Susan Calvin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Susan Calvin
Universo Ciclo dei Robot
Autore Isaac Asimov
Interpretata da Bridget Moynahan
Voce orig. Francesca Fiorentini
Sesso Femmina
Data di nascita 1982
Professione robopsicologa

Susan Calvin è un personaggio creato dallo scrittore di fantascienza Isaac Asimov.

Note biografiche[modifica | modifica sorgente]

Nata nel 1982, poco dopo l'ultima guerra mondiale, e deceduta nel 2064, si è laureata nel 2003 alla Columbia university in robotica, e ha conseguito il Ph. D. nel 2008[1], stesso anno in cui ha cominciato a lavorare come robo-psicologa per la US Robots and Mechanical Men, Inc., il principale produttore di robot della Terra nel XXI secolo (nel 2010 ha finito il corso di perfezionamento)[2].

Asimov descrive la dottoressa Calvin come una donna estremamente tenace, gelida, completamente assorbita dal proprio lavoro e dall'emotività più simile a quella dei suoi oggetti di studio, i robot, che a quella di un normale essere umano. Asimov ne fa un personaggio di grande intelligenza e sangue freddo ("Il piccolo robot perduto" ne è un esempio calzante) capace di sciogliere situazioni difficili create spesso dall'umana imperizia o negligenza.

Sebbene inizialmente attratta dal suo collega più giovane Milton Ashe ("Liar!"), Susan Calvin non fa mistero di amare più i robot degli esseri umani, perché i primi sono incapaci di mentire. In "La prova" ("Evidence") quando le viene chiesto se i robot sono così diversi dagli esseri umani, lei risponde che "[sono] diversissimi. I robot sono fondamentalmente onesti". Inoltre, nel racconto "Lenny", Susan soddisfa il suo istinto materno prendendosi cura di un robot, che, causa una disattenzione, ha un cervello paragonabile a quello di un bambino di 5 anni. Nella seconda parte della sua vita poi, prova grande affetto (se non forse amore) verso Stephen Byerley, il primo robot dall'aspetto umano, inventato clandestinamente da uno scienziato, per poter governare saggiamente, secondo le leggi della robotica, la città di New York.

I racconti di Asimov non gettano tuttavia molta luce sull'origine della misantropia di Susan Calvin.

Interpretazioni[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio è stato interpretato da Wendy Gifford e Beatrix Lehmann nei due adattamenti dei racconti "Liar!" e "The Prophet" prodotti dalla televisione inglese e da Margaret Robertson nell'adattamento radiofonico di "Satisfaction guaranteed" prodotto da BBC - Radio 4.

Nella versione cinematografica di "Io, Robot" è stata interpretata da Bridget Moynahan, non senza qualche critica da parte dei fan di Asimov per la poca fedeltà al carattere del personaggio originale.

Susan Calvin viene menzionata anche nel romanzo "3001: Odissea finale" di Arthur C. Clarke, insieme ad Ada Lovelace e Grace Hopper.

Apparizioni[modifica | modifica sorgente]

La storia di Susan Calvin è presentata nei racconti sotto questo ordine cronologico:

Susan è citata anche nel racconto del 1974 Che tu te ne prenda cura (...That Thou Art Mindful Him) e ne L'uomo bicentenario ("The Bicentennial Man") come "la più grande robotista della storia" o comunque come una specie di santo protettore dei robot. La sua leggenda inoltre, sopravvive addirittura presso gli spaziali che la considerano appunto, una leggenda fra i roboticisti della loro "epoca medievale".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Introduzione a Io, Robot, traduzione di Roberta Rambelli, Bompiani, 1963
  2. ^ Visioni di robot, Saggio La nuova professione.