Robert Henri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Signora in nero

Robert Henri, vero nome Robert Henry Cozad (Cincinnati, 25 giugno 1865New York, 12 luglio 1929), è stato un pittore statunitense. Fu una figura guida dell'Ashcan School del realismo americano e fondò il gruppo detto "Gli otto", per protestare conto i criteri conservatori e discriminatori della National Academy of Design.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A causa di disavventure familiari, Henri passò gli anni dell'infanzia e della gioventù trasferendosi continuamente negli stati centrali degli Stati Uniti, finché nel 1883 la famiglia si stabilì dapprima a New York e poi ad Atlantic City, dove egli realizzò le sue prime pitture.

Per l'incoraggiamento dei genitori, nel 1886 Henri si iscrisse all'Accademia d'Arte di Filadelfia, dove eseguì dei quadri “en plein air”. Si recò quindi a Parigi nel 1888, dove studiò sotto la guida di William-Adolphe Bouguereau ed ammirò le opere di grandi artisti, come Velázquez, Goya, Hals, Rembrandt, Manet e Whistler.

Conobbe l'impressionismo, il post-impressionismo ed il simbolismo, ma fu proprio l'impressionismo, con la tecnica dell'”en plein air” ed il rifiuto dell'accademismo, ad entusiasmarlo maggiormente.
Dopo aver viaggiato per la Francia, nel 1890 giunse in Italia, ammirandone parte dell'immenso patrimonio artistico.

Nel 1891 tornò a Filadelfia e cominciò ad attrarre un gruppo di artisti, tra cui William Glackens, George Luks, Everett Shinn e John Sloan, che si incontravano nel suo studio per discutere di arte e cultura e per fare disegni dal vivo; la stima e l'amicizia tra loro durò per tutta la vita.

In questo periodo i suoi temi preferiti furono i paesaggi ed i ritratti, caratterizzati da una pennellata ampia e vivace, con la ferma convinzione che l'arte sia strettamente legata alla vita reale e che il compito dell'artista sia di esprimere sulla tela non solo quello che vede, ma soprattutto quello che prova.

Una costante delle sue opere è il rifiuto di modelli accademici in favore di una profonda ed al tempo stesso spontanea osservazione della realtà; questo vale anche per le opere degli anni successivi, in cui ritrasse principalmente scene urbane e soggetti presi dalla vita di tutti i giorni.

A partire dal 1898 Henri trascorse ancora due anni in Francia, durante i quali si fece notare da diversi collezionisti.

Tornato negli Stati Uniti, si dedicò anche all'insegnamento ed insegnò per il resto della sua vita in diverse e prestigiose scuole di New York, avendo tra i suoi studenti artisti come Edward Hopper, Rockwell Kent, George Bellows, Joseph Stella, Man Ray e Stuart Davis.

Nonostante gli importanti riconoscimenti ottenuti, Henri accusò i membri delle più importanti accademie artistiche statunitensi di pregiudizio e di scarsa volontà di rinnovamento, per aver rifiutato sistematicamente le opere innovative dei suoi allievi. Per questo motivo fondò il gruppo di artisti chiamato "Gli otto" e organizzò diverse mostre in cui furono esposti, insieme alle proprie opere e a quelle del gruppo dei suoi amici di Filadelfia, anche lavori di artisti come Maurice Prendergast, Ernest Lawson e Arthur Davies.
In queste mostre spesso le opere erano esposte in ordine alfabetico per dare risalto allo spirito egualitario che le ispirava.

Robert Henri morì a New York all'età di 64 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Henri, The Art Spirit, Filadelfia, 1923; ried. 1984 - ISBN 0-06-430138-9
  • Valerie Ann Leeds, My People: The Portraits of Robert Henri. , Orlando Museum of Art, Orlando, 1994 - ISBN 1-880699-03-6
  • Valerie Ann Leeds, Robert Henri: The Painted Spirit, Gerald Peters Gallery, New York, 2005 - ISBN 1-931717-15-X
  • Valerie Ann Leeds, Jonathan Stuhlman. From New York to Corrymore: Robert Henri and Ireland, Mint Museum of Art, Charlotte, North Carolina, 2011 - ISBN 978-0-9762300-9-0
  • Valerie Ann Leeds, Robert Henri in Santa Fe, Gerald Peters Gallery, New York, 1998 - ISBN 0-935037-83-7
  • William Innes Homer, Robert Henri and his Circle, Cornell University Press, Ithaca, 1969 ; ried. 1988 - ISBN 0-87817-326-9
  • Jessica F. Nicoll, The allure of the Maine coast: Robert Henri and his circle, 1903-1918, Portland Museum of Art, Portland, Maine 1995 - ISBN 0-916857-07-7
  • Brown, Milton, American Painting from the Armory Show to the Depression. Princeton: Princeton University Press, 1955.
  • Hughes, Robert, American Visions: The Epic History of Art in America., ediz. Knopf New York, 1997.
  • Elizabeth Kennedy, The Eight and American Modernisms., University of Chicago Press, Chicago, 2009.
  • Bennard Perlman, Robert Henri: His Life and Art., Dover Publications, New York, 1991 - ISBN 0-486-26722-9
  • Bennard Perlman, John Sloan e Robert Henri, Revolutionaries of Realism: The Letters of John Sloan and Robert Henri. Princeton University Press, 1997.
  • Marian Wardle Wardie, American Women Modernists: The Legacy of Robert Henri, 1910-1945. Ediz. Brigham Young University Museum of Art, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



Controllo di autorità VIAF: 76426766 LCCN: n50037311