Pianeti dell'Universo della Fondazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo è un elenco dei pianeti nominati nel ciclo della Fondazione, nel ciclo dei Robot e nel Ciclo dell'Impero di Isaac Asimov.

Le date sono indicate in era Galattica (EG) o in era della Fondazione (EF).

Alpha[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta orbitante attorno ad Alpha Centauri A, era in origine un pianeta completamente coperto dalle acque, che nei primi secoli di dominio imperiale subì l'inizio di una terraformazione, che fece sorgere una piccola isola; il progetto prevedeva originariamente il sollevamento dagli abissi di interi continenti, ma l'Impero lo abbandonò ben presto per cause ignote.

Nel 497 E. F., Alpha è abitato dagli ultimi superstiti della Terra, per lo più di etnia polinesiana, melanesiana e asiatica, trasferiti dall'Impero Galattico quando la Terra era ormai diventata completamente radioattiva e incapace di supportare la vita. I suoi abitanti, che vivono di pesca e possono controllare il tempo meteorologico, lo chiamano Nuova Terra.

Viene visitato da Golan Trevize, Janov Pelorat e Bliss durante la loro ricerca della Terra.

Anacreon[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anacreon.

Arturo[modifica | modifica wikitesto]

Altrimenti chiamato Arcturus è uno dei primi pianeti colonizzati dall'uomo. Su di esso infatti sono state rinvenute iscrizioni nell'antica e prima unica lingua del pianeta originario: l'inglese (o meglio, una sua versione futura di quello moderno). Su di esso, durante e prima l'epoca imperiale, si sono sviluppate fortissime tensioni anti-terrestre. Il pianeta prende il nome dalla stella omonima a cui gira attorno.

Su affermazioni del diplomatico imperiale e filologo Lord Dorwin, del primo secolo dell'Era della Fondazione, il sistema di Arturo sarebbe maggiormente accreditato dagli studiosi antichi come mondo originario della specie umana, nonostante invero le caratteristiche fisiche stellari sfavorevoli ad uno sviluppo di pianeti con ecosistema stabile adatto alla vita.

Askone[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta della Periferia entrato nell'orbita commerciale della Fondazione attorno al 130 EF, dopo la missione di Limmar Ponyets narrata nella quarte parte di Cronache della Galassia.

Asperta[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta col quale la Fondazione ha attorno al 300 EF delle "due pratiche commerciali". Nominato dal sindaco Indbur III in Il crollo della Galassia centrale.

Aurora[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aurora (pianeta).

Baleyworld[modifica | modifica wikitesto]

Compare nel romanzo I robot e l'Impero. È il primo pianeta colonizzato da terrestri della seconda ondata, a parte i 50 mondi degli Spaziali.

Orbita attorno a Epsilon Eridani e questo lo rende un pianeta leggermente più freddo della Terra, abitato da austeri e determinati Coloni terrestri con un odio smodato per i robot e gli "Spaziali". La capitale è Baleytown.

Deve il suo nome a Bentley Baley, figlio del celebre investigatore Elijah Baley (personaggio introdotto da Asimov in Abissi d'acciaio a cui si deve il fenomeno della seconda colonizzazione da parte di pionieri terrestri). Ben Baley fu il capo dei coloni terrestri che per primi sbarcarono sul pianeta. In seguito il nome cambierà prima in Benbally World, e infine in Comporellen (o Comporellon, in L'orlo della Fondazione).

Nel 498 e. F., o era della Fondazione (come descritto in Fondazione e Terra), Comporollen non fa parte dei territori controllati da Terminus ma ne è un semplice alleato.

Baronn[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine di Bel Arvadan, menzionato in Paria dei cieli, del settore di Sirio.

Bonde[modifica | modifica wikitesto]

Un pianeta della Fondazione attorno al 300 EF, menzionato dal sindaco Indbur III.

Cil[modifica | modifica wikitesto]

Menzionato in L'altra faccia della spirale, è sulla normale rotta commerciale tra Kalgan e Tazenda.

Cinna[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta da cui Dors Venabili diceva di provenire.

Comporellen[modifica | modifica wikitesto]

Vedi sopra Baleyworld

Euterpe[modifica | modifica wikitesto]

Un mondo degli Spaziali, meta turistica a causa delle sue ampie foreste pluviali e del suo satellite Gemstone, che ha un raggio di circa 120 km.

Florina[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta su cui è ambientato gran parte del romanzo Le correnti dello spazio. All'epoca degli eventi di questo romanzo, Florina è dominato dal vicino pianeta di Sark: i suoi abitanti sono trattati in modo simile a schiavi nelle immense piantagioni kirt, la stoffa più preziosa del tempo. Tale pianta cresce solamente su Florina, a causa di una corrente interstellare di carbonio che modifica le radiazioni provenienti dal suo sole.

Gaia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gaia (pianeta).

Getorin[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta vicino Trantor, noto come pianeta di vacanze, nominato in Fondazione anno zero.

Glyptal IV[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta della Periferia dove la Fondazione tenta di imporre la sua influenza religiosa attorno al 130 EF.

Iss[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dei Mercanti indipendenti al tempo dell'ascesa del Mule (circa 300 EF). Assieme a Haven e Iss, rappresenta a quel tempo circa metà delle forze militari dei Mercanti Indipendenti. Il suo rappresentante alla conferenza di Radole era Mangin.

Hame[modifica | modifica wikitesto]

Hame è il nome dialettale che i contadini di Trantor hanno dato al loro pianeta. Una volta che questo ha smesso di essere la capitale dell'Impero e dopo il Grande Saccheggio e lo smantellamento della megalopoli planetaria da parte dei mercanti di metalli di tutta la galassia, il mondo è involuto allo stadio di un pianeta agricolo, abitato da gente semplice, superstiziosa e poco acculturata.
In L'altra faccia della spirale si scopre che l'attuale condizione dell'ex-capitale è il paravento usato dai membri della Seconda Fondazione per non far sapere della loro esistenza alla Prima Fondazione di Terminus. Essi si sono stabiliti nell'area un tempo appartenente all'antica Università Galattica, con la sua ricchissima Biblioteca.

In "L'orlo della Fondazione" Asimov ci fa sapere che il vecchio nome è usato solo dai membri della Seconda Fondazione, mentre gli agricoltori hamiani preferiscono usare il loro termine dialettale per superstizione [1] .

vedi sotto Trantor

Haven[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei più importanti pianeti dei Mercanti indipendenti attorno al 300 EF, assieme a Iss e Mnemon. Le sue città erano costruite sottoterra, e la maggiore tra esse, Gleiar city, contava prima dell'ascesa del Mule circa ventimila abitanti, ed era la più grande tra tutte le città dei Mercanti indipendenti.

Toran Darell era nativo di Haven.

Helicon[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Helicon (pianeta immaginario).

Hesperos[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei Mondi Spaziali, dove Vasilia Aliena attese la morte di suo padre Han Fastolfe.

Hopara[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale di Lisung Randa. La caratteristica di questo mondo e di quelli del suo settore è la popolazione, che presenta tratti somatici prevalentemente orientali.

Horleggor[modifica | modifica wikitesto]

Sito della prima battaglia del Mule contro la Fondazione.

Ifni[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta del settore anacreoniano dove è stata combattuta una battaglia tra la Fondazione e Kalgan.

Kalgan[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kalgan.

Korell[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Korell.

Langano[modifica | modifica wikitesto]

Sede dell'università dove ha studiato Stettin Palver.

Libair[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta i cui abitanti hanno una carnagione molto scura.

Lingane[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta della nebulosa Testa di Cavallo, l'ultimo ad essere conquistato dai Tirannici. Pianeta essenzialmente commerciale, è governato da un Autarca.

Lingane riuscì a sconfiggere i Tirannici nella prima guerra tra i due pianeti, di fatto fermando definitivamente l'espansione del regno di Tyrann. Tuttavia, la resistenza cedette dopo la morte dell'Autarca Sander Jonti, coinvolto in un piano per far crollare Tyrann.

Orbita attorno ad una stella di classe spettrale G-2.

Livia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale di Humbal Yariff.

Locris[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Quattro Regni.

Capitale di uno dei Quattro regni, si trova a circa 20 parsec da Terminus.

Lyonesse[modifica | modifica wikitesto]

Menzionato dal sindaco Indbur III, ha un accordo commerciale con la Fondazione. Viene conquistato dal Mule attorno al 300 EF.

Lucreza[modifica | modifica wikitesto]

Mondo principale dell'omonimo settore, è uno dei dieci più popolosi della galassia all'epoca di Cleon I.

Lystena[modifica | modifica wikitesto]

Mondo Esterno, pianeta natale del giudice Tejan Popjens Lih, nominato in Fondazione anno zero.

Madras[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove è stata ambasciatrice Harla Branno prima di diventare sindaco di Terminus. È nominato in L'orlo della Fondazione.

Melpomenia[modifica | modifica wikitesto]

Diciannovesimo mondo Spaziale in ordine di colonizzazione, sottoposto a terraformazione poi abbandonato. Nel 499 EF, il pianeta è in fase di decadimento ambientale ed oramai privo di atmosfera respirabile, abitato soltanto da una specie di muschio. Nel romanzo Fondazione e Terra, i protagonisti vi giungono durante la loro ricerca della Terra, trovando tra i ruderi di un antico palazzo una stele con incisi i nomi e le coordinate dei cinquanta mondi Spaziali.

Mnemon[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dei Mercanti indipendenti al tempo dell'ascesa del Mule (circa 300 EF). Insieme a Haven e Iss, rappresenta a quel tempo circa metà delle forze militari dei Mercanti Indipendenti. Il suo rappresentante alla conferenza di Radole era Ovall Gri; durante questa conferenza il Mule attaccò a tradimento il pianeta, causando la loro entrata in guerra.

Mores[modifica | modifica wikitesto]

Sigla un trattato commerciale con la Fondazione attorno al 300 EF, sotto il sindaco Indbur III.

Neo-Trantor[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Neo-Trantor.

Nephelos[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei pianeti della Nebulosa Testa di Cavallo, mondo principale del governatorato di Widemos, conquistato da Tyrann circa cinquanta anni prima degli eventi narrati in Il tiranno dei mondi. Il protagonista di questo romanzo, Biron Farill, proviene da Nephelos.

Orbita attorno ad una stella di classe spettrale G-2.

Nexon[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta Spaziale, a 2 parsec (circa 6 anni luce) da Solaria. Nexon e Solaria formano la coppia di pianeti Spaziali a minor distanza reciproca; i coloni di Solaria provenivano da Nexon.

Nishaya[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta isolato, che non ha mai fatto parte del regno di Trantor prima della fondazione dell'Impero. Nel 12028 EG Laskin Joranum disse di provenire da questo pianeta. I suoi abitanti parlano con un accento molto diverso dal Galattico standard.

Orsha II[modifica | modifica wikitesto]

Capitale del settore normannico dopo la ribellione di Siwenna poco prima del 150 EF. Dista da Siwenna circa 20 parsec (65 anni luce).

Quoriston[modifica | modifica wikitesto]

Luogo della battaglia decisiva nella guerra tra Kalgan e la Fondazione, nel 377 EF.

Radole[modifica | modifica wikitesto]

Il più debole pianeta dei Mercanti indipendenti. Per questa sua caratteristica è scelto per ospitare la conferenza che deve decidere l'entrata o meno in guerra contro il Mule. A causa del moto sincrono rotazione-rivoluzione, rivolge la stessa faccia al suo sole, così che l'unica zona abitabile è una stretta fascia mediana sul suo terminatore.

Rhodia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta della nebulosa Testa di Cavallo, si trova a circa 35 anni luce da Lingane. È il 1098º pianeta colonizzato dall'uomo; era uno dei regni più importanti della nebulosa prima che i Tirannici lo conquistassero.

Al tempo degli eventi di Il tiranno dei mondi, è governato da un membro della famiglia degli Hinriadi, scelto elettivamente; sotto Hinrick V, sovrano considerato debole e stupido dai Tirannici e dal resto della Galassia, Rhodia preparò una ribellione ispirata ad ideali di democrazia.

Rigel[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo millennio dell'era Galattica, i rigelliani svilupparono una cultura robotica, cadendo nella passività e diventando prede del signore della guerra Moray.

Rossem[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca dei fatti descritti nel romanzo Seconda Fondazione, si presenta come un mondo orbitante attorno ad una fredda stella rossa, dal clima glaciale, in cui solo una stretta fascia di territorio a ridosso dell'equatore sia abitabile. La popolazione è scarsa, composta per intero da poveri contadini; non esistono città di rilievo, ma solo villaggi.

Sul pianeta, ai tempi dell'Impero Galattico, venivano mantenuti solo un osservatorio e una piccola guarnigione; il pianeta era meta solamente di alcuni prigionieri politici. Nei lunghi anni di caos susseguenti al crollo del Primo Impero, alcuni esseri umani, esasperati dal clima di totale anarchia, scelsero di rifugiarsi su Rossem proprio per la sua totale mancanza di attrattiva.

Secondo quanto raccontato nel romanzo, durante la caccia alla cosiddetta Seconda Fondazione, il pianeta viene reputato una delle possibili sedi. Diventa così il luogo di uno scontro, soprattutto mentale, tra il Mulo, Bail Channis, agente della Seconda Fondazione, e il Primo Oratore Preem Palver, dopo il quale il Mulo termina le sue campagne di conquista rinunciando al sogno di dominare la galassia.

Salinn[modifica | modifica wikitesto]

Il primo pianeta ad essere consapevole dell'offensiva del Mule nei confronti della Fondazione.

Santanni[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta a circa 9.000 parsec (29.000 anni luce) da Trantor e a circa 800 parsec da Locris.

Nel 12058 EG il pianeta si ribellò all'Impero; in questa rivolta fu ucciso Raych Seldon, che vi si era trasferito con sua moglie Manella e sua figlia Bellis.

È menzionato in Fondazione anno zero, Cronache della Galassia, L'altra faccia della spirale e L'orlo della Fondazione in cui Janov Pelorat dice di avere su Santanni un figlio insegnante di chimica.

Sarip[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta vicino ad Anacreon.

Sark[modifica | modifica wikitesto]

Al tempo del romanzo Le correnti dello spazio, è il secondo pianeta più ricco della Galassia, superato soltanto da Trantor; tale ricchezza deriva dallo sfruttamento coloniale del vicino pianeta di Florina.

Sayshell[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta distante circa 10.000 parsec (33.000 anni luce) da Terminus, e vicino a Gaia.

Nell'era pre-imperiale, Sayshell fu dominato da idee religiose secondo le quali era stato il primo pianeta ad essere colonizzato dalla Terra, mentre il resto della Galassia sarebbe stato colonizzato da Sayshell stesso. Il pianeta fu profondamente nazionalista anche durante l'Impero; nel 305 EF firmò un trattato di neutralità con il Mule. Nel 498 EF è la capitale della Unione di Sayshell, un'entità politica che conta 86 pianeti abitati.

Gli abitanti si chiamano solitamente l'un l'altro usando le iniziali dei rispettivi lunghissimi nomi.

È probabile da parte dell'autore, un accostamento con le popolazioni dell'Oceano Indiano, ora per i caratteri somatici degli abitanti ora per l'uso di nomi lunghissimi, proprio delle popolazioni di Sri Lanka.[senza fonte]

Sirio[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei primi pianeti colonizzati dall'uomo (presumibilmente senza contare quelli Spaziali). Su di esso infatti sono state rinvenute iscrizioni nell'antica e prima unica lingua del pianeta originario: l'inglese (o meglio, una sua versione futura di quello moderno). Su di esso, durante e prima l'epoca imperiale, si sono sviluppate fortissime tensioni anti-terrestre. Il pianeta prende il nome dal sistema di stelle omonime su cui orbita, inoltre, il suo nome da origine anche al nome del Settore (Settore Sirio).

Siwenna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Siwenna.

Smitheus[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei cinquanta mondi Spaziali. A differenza degli altri, il pianeta prende il nome non da una delle Muse della mitologia greca, bensì dal cognome del capo che guidò i primi coloni sul pianeta.

Smushyk[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta della Periferia, menzionato in L'altra faccia della spirale.

Smyrno[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Quattro Regni.

Capitale di uno dei Quattro Regni, si trova a circa 50 parsec da Terminus.

Solaria[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Solaria (pianeta).

Synnax[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale di Gaal Dornick, si trova ai margini di una zona denominata Corrente azzurra.

Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tazenda (pianeta immaginario).

Terminus[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terminus (ciclo della Fondazione).

Terel[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei pianeti dei Mercanti indipendenti, attorno al 300 EF.

Terra[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terra (Fondazione).

Trantor[modifica | modifica wikitesto]

Trantor nel periodo del massimo splendore
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trantor.

Pianeta situato nelle regioni centrali della Galassia, capitale prima del Regno di Trantor e poi dell'Impero Galattico per decine di migliaia di anni. Nel periodo di massimo splendore era interamente urbanizzato e ospitava 40 miliardi di abitanti.

Tyrann[modifica | modifica wikitesto]

Il 1099º pianeta colonizzato dall'uomo, si trova nella nebulosa Testa di Cavallo, a circa 500 anni luce (150 parsec) dalla Terra. (Questa è la distanza che Asimov cita nel romanzo Il tiranno dei mondi; tuttavia, la vera distanza della nebulosa dalla Terra è circa 1600 anni luce).

Quasi completamente deserto, è governato da un "Kahn"; i suoi abitanti (detti comunemente Tirannici) sono un popolo dedito principalmente alle arti guerriere. All'epoca di Il tiranno dei mondi, Tyrann controlla una cinquantina di mondi della nebulosa (i Regni Nebulari), tra i quali vi sono Rhodia e Nephelos. L'espansione del regno fu fermata dopo una guerra tra Tyrann e Lingane; tuttavia una cinquantina d'anni dopo questa guerra, dopo la morte di Sander Jonti, i Tirannici riuscirono finalmente a conquistare Lingane.

Vincetori[modifica | modifica wikitesto]

Pianeti sulla rotta comunemente seguita tra Kalgan e Tazenda.

Voreg[modifica | modifica wikitesto]

Un pianeta della Prefettura di Anacreon, vicino al mondo principale.

Wanda[modifica | modifica wikitesto]

Quartier generale della flotta di Bel Riose durante la guerra tra la Fondazione e l'Impero, dove sono tenuti prigionieri Lathan Devers e Onum Barr.

Wenkory[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale di Las Zenow, nominato in Fondazione anno zero (quarta parte).

Zoranel[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove vennero esiliati Pelleas Anthor e altri cinquanta membri della Seconda Fondazione, al termine di L'altra faccia della spirale, nel 378 EF.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Isaac Asimov, L'orlo della Fondazione, Mondadori, Milano, 2012, p.130
fantascienza Portale Fantascienza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantascienza