiche nel visibile e nell'infrarosso

Il Lunar CRater Observation and Sensing Satellite (LCROSS) è una sonda spaziale della NASA progettata per rilevare la presenza di depositi di ghiaccio nelle regioni permanentemente in ombra in prossimità dei poli lunari. Tale obiettivo è stato raggiunto attraverso l'osservazione dell'impatto sulla superficie lunare dello stadio superiore del razzo vettore Centaur, che ha portato in orbita la sonda vera e propria. L'impatto è avvenuto il 9 ottobre 2009 in prossimità del cratere Cabeo.[4] LCROSS, dopo aver attraversato il pennacchio di detriti così sollevatosi, è precipitato a sua volta sulla superficie lunare. L'analisi spettrale del pennacchio di detriti ha indicato la presenza di acqua, confermando alcuni risultati della missione Clementine.

Il Lunar CRater Observation and Sensing Satellite era stato lanciato il 18 giugno 2009 alle 21:32 UTC a bordo di un razzo Atlas V insieme ad una seconda missione lunare, il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO).[1] Prima di precipitare sulla Luna, ha percorso un'orbita polare intorno al sistema Terra-Luna di circa 37 giorni ed eseguito un sorvolo ravvicinato del nostro satellite.

Panoramica della missione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima fase di definizione della missione lunare che sarebbe poi divenuta il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), la NASA ha vagliato due possibilità: il lancio del solo LRO su un vettore Delta II; oppure, qualora le disponibilità di bilancio l'avessero permesso, l'utilizzo di un lanciatore più potente, l'Atlas V, e l'accostamento a LRO di una missione economica per l'individuazione di ghiaccio sulla Luna. Questa seconda soluzione è stata preferita, dopo aver selezionato il Lunar CRater Observation and Sensing Satellite in una gara di opportunità tra 19 progetti.[5][6]

LCROSS è stato progettato per osservare l'impatto dello stadio superiore del razzo vettore Centaur che l'avrebbe portato in orbita, su una regione permanentemente in ombra situata in vicinanza ad un polo lunare. L'analisi spettrale del pennacchio di detriti avrebbe potuto confermare alcuni risultati della missione Clementine, che suggeriscono la presenza di depositi di ghiaccio nelle regioni lunari che si trovano permanentemente in ombra.[7] La missione è costata 79 milioni di dollari.[8]


Il lancio[modifica | modifica wikitesto]

Il Lunar CRater Observation and Sensing Satellite e il Lunar Reconnaissance Orbiter sono stati lanciati dalla Cape Canaveral Air Force Station il 18 giugno 2009 alle 21:32 UTC a bordo di un razzo Atlas V.[1]

Alle 22:16:43 UTC, 44 minuti dopo il lancio, il Lunar Reconnaissance Orbiter si è separato dall'ultimo stadio del razzo vettore; circa tre ore dopo LCROSS ha acquisito il controllo del razzo Centaur.[9]

La crociera[modifica | modifica wikitesto]

La traiettoria seguita da LCROSS

Il 23 giugno LCROSS ha eseguito una manovra di fionda gravitazionale con la Luna che ha permesso di inserire la sonda su un'orbita polare intorno al sistema Terra-Luna, ortogonale al piano in cui giace l'orbita lunare,[10] con periodo di circa 37 giorni e denominata: Lunar-Gravity Assist, Lunar-Return Orbit o LGALRO. La minima distanza raggiunta dalla superficie lunare è stata di 3.200 km. Durante il sorvolo ravvicinato è stato testato il funzionamento degli strumenti della sonda: sono stati osservati i crateri Mendeleev, Goddard C e Giordano Bruno e sono stati eseguiti test di osservazione del limbo lunare.[11]

La mattina del 22 agosto 2009, i controllori di missione hanno rivelato un'anomalia di funzionamento, causata da un guasto dei sensori, che ha condotto la sonda a bruciare 140 chilogrammi di propellente, più della metà del propellente presente a bordo.[12] L'imprevisto, che ha richiesto al controllo di missione di rivalutare le tempistiche di manovra, non ha impedito il successo della missione.

Durante la crociera, la sonda ha completato approssimativamente tre orbite. La traiettoria scelta non ha comportato ulteriori sorvoli della Luna per evitare che la sonda potesse essere catturata dalla gravità lunare.[2]

L'impatto[modifica | modifica wikitesto]

L'emissione luminosa associata all'impatto del razzo Centaur.

Il 9 ottobre alle 00:50 GMT è avvenuta la separazione tra il razzo Centaur e LCROSS.[13] L'impatto sulla superficie lunare è avvenuto alle 11.31 UTC (ore 13.31 italiane).[14] Il razzo Centaur ha colpito la Luna vicino al Polo Sud. Punto d'impatto il cratere Cabeo.[4] La velocità con il quale il razzo, dal peso di 2.366 kg, ha toccato la Luna era di 9.000 km all'ora. Prima di colpire a sua volta la superficie circa 4 minuti dopo, LCROSS, dal peso di 891 kg, ha attraversato il pennacchio così sollevato e ne ha potuto analizzare la composizione per controllare l'eventuale presenza d'acqua.[15][16]

I due impatti, che sono stati visibili anche agli astronomi amatoriali, sono stati monitorati anche dagli osservatori terrestri e da altri strumenti in orbita, tra cui lo stesso LRO[17] ed il Telescopio spaziale Hubble.[7][9]

La scelta del cratere di impatto è stata eseguita da un comitato scientifico entro una lista di crateri fornita dalla NASA,[18] prevalentemente in base ai dati raccolti da LRO e dalla sonda lunare indiana Chandrayaan-1.

Risultati scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Presenza di acqua[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 novembre 2009, la NASA ha annunciato che, in seguito ad un'analisi preliminare dei dati raccolti durante l'impatto, è confermata la presenza di acqua sulla Luna.[19][20] La quantità rilevata sembra essere superiore ai 100 kg.[21] Nello specifico sono state rilevate linee di emissione dell'acqua nello spettro, nel visibile e nell'ultravioletto, del pennacchio generato dall'impatto del razzo Centaur e raccolto da LCROSS.[19] È stata inoltre rilevata la presenza di idrossile, prodotto dalla scissione dell'acqua investita dalla radiazione solare.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) NASA Successfully Launches Lunar Impactor, NASA, 18-06-2009. URL consultato il 29-06-2009.
  2. ^ a b (EN) Ken Kremer, Interview with LCROSS Scientist Kimberly Ennico, The Planetary Society, 23-06-2009. URL consultato il 29-06-2009.
  3. ^ (EN) Instrument Systems. URL consultato il 29-06-2009.
  4. ^ a b (EN) NASA's LCROSS Mission Changes Impact Crater, NASA, 29-09-2009. URL consultato il 09-10-2009.
  5. ^ (EN) John Bluck, New NASA Ames Spacecraft to Look for Ice at Lunar South Pole, NASA, 10-04-2006. URL consultato il 15-06-2009.
  6. ^ (EN) Tariq Malik, NASA Adds Moon Crashing Probes to LRO Mission, Space.com, 10-04-2006. URL consultato il 15-06-2009.
  7. ^ a b (EN) Mission Overview in LCROSS - Lunar CRater Observation and Sensing Satellite, NASA. URL consultato il 15-06-2009.
  8. ^ (EN) NASA finds 'significant' water on moon, CNN, 13-11-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  9. ^ a b (EN) Professional Observatories in NASA LCROSS Archive, NASA, 28-06-2009. URL consultato il 29-06-2009.
  10. ^ (EN) Ken Kremer, LRO and LCROSS Enter their Respective Orbits, The Planetary Society, 26-06-2009. URL consultato il 29-06-2009.
  11. ^ (EN) NASA Moon Impactor Successfully Completes Lunar Maneuver, NASA, 23-06-2009. URL consultato il 29-06-2009.
  12. ^ (EN) Managers mull options after moon mission malfunction, SpaceflightNow.com, 25-08-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  13. ^ (EN) Centaur Separation, NASA. URL consultato il 14-11-2009.
  14. ^ (EN) NASA Spacecraft Impacts Lunar Crater in Search for Water Ice, NASA, 09-10-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  15. ^ (EN) NASA'S LCROSS Captures All Phases of Centaur Impact, NASA, 16-10-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  16. ^ (EN) More Images from the Centaur Impact, NASA, 16-10-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  17. ^ (EN) Diviner Observes LCROSS Impact, NASA, 10-10-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  18. ^ (EN) Short List of LCROSS Candidate Impact Craters, NASA, 14-07-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  19. ^ a b c (EN) LCROSS Impact Data Indicates Water on Moon, NASA, 13-11-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  20. ^ Trovata l'acqua sulla Luna. "Una significativa quantità", La Repubblica.it, 13-11-2009. URL consultato il 14-11-2009.
  21. ^ (EN) 'Significant' water found on Moon, BBC News, 13-11-2009. URL consultato il 14-11-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica