Rossella Brescia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rossella Brescia
Rossella Brescia, Giffoni Film Festival 2012.jpg
Rossella Brescia al Giffoni Film Festival nel 2012
Altezza 170[1] cm
Misure 93-60-93[2]
Peso 57.2 kg
Occhi Marroni[1]
Capelli Neri[1]

Rossella Brescia (Martina Franca, 20 agosto 1971) è una ballerina, conduttrice televisiva e conduttrice radiofonica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera artistica[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 partecipa e vince il titolo Miss Sorriso Puglia valevole per le selezioni di Miss Italia. Le prime esperienze lavorative non tardano ad arrivare dopo il conseguimento del diploma, infatti nel 1992 debutta da solista nello spettacolo Attila. Due anni dopo, nel 1994 debutta in televisione nello spettacolo Tutti a casa condotto da Pippo Baudo. Nello stesso anno, dopo aver conseguito la maturità classica, si è diplomata con il massimo punteggio all'Accademia Nazionale di Danza Classica di Roma[1]. Negli anni successivi si divide tra teatro e televisione, dove lavora come ballerina in diverse trasmissioni (tra cui Cuori e Denari, condotto da Alberto Castagna, Un disco per l'estate, condotto da Paola Barale e Gerry Scotti, entrambi su Canale 5 e Gran Casinò condotto da Lino Banfi e Ramona Badescu su Rai Uno), ma il successo lo raggiunge diventando prima ballerina a Buona domenica nel 1997 (ricoprirà quel ruolo per tre edizioni) e con un famoso spot pubblicitario nel 1999 per una ditta di orologi, la Tissot. Le sue doti di ballerina, ma anche di insegnante di danza, la fanno arrivare alcuni anni più tardi a partecipare dal 2001 al 2003 al talent show Saranno Famosi, in seguito ridenominato Amici di Maria De Filippi, dove, oltre a presentare i balli delle varie sfide, selezionava e istruiva i giovani artisti. Nel frattempo è stata anche testimonial della Freddy (nota azienda italiana che produce e distribuisce abbigliamento e scarpe sportivo, in particolare danza e fitness), quindi nel 2004 ha debuttato anche come attrice perché ha preso parte ad un episodio della fiction di Rai 1 Don Matteo 4, dal titolo I volteggi del cuore.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 ha posato nuda per il calendario sexy della rivista Max dell'anno 2004 (foto di Fabrizio Ferri)[3]. Dal 2004 al 2010 è stata impegnata nella conduzione di Colorado Cafè su Italia 1, insieme nelle varie stagioni a Diego Abatantuono, Andrea Appi, Carla Signoris, Nino Frassica, Beppe Braida e Nicola Savino. Nel 2006 entra a far parte del cast del programma del mattino di radio RDS, Tutti pazzi per RDS, insieme a Joe Violanti e Max Pagani; nello stesso anno è componente di giuria in Miss Italia su Rai 1. Nell'estate 2007 conduce con Giampiero Ingrassia la striscia quotidiana Matinée in onda su Rai 2. Nell'inverno 2008 fa parte del Bagaglino perché partecipa, come primadonna insieme a Nina Moric e Aída Yéspica, allo show di Canale 5 Gabbia di matti. Nel giugno del 2008 presenta Wind Music Awards con Cristina Chiabotto. Il 31 agosto del 2008 è stata inoltre presidente di giuria del concorso Miss Muretto. Il 22 dicembre 2009 conduce la puntata pilota del programma di Italia 1 Ciccia è bella, dedicato alle ragazze robuste, visto da 2.226.000 spettatori con l'8,64% di share[4] (ma non ci furono sviluppi successivi nonostante i buoni ascolti), mentre il 25 dicembre 2009 ha presentato il concerto di Natale di Andrea Bocelli, in onda su Italia 1.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 2010 ha condotto la puntata pilota del programma I Love My Dog dedicato ai cani con Andrea Pucci e Gianluca Impastato visto da 2.249.000 telespettatori con il 9,25% di share[5], ma nonostante i buoni ascolti non ci furono sviluppi successivi. Nel maggio 2011 ha condotto insieme al Mago Forest il reality show Uman - Take Control! in onda su Italia 1. Nell'autunno 2011 è giurata nel nuovo talent show Baila! condotto da Barbara d'Urso su Canale 5 sotto la direzione artistica di Roberto Cenci. Nella primavera 2012 recita nella fiction di Canale 5 Benvenuti a tavola - Nord vs Sud. Dal 5 marzo 2012 conduce Takeshi's Castle su Boing e Cartoon Network[6]. Nel maggio 2012 è stata una dei concorrenti del nuovo talent-vip di Rai 1 Punto su di te! condotto da Elisa Isoardi e Claudio Lippi. Il 10 luglio 2012 ha condotto la serata finale del nuovo reality show di Italia 1 Mammoni - Chi vuol sposare mio figlio. Il 20 luglio 2012 ha condotto su SKY il Premio Barocco insieme]] ad Attilio Romita. Nell'autunno 2014[7] passa a La5 perché conduce la seconda edizione del talent show culinario The Chef.[8]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rossella Brescia possiede a Martina Franca una scuola di danza dove insegna. Si è sposata nel 2000 con il regista televisivo Roberto Cenci da cui si è separata nel 2004 dandone notizia al pubblico tramite un comunicato stampa congiunto.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Reality e talent show[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Attila (1992)
  • La Signora di mezza età (1995)
  • Isso essa e o’ malamente (1995)
  • Birra Flash, con Sandro Massimini (1995)
  • Ragioniè, voi dovete ragionà (1995)
  • Luci del Varietà (1996-1997)
  • Viva L’Italia (1996-1997)
  • La Carmen (2009-2011)
  • Cassandra (2010-2011)

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappotto In Transformice

Calendari[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Rossella Brescia - Curriculum Agenzia M & L Artists Management
  2. ^ Biografia sul sito ufficiale
  3. ^ a b Rossella, dallo spot al calendario di Max, da la Repubblica
  4. ^ Ascolti Tv del 22 dicembre 2009 in Davidemaggio.it. URL consultato il 17 settembre 2011.
  5. ^ Ascolti Tv de 14 gennaio 2010 in Davidemaggio.it. URL consultato il 17 settembre 2011.
  6. ^ Intervista a Rossella Brescia: Belen ad Amici? Avrà studiato | DavideMaggio.it
  7. ^ [1]
  8. ^ [2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]