Misantropia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Misantropo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Misantropo (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« L'inferno sono gli altri. »
(Jean-Paul Sartre, da A Porte Chiuse)
« Nel mondo esiste un unico essere menzognero: l'uomo. Ogni altro essere è genuino e sincero, perché si fa vedere schiettamente qual è, manifestandosi così come si sente, mentre l'essere umano, a causa del suo abbigliamento, è diventato una caricatura, un mostro, la cui vista è ripugnante già per questo fatto, che è poi perfino sottolineato dal colore bianco e per lui innaturale della pelle e dalle disgustose conseguenze del suo nutrimento a base di carne, che è contro natura, nonché delle bevande alcoliche, del tabacco, degli stravizi e delle malattie. L'essere umano appare come una macchia ignominiosa nella natura. »
(Arthur Schopenhauer, da Parerga e paralipomena)

La misantropia è un sentimento ed un conseguente atteggiamento d'odio totale o sfiducia nei confronti del genere umano ovvero l'attitudine all'antipatia e alla sfiducia verso le altre persone. L'etimologia della parola proviene dal greco μῖσος ("odio") + ἄνθρωπος ("uomo, essere umano"). Un misantropo è una persona che odia o non si fida dell'umanità. La misantropia comunque non implica necessariamente sadismo o masochismo, o una disposizione antisociale e sociopatica verso l'umanità.

Forme e origini della misantropia[modifica | modifica sorgente]

Benché i misantropi non esprimano fiducia per l'umanità in generale, tendono ad avere relazioni personali normali con altri individui. La misantropia può essere motivata da sentimenti di isolamento o alienazione. La misantropia può assumere forma di arroganza culturale, quando una persona prova avversione verso l'umanità per una percezione di superiorità mentale sugli altri, specialmente in persone con disturbi psichici gravi.

Può assumere diversi aspetti anche "temporanei", specialmente in individui affetti da forti depressioni o da altri disturbi; l'aspetto più comune è classificabile come un desiderio di solitudine, alienazione o anche sentimenti estremi, come il distruggere le altre persone, spesso attraverso la violenza.

La misantropia difficilmente riesce ad attecchire completamente nella personalità di una persona: nei misantropi estremi spesso non esiste rimedio o soluzione in grado di far cambiare pensiero, mentre invece può essere una valvola di sfogo per quelle persone non propriamente misantrope, ma che ne abbracciano l'ideologia solo per questioni temporanee e provvisorie, spesso correlate appunto a disturbi psichici o filosofie personali.

Rappresentazioni di misantropia sono comuni nella satira e nella comicità, anche se rappresentazioni estreme sono generalmente rare, espressioni sottili sono più comuni, specialmente quelle che evidenziano i difetti e i limiti dell'umanità. In casi estremi, i misantropi possono ritirarsi dalla società, diventando eremiti, reclusi e apolidi.

La misantropia nella storia sociale[modifica | modifica sorgente]

Da un punto di vista prettamente sociale e storico, la misantropia è stata ed è vista ancora come una forma oscura e neonata del razzismo o dei suoi due rami minori (rispettivamente, misoginia e misandria), spesso i misantropi vengono esclusi da certi tipi di società o altamente penalizzati, in quanto visti diversi o semplicemente dei folli. Tuttavia, la misantropia è stata largamente emancipata da numerosi filosofi e sociologi della storia umana, come Platone, Diogene di Sinope, Aristotele, Jonathan Swift, Immanuel Kant, Arthur Schopenhauer o Emil Cioran.

La misantropia tende a rivelarsi nell'individuo prettamente durante il transito dall'età adulta-media (40-50 anni) alla Terza Età, anche se non rari sono i casi di misantropia adolescenziale, essendo l'adolescenza un periodo di grande arricchimento mentale e filosofico. Infatti, molte persone nell'età compresa dai 16 ai 21 anni con problemi psichici o eccessiva emotività personale (non necessariamente positiva) sono inclini alla misantropia.

La misantropia nella filosofia[modifica | modifica sorgente]

Nella filosofia occidentale, la misantropia è stata correlata all'isolamento dalla società umana e, più propriamente, al gruppo sociale in se stesso come insieme di persone.

Nel Fedone di Platone, Socrate definisce la misantropia ai suoi allievi come un principio primitivo, quasi animalesco: "La misantropia si sviluppa quando una persona, riposto completa fiducia nei confronti di un altro che sembri essere di buon animo e veritiero, scopre poi che questa persona in realtà non lo è. Quando questo succede troppo spesso, ecco che essa inizia, inevitabilmente, ad odiare tutte le persone e a non fidarsi più di nessuno."[1] La misantropia, per Platone, è presentata come il risultato di aspirazioni bruciate o eccessivo ottimismo nei confronti di un obiettivo o di una causa comune poi rivelatasi completamente sbagliata o errata, soprattutto alla luce del fatto che Platone sostenne questa "arte" (la misantropia) come qualcosa che possa aiutare il potenziale misantropo a riconoscere la posizione della maggioranza degli uomini tra il bene e il male, aiutandolo così ad essere più prudente e a meglio identificare le intenzioni di tutti gli uomini, facendogli però perdere contemporaneamente fiducia in loro stessi.[2]

Aristotele seguì una via molto più ontologica: il misantropo, essenzialmente un uomo solitario, non è propriamente umano: deve essere una bestia o un dio per riuscire ad odiare tutti gli uomini, una visione riflessa nel Rinascimento della misantropia come "uno stadio bestiale".[3] È importante fare una marcata distinzione tra pessimismo filosofico e misantropia.

Immanuel Kant disse che "Dallo storto legno dell'umanità, nulla di dritto potrà mai essere creato." anche se questa non era propriamente un'espressione riguardante l'inutilità della razza umana in se stessa, ma più una critica allo scopo ultimo della razza umana. Kant, in seguito, specificò come l'odio della razza umana possa prendere due forme distintive: l'avversione in generale per gli uomini (Antropofobia) o l'animosità totale contro di essi.[4] La condizione di misantropo può crescere parzialmente sia dal disprezzo che dal proprio volere.[4]

Un altro esempio di misantropia equivoca è una citazione di Jean-Paul Sartre: "L'inferno sono gli altri". A primo impatto questa citazione può sembrare di stampo profondamente misantropo, ma Sartre fece un'osservazione molto precisa sulla tendenza degli esseri umani nel mancare di auto-consapevolezza. Persone ignare tendono a proiettare fuori le proprie paure e le caratteristiche personali più profonde contro le altre persone, invece di partecipare in un'espressiva introspezione di se stessi. Quindi, quando guardano altre persone, spesso essi vedono il peggio di quella che è in realtà la propria personalità.

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer (che influenzò particolarmente Friedrich Nietzsche), d'altra parte, fu un famoso misantropo, specialmente grazie alla sua reputazione di recluso sociale e di solitario, cosa che comprendeva anche il suo Antinatalismo Filosofico, trasformando la sua misantropia quindi come un effetto indesiderato della sua filosofia. Egli scrisse che "l'esistenza umana deve essere un qualche tipo di errore." anche se egli reputò necessario aggiungere, comunque, che la misantropia non è necessariamente eguale alle attitudini inumane contro l'umanità. Schopenhauer concluse, di fatto, che il trattamento etico di tutti gli altri è il miglior approccio, visto che siamo tutti compagni di sofferenza e che siamo tutti, bene o male, partecipi al voler vivere la vita in modo sufficientemente sereno per se stessi; egli parlò anche del suicidio con comprensione e simpatia, cosa assai rara ai suoi tempi, in quanto era un tema prettamente proibito e non discusso largamente.

Si dice che anche Martin Heidegger mostrò segni di misantropia nei suoi pensieri riguardanti "gli altri" - come la tendenza delle persone nel confluire in un'unica visione d'insieme, che nessuno ha realmente pensato e accettato, ma è semplicemente seguita perché "loro dicono così". Questa potrebbe esser pensata più come una critica alla conformità piuttosto che alle persone in generale. A differenza di Schopenhauer, Heidegger era assolutamente contro qualsiasi etica sistematica, anche se in alcuni suoi tardi pensieri egli stesso vedette la possibilità dell'armonia tra persone come parte di un'unione di 4 soggetti: i mortali, Dio, la terra e i cieli.

La misantropia nella televisione e nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

La misantropia nella televisione[modifica | modifica sorgente]

Alcuni personaggi televisivi sono stati creati con un profilo volutamente misantropico:

Questi sono solo alcuni dei personaggi che mostrano una spiccata antipatia nei confronti delle altre persone, caratteristica che funge da spunto per conversazioni o considerazioni all'interno della serie televisiva, spesso fino ad influenzare l'intera trama.

« Preferisco sedere su una zucca che sia solo mia piuttosto che stare stretto su un cuscino di velluto »
(Gil Grissom cita Henry David Thoreau in un episodio.)

La misantropia nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

La misantropia ha un ruolo fondamentale anche in molte opere letterarie o teatrali (basti pensare a Il misantropo di Molière, o I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift), oppure è una delle principali caratteristiche dell'autore. Alcuni degli autori più ricordati per la loro filosofia misantropica sono Charles Bukowski, Emil Cioran (autore di Sillogismi di amarezza o L'inconveniente di essere nati), Louis-Ferdinand Céline, J.D. Salinger e anche Mark Twain, in alcune occasioni, dimostrò un certo astio verso il genere umano. Scrive Cioran:

« Alberi massacrati. Sorgono case. Facce, facce dappertutto. L'uomo si estende. L'uomo è il cancro della terra. »
(Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973)

La misantropia di Leopardi[modifica | modifica sorgente]

Giacomo Leopardi venne più volte tacciato di misantropia, anche se nelle sue opere, particolarmente nelle Operette morali e nello Zibaldone, nega esplicitamente di essere misantropo:

« Chi sostiene che la mia filosofia conduce diritto alla misantropia, vede le cose molto in superficie »

La visione del Leopardi della misantropia è un malumore, un vero e proprio odio verso i propri simili, che non si affronta quasi mai direttamente, e che deriva dalla convinzione che la propria infelicità sia causata dai propri simili.

La sua opera, secondo quanto afferma,

« mira a sanare tale malessere, sollecita gli uomini a trovare forme di solidarietà, a superare gli steccati ch'essi stessi innalzano; del male che s'arrecano l'un l'altro, non sono responsabili gli uomini [...] la mia filosofia fa rea d'ogni cosa la natura, e discolpando gli uomini totalmente, rivolge l'odio, o se non altro il lamento, a principio più alto, all'origine vera de' mali de' viventi. »
(Zibaldone)

La stessa affermazione, riportata in metro poetico, è riscontrabile ne La ginestra, considerata quale testamento spirituale del poeta.

« [...]e incontro a questa

Congiunta esser pensando,

Siccome è il vero, ed ordinata in pria

L'umana compagnia,

Tutti fra sé confederati estima

Gli uomini, e tutti abbraccia

Con vero amor, porgendo

Valida e pronta ed aspettando aita

Negli alterni perigli e nelle angosce

Della guerra comune.[...] »

più precisamente da Zibaldone, 4428 - "la mia filosofia, non solo non è conducente alla misantropia come può parere a chi la guarda superficialmente, e come molti l'accusano; ma di sua natura esclude la misantropia, di sua natura tende a sanare, a spegnere quel malumore, quell'odio, non sistematico, ma pur vero odio, che tanti e tanti, i quali non sono filosofi, e non vorrebbono esser chiamati né creduti misantropi, portano però cordialmente a' loro simili, sia abitualmente, sia in occasioni particolari, a causa del male che, giustamente o ingiustamente, essi, come tutti gli altri, ricevono dagli altri uomini. La mia filosofia fa rea d'ogni cosa la natura, e discolpando gli uomini totalmente, rivolge l'odio, se non altro il lamento, a principio più alto, all'origine vera de' mali de' viventi."

Ancora da "La ginestra" - "Così fatti pensieri/Quando fien, come fur, palesi al volgo, /E quell'orror che primo/Contra l'empia natura/Strinze i mortali in social catena./Fia ricondotto in parte/Da verace saper, l'onesto e il retto/Conversar cittadino, /E giustizia e pietade, altra radice/Avranno allor che non superba fole, Ove fondata probità del volgo/Così star suole in piedi/Quale star può quel ch'ha in error la sede."

Più che di vera misantropia, per Leopardi si può parlare quindi più di carattere introverso e incline alla meditazione solitaria.

La misantropia nei fumetti[modifica | modifica sorgente]

Questo tema viene ampiamente trattato anche nei fumetti. Alcuni esempi sono:

  • Magneto, supercriminale acerrimo nemico degli X-Men: questo personaggio è fortemente misantropo in quanto, a causa delle sue origini ebraiche, subì la persecuzione del Nazismo e venne rinchiuso ad Auschwitz, perdendo tutta la sua famiglia: il suo odio per l'umanità verrà alimentato anche dalla sua natura di mutante (nei fumetti Marvel i mutanti sono pesantemente bistrattati dagli esseri umani, che li temono).
  • Il Dottor Destino, altro celebre supercattivo della Marvel, cresce covando odio e desiderio di vendetta nei confronti del genere umano, a causa delle continue persecuzioni da parte del barone Zorba, nemico di suo padre, e per la morte dei suoi genitori, avvenuta per mano dello stesso Zorba.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paul Stern, Razionalismo socratico e filosofia politica: un'interpretazione del Fedone di Platone, Stampa SUNY, 1993, p. 94, ISBN 978-0-7914-1573-3.
  2. ^ Stern 95.
  3. ^ John Jowett, Lo Shakespeare di Oxford: La vita del Timone di Atene, Oxford UP, 2004, p. 29, ISBN 978-0-19-281497-5.
  4. ^ a b Immanuel Kant, Letture sull'etica, Stampa dell'università di Cambridge, 19 marzo 2001, p. 191, ISBN 978-0-521-78804-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]