Stuart Davis (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'albero e l'urna, 1921

Stuart Davis (Filadelfia, 7 dicembre 1892New York, 24 giugno 1964) è stato un pittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stuart Davis era figlio di Edward Wyatt Davis e di Helen Stuart, ambedue artisti. Suo padre, infatti, era art director del "Philadelphia Press", mentre sua madre era scultrice.
Inizialmente, dal 1909 al 1912, studiò a New York con Robert Henri, fondatore del gruppo "Gli Otto", restando nell'ambito del realismo classico[1].

Nel 1913 espose 5 acquarelli alla contestata mostra dell' "Armory Show", essendo il più giovane artista che esponeva, e nella quale erano esibite anche opere di Van Gogh, Picasso, Matisse e Marcel Duchamp[2]. Partecipò anche ad altre mostre organizzate da Alfred Stieglitz e fu colpito dalle altre opere esposte al punto da adottare un linguaggio che utilizzava come soggetti delle immagini e dei temi tipicamente statunitensi.

Dipinse molto a Gloucester, nel Massachusetts, per poi recarsi, nel 1918, all'Avana e, nel 1923, nel Nuovo Messico[2]. Da ogni viaggio riportava tele e appunti. Furono quelli anni di studio e di maturazione.

Divenuto un artista consapevole, aderì, com'era naturale, alle espressioni e alle tecniche pittoriche del suo tempo, quali il fauvismo e il cubismo, di cui spesso riuscì a realizzare una personalissima sintesi: fu un "fauve" per gli aspetti cromatici delle sue opere e fu un cubista per quelli relativi alle forme e al disegno. Per questo viene considerato come uno dei maggiori rappresentanti del cubismo americano, costituendo un nesso tra le avanguardie statunitensi prima e dopo la seconda guerra mondiale[2].

Nel 1928 fece un viaggio a Parigi, dove dipinse numerose scene di città e di oggetti.
Nel 1930 si impegnò politicamente, con l'obiettivo di « riconciliare l'arte astratta con il Marxismo e la moderna società industriale »[2].
Nel 1934 entrò nell' "Artists' Union", della quale in seguito divenne Presidente[2], e nel 1936 l' "American Artists' Congress" lo elesse suo Segretario nazionale.

La sua rappresentazione di oggetti semplici legati al vivere quotidiano, come i pacchetti di sigarette (Lucky Strike, 1921 ed altre opere del 1927), fanno di lui un precursore della Pop Art.
In seguito, la sua produzione venne influenzata dal jazz[2] (Swing Landscape, 1938 e The Mellow Pad, 1951), e in essa sia il colore che la tessitura sono assai più marcati. Questa particolare sensibilità verso soggetti musicali americani iniziò quando egli dovette realizzare degli affreschi per il Federal Arts Project del Works Progress Administration e lo fece ispirandosi alla sua grande passione per il jazz.

Stuart Davis morì di infarto a New York, all'età di 71 anni.

Collezioni pubbliche[modifica | modifica sorgente]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Philip Cooper, Cubism. Ediz. Phaidon, Londra, 1995.
  2. ^ a b c d e f Cécile Whiting, Stuard Davis, Oxford Art Online

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ani Boyajian, Mark Rutkoski, Stuart Davis: A Catalogue Raisonné (3 volumi) William Agee e Karen Wilkin Editori, 2007 - ISBN 0-300-10981-4
  • Karen Wilkin, Stuart Davis in Gloucester, 1999 - ISBN 1-889097-34-9
  • Lowery Stokes Sims et al., Stuart Davis: American Painter. Ediz. The Metropolitan Museum of Art e Harry N. Abrams, Inc. 1991

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49262338