Jeff Hawke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Jeff Hawke
Lingua orig. Lingua inglese
Alter ego Mac McLane, ufficiale della Royal Canadian Air Force
Autori
Editore Daily Express
1ª app. 15 febbraio 1954
Ultima app. in 18 aprile 1974
app. it. in 1969 rivista Linus
Specie Caucasica
Sesso Maschio
Etnia Scozzese
Luogo di nascita Scozia
Professione Ufficiale Caposquadriglia Royal Air Force, Astronauta
Abilità pilota aeronautico
Parenti discendente di Mattew Hawke, ufficiale Royal Navy

Jeffrey Robert Hawke, più conosciuto come Jeff Hawke, è un personaggio immaginario dei fumetti di fantascienza. Creato da Sydney Jordan e pubblicato per la prima volta sul quotidiano britannico Daily Express, è il protagonista delle omonime strisce quotidiane, dal 15 febbraio 1954 al 18 aprile 1974.

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

L'autore, Sydney Jordan, diplomatosi presso l'Aeronautical Technical School in Reading, aveva sempre desiderato creare fumetti a carattere fantastico dove esprimere la sua abilità nel disegnare aeroplani. Nel 1955 incontra a Londra Eric Souster e Jim Gilbert[senza fonte][chi sono? anno è posteriore esordio del fumetto], due amici che avevano prestato il servizio militare presso la Royal Air Force ed insieme crearono il personaggio di Jeff Hawke.

Il personaggio di Jeff Hawke nasce come un pilota collaudatore della R.A.F.. Le prime storie sono avventure di fantascienza su un filone allora in voga ma il consenso riscosso consentì la creazione di nuove storie.

Nel 1956 William Patterson, amico di infanzia di Jordan, inizia a collaborare nella stesura dei dialoghi, per arrivare pochi anni dopo a produrre dei veri e propri copioni apportando un notevole miglioramento qualitativo. Jordan, ora concentrato interamente nel disegno, fu in grado di migliorare il suo stile, rendendolo altamente suggestivo, realistico, con tratti in bianco-nero straordinariamente marcati coadiuvati da suggestive ombreggiature utilizzando retino puntinato. Il periodo Patterson-Jordan venne considerato da molti "il solo vero Jeff Hawke".

Nel 1969 Patterson fu costretto a lasciare per motivi di salute, per cui Jordan tornò ad occuparsi interamente alla creazione di nuovi episodi ed iniziando un lento ed inesorabile declino. L'ultima striscia di Jeff Hawke fu pubblicata sul 18 aprile 1974 quale epilogo dell'episodio Prima persona plurale.

Jordan tentò di intraprendere una nuova strada creando senza successo un personaggio similare, quello di Lance McLane, pubblicato sul quotidiano scozzese Daily Record, così tentò di riparare riesumando Jeff Hawke e collocandolo nel contesto di McLane, un tentativo che non fu in grado di raggiungere l'originale genialità del periodo Patterson-Jordan.

Temi[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente il personaggio di Jeff Hawke recitava la parte di un eroe convenzionale che si imbatte con forme di vita aliene. Hawke infatti esordisce come ufficiale della RAF, pilota di un velivolo d'avanguardia, in grado di intercettare ad alta quota un UFO. A causa di una collisione viene salvato da morte certa da alieni incorporei, gli Esseri Celesti, i quali gli propongono di risolvere una controversia politica in un altro mondo, caduto sotto una dittatura, una storia in debito di ispirazione con il celebre eroe di Flash Gordon. Segue una lunghissima storia su un'invasione marziana globale, sulla scia del capolavoro filmografico La guerra dei mondi, la quale dispone tuttavia di un paio di spunti originali.

Ben presto sotto la direzione di Patterson la striscia sviluppò rapidamente un proprio stile. Gli autori concepirono sempre più il loro prodotto come una narrazione a carattere fortemente dialogico, carattere che consentiva alla fantascienza dell'epoca una grande opportunità di proliferazione e moltiplicazione tematica (opera fantascientifica con queste premesse e con grandi meriti artistici sarà poi la serie classica di Star Trek). Con il tempo il personaggio stesso di Jeff Hawke acquistò il ruolo di uomo di ragionamento, di diplomazia e virtù morali, il cui fine è essere indagatore della verità assetato di conoscenza[1], che propugna un sapere unico e indivisibile, sintesi di quello umanistico e di quello scientifico[2], divenendo una sorta di ambasciatore dell'umanità, utilizzando la sua cultura e il suo intelletto come fondamentali e insostituibili strumenti, senza i quali non è assolutamente possibile il miglioramento e il perfezionamento della persona e della società umana, necessari per la realizzazione più compiuta dell'uomo.

Seppure ufficiale al servizio di Sua Maestà non lesina qualche nota critica verso il sistema monarchico britannico, giudicandolo "senza successo". Attraverso storie e personaggi (v. avanti) gli autori lasciano trapelare il proprio patriottismo scozzese.

Nei fumetti di Jeff Hawke i veri protagonisti sono gli alieni. Il suo universo è popolato di una moltitudine di strane razze che vengono in contatto, prevalentemente accidentale, con l'umanità. Raramente lo scopo è distruttivo. Gli alieni ritengono infatti la Terra irrilevante ed i Terrestri prevalentemente dei "primitivi", più altri epiteti poco lusinghieri.

L'intreccio delle storie di Jeff Hawke ruota attorno ad un barocco e apparentemente infinito melting pot di alieni e dei loro mondi, il loro contatto con l'umanità, e l'abilità di Hawke e dei suoi amici di gestire con diplomazia le molteplici e relazioni che si generano fra questi esseri.

Ricorre infatti il pianeta capitale Galactopolis, una gigantesca metropoli planetaria che trae probabilmente ispirazione alla Trantor di Asimov, risultando assai più simile a Corruscant del ciclo di Star wars, "un crogiolo di mille razze dove si mescolano gli esseri più retti e nobili ai più assurdi e bassi", un'allusione piena al carattere cosmopolita della metropoli londinese.

Gli alieni, dalle forme più disparate, dotati di tecnologia avanzatissima, perfetti conoscitori della lingua inglese, si dividono in alcuni saggi ed assai critici verso i Terrestri mentre altri frivoli e con debolezze più che umane. Si citano degli scioperati multipedi dediti alle droghe per endovena fino a statuarie e succinte umanoidi alla caccia di consorti fedifraghi.

Con le entità extraterrestri si intrecciano misteri archeologici e creature soprannaturali, come il dio mitologico Pan e il diavolo evocati da un espertissimo medium per evitare uno sfratto globale perpetrato da agenti immobiliari alieni oppure l'antico Egitto quale contatto con culture di altri mondi fino ad immaginare un'abnorme creatura spettrale che vaga tra le stelle suscitando orrore nei mondi che essa incontra, spingendo gli abitanti al panico e la devastazione.

Le storie della fase matura del fumetto si erotizzano senza scadere nel volgare, ricorrendo nudi femminili di questo ed altri mondi che scene d'amore. Merita menzione la colonia spaziale gineceo di Lilith, ne Il Mistero di Shorty, per molti lettori il capolavoro della saga. Amazzoni crudeli come la capostipite biblica e schiavizzatrici di uomini.

L'epopea di Hawke pare aver termine nel 69º episodio, Erede legittimo quando di ritorno da una missione in un altro sistema stellare si imbatte in un buco nero. Salvato nuovamente da morte certa dagli Esseri Celesti si ritrova proiettato in un futuro apocalittico, nel tardo secolo ventunesimo, in una Terra colpita da nuova glaciazione, un'operazione dell'autore di resuscitare Hawke dalle ceneri del fallito personaggio di Lance McLane.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Jeff Hawke: ufficiale della R.A.F., scozzese, pilota dalla provata esperienza, dotato di una serafica e sottile ironia e di straordinarie conoscenze archeologiche e scientifiche. Ha un appartamento in un famoso vicolo di Kensington a Londra. Abitualmente con abbigliamento elegante sportivo, quando è in borghese o non è in missione spaziale. Jeff vede per l'ultima volta Mac e dei ricorrenti amici alieni prima di scomparire risucchiato dal buco nero.
  • Mac McLean: Detto Mac. Pilota canadese di origine scozzese. Alter ego di Jeff, più giovane e più pratico, lo aiuta in molte situazioni critiche. Mac compare dalla seconda storia, sull'invasione marziana, per accompagnarlo per venti anni, fino al famoso naufragio temporale.
  • Laura Gilton: È la fidanzata di Hawke. Appare nel secondo episodio come la figlia di un medico di campagna che risiede nei pressi dell'aeroporto dove Jeff presta servizio. Laura accompagna Jeff e Mac fino al dodicesimo episodio.
  • Kolvorok: Ufficiale della Polizia Intergalattica, intraprendente quanto avventato braccio destro di Sua Eccellenza. È un singolare personaggio comico, dal corpo a forma di limone, monocolo e provvisto di tentacoli. Lo tollera a malapena il suo superiore, un umanoide dall'aspetto di rettile e dal tono cattedratico, testimoniato nella nuvoletta da un lettering maiuscolo stile Times.
  • Chalcedon: Un umanoide gigante, un furbo, arrogante ed intelligente criminale interstellare. Perennemente fuggiasco e contumace, braccato in ogni settore galattico, ricorre ai terrestri come Jeff Hawke quale escamotage legale per evitare condanne capitali, inscenando ipocrite scuse: "Jeff ti prometto ... non lo farò più ... ". Patterson afferma di essersi ispirato a sé stesso attraverso un personaggio che dall'aspetto ricorda gli antichi ribelli di Scozia datisi al brigantaggio. Nell'ultimo episodio con McLean, Kolvorok narra dell'ultima fuga del bandito lanciandosi da un dirupo. Un personaggio simile, anche egli fuorilegge e dal nome vagamente scozzese, appare in "Il biscazziere".
  • Fortuna: Androide femminile dall'avvenenza molto fredda che appare nel periodo dopo il fatidico balzo temporale di Hawke. Di origine extraterrestre è dotata intelligenza straordinaria e di poteri telepatici con i quali blandire gli avversari, illudendoli di momenti intimi mai avvenuti. Eternamente giovane è stata amante dell'oramai anziano scienziato Otto per poi passare ad un più giovane Hawke.
  • Esseri Celesti: Creature incorporee luminiscenti che appaiono nel primo episodio offrendo a Hawke dapprima salvezza e poi slancio per le avventure spaziali. Tornano venti anni dopo salvando il protagonista buco nero a costo dell'esilio temporale.
  • Ultar: Abitante di Marte, di forma umana e viso angelico. Esemplare di una linea di alieni geneticamente modificati atti a popolare la Terra in seguito all'invasione marziana. Diversamente dai loro capostipiti orrendi e spietati, i marziani di Ultar sono pacifici ed aiutano i terrestri a sconfiggere i primi scongiurando la catastrofe. In alcuni successivi episodi Ultar ed altri marziani collaborano con Hawke e Mac.

Elenco episodi[modifica | modifica sorgente]

Cronologia delle strisce
n. Titolo Testi[3] Disegni[3] Strisce Data prima pubblicazione
1 Jeff Hawke Space Rider (id. id.) SJ SJ 1 - 138 1954-02-15 / 1954-07-26
2 L'invasione dei marziani (The Martian Invasion) SJ SJ 139 - 388 1954-07-27 / 1955-06-22
3 (The Search For Asteron) SJ SJ 389 - 502 1955-06-23 / 1955-11-01
4 La minaccia del passato (The Threat Of The Past) SJ SJ 503 - 642 1955-11-02 / 1956-04-16
5 L'energia contraria (Opposite Power) SJ SJ 643 - 702 1956-04-17 / 1956-06-25
6 Asilo (Sanctuary) WP/SJ SJ 703 - 809 1956-06-26 / 1956-10-27
7 L'isola inquieta (Unquiet Island) WP SJ 810 - 927 1956-10-29 / 1957-03-16
8 Il naufrago (The Castaway) SJ SJ 928 - 1098 1957-03-18 / 1957-10-03
9 Separati (Out Of Touch) HH SJ 1099 - 1253 1957-10-04 / 1958-04-05
10 Spacciatori di droga (The Dream Pedlars) SJ SJ 1254 - 1399 1958-04-07 / 1958-09-23
11 Antipodi (Poles Apart) WP/SJ SJ 1400 - 1544 1958-09-24 / 1959-03-13
12 Sacrificio (Sacrifice) SJ SJ 1545 - 1712 1959-03-14 / 1959-09-26
13 Tempo mentale (Time Out Of Mind) SJ SJ 1713 - 1824 1959-09-28 / 1960-02-09
14 Il dominatore (Overlord) WP SJ 1825 - 1939 1960-02-10 / 1960-06-20
15 Sopravvivenza (Survival) WP SJ 1940 - 2011 1960-06-21 / 1960-09-12
16 La lampada miracolosa (Wondrous Lamp) WP SJ 2012 - 2163 1960-09-13 / 1961-03-11
17 Avvocato difensore (Counsel For The Defense) WP SJ 2164 - 2285 1961-03-13 / 1961-08-02
18 Un esperto (Pastmaster) WP SJ 2286 - 2351 1961-08-03 / 1961-10-18
19 I giocattoli immortali (Immortal Toys) WP SJ 2352 - 2494 1961-10-19 / 1962-04-05
20 Gli ambasciatori (The Ambassadors) WP SJ 2495 - 2578 1962-04-06 / 1962-07-13
21 Il biscazziere (The Gamesman) WP SJ 2579 - 2639 1962-07-14 / 1962-09-23
22 Un esame (A Test Case) WP SJ 2640 - 2724 1962-09-24 - 1963-01-02
23 Via il pacco (Pass The Parcel) SJ SJ 2725 - 2816 1963-01-03 / 1963-04-20
24 Sostituzione (The Changeling) WP SJ 2817 - 2884 1963-04-21 / 1963-07-08
25 Rip Van Haddow (id. id.) WP SJ 2885 - 2950 1963-07-09 / 1963-09-24
26 Figliol prodigo (Prodigal Son) WP SJ 2951 - 3024 1963-09-25 / 1963-12-19
27 Nell'abisso (Uncanny Deep) WP SJ 3025 - 3082 1963-12-20 / 1964-01-27
28 Chi vince prende tutto (Winner Gain All) SJ SJ 3083 - 3152 1964-01-28 / 1964-05-21
29 Terra perduta (Faery Land Forlorn) WP SJ 3153 - 3238 1964-05-22 / 1964-08-29
30 Il fronte dell'interferenza (A Foreign Body) WP SJ 3239 - 3283 1964-08-31 / 1964-10-22
31 Naufragio lunare (Moonstruck) SJ SJ 3284 - 3327 1964-10-23 / 1964-12-11
32 La mano amica (The Helping Hand) WP SJ 3328 - 3395 1964-12-12 / 1965-03-03
33 L'uomo antigravità (Anti-gravity Man) WP SJ 3396 - 3504 1965-03-04 / 1965-07-09
34 Made In Birmingham (id. id.) WP SJ 3505 - 3566 1965-07-10 / 1965-09-20
35 La sonda petrolifera (The Oil Rig) WP SJ 3567 - 3623 1965-09-21 / 1965-11-25
36 Incognito (id. id.) WP SJ 3624 - 3644 1965-11-26 / 1965-12-20
37 La traversata atlantica (The Great Atlantic Crossing) WP SJ 3645 - 3735 1965-12-21 / 1966-04-08
38 Libertà (Getaway) WP SJ 3736 - 3753 1966-04-09 / 1966-04-29
39 Fantasma Errante (Ghost Errant) WP SJ 3754 - 3819 1966-04-30 / 1966-07-15
40 Consiglio legale (A Word Of Advice) WP SJ 3820-3846 1966-07-16 / 1966-08-16
41 Esseri intelligenti (The Intelligent Ones) WP SJ 3847 - 3896 1966-08-17 / 1966-10-13
42 Wildcat (id. id.) WP SJ 3897 - 3951 1966-10-14 / 1966-12-16
43 Via terra (Overlord) WP SJ 3952 - 4084 1966-12-17 / 1967-05-24
44 Il motore che andava ad erba (The Engine That Worked On Grass) WP SJ 4085 - 4173 1967-05-25 / 1967-09-05
45 Il buco nello spazio (The Hole In Space) WP SJ 4174 - 4261 1967-09-06 / 1967-12-16
46 The Venusian Club (id. id.) WP SJ 4262 - 4361 1967-12-18 / 1968-04-15
47 Catastrofe (Cataclysm) WP SJ 4362 - 4433 1968-04-16 / 1968-07-09
48 Poltergeist (The Poltergeist) WP SJ 4434 - 4517 1968-07-10 / 1968-11-22
49 Stella vagabonda (Rogue Star) WP SJ 4518 - 4595 1968-11-23 / 1969-02-24
50 La Luna esplode (The Day The Moon Nearly Exploded) WP SJ 4596 - 4643 1969-02-25 / 1969-04-21
51 L'astronave misteriosa (The Strange Ship) WP SJ 4644 - 4700 1969-04-22 / 1969-06-29
52 La figlia di Eros (Daughter Of Eros) SJ SJ/NF 4701 - 4839 1969-06-30 / 1969-12-08
53 S. O. S. (id. id.) SJ SJ/NF 4840 - 4916 1969-12-09 / 1970-03-10
54 Spedizione di soccorso (Rescue Party) SJ SJ/NF 4917 - 5008 1970-03-11 / 1970-07-01
55 Chacondar! (id. id.) SJ SJ/NF 5009 - 5074 1970-07-02 / 1970-09-16
56 Il libro dei mondi (The Book Of The Worlds) SJ SJ/NF 5075 - 5172 1970-09-17 / 1971-01-10
57 Il tempo è scombinato (Time Is Out Of Joint) SJ SJ/NF 5173 - 5254 1971-01-12 / 1971-04-20
58 Un giorno ti troverò (Someday I'll Find You) SJ SJ/NF 5255 - 5330 1971-04-21 / 1971-07-17
59 Le api di Daedalus (The Bees On Daedalus) SJ SJ/NF 5331 - 5400 1971-07-19 / 1971-10-07
60 Hic sunt tigres (Here Be Tygers) SJ SJ/NF 5401 - 5498 1971-10-08 / 1972-02-01
61 Selena (id. id.) SJ SJ/NF 5499 - 5625 1972-02-02 / 1972-06-29
62 Inquilino senza contratto (Sitting Tenants) SJ SJ/NF 5626 - 5778 1972-06-30 / 1973-01-01
63 Il mistero di Shorty (Shorty's Secret) SJ SJ/NF/MA 5779 - 5904 1973-01-02 / 1973-05-31
64 In fuga (On The Run) SJ SJ/NF 5905 - 6001 1973-06-01 / 1973-09-21
65 Il racconto della cometa (The Comet's Tale) SJ SJ/NF 6002 - 6118 1973-09-22 / 1974-02-09
66 Prima persona plurale (The First Person Plural) SJ SJ/NF 6119 - 6175 1974-02-11 / 1974-04-18
67 I venti di Marte (The Winds Of March) SJ SJ 6176 - 6257 1975-11-04 / 1976-??-??
68 Moratorro (id. id.) SJ SJ 6258 - 6413 1975-05-05 - 1975-11-01
69 Erede legittimo (Heir Apparent) SJ SJ/BB/PN 6414 - 6493
70 La donna che fu re (?) 6494 - 6590
71 Lo scioglighiaccio (The Ice burner) 6591 - 6655
72 Cerchio di gesso (Chalk circle) 6656 - 6697
73 Apprendista stregone(?) 6698 - 6782
74 Il canto dell'Auriga (?) 6783 - 6865
75 La piccola gente (?) 6866 - 6902
76 Lo spettro possibile (?) 6903 - 6953
77 Voodoo (id) 6954 - 6995
78 L'artigiano delle stelle (?) 6996 - 7103
79 Fratello di sangue (?) 7104 - 7153
80 I bei tempi andati (?) 7154 - 7289
81 S. Giorgio e il drago (?) 7290 - 7322
82 Messia (Messiah) 7323 - 7422
83 Una notte ricordata (?) 7423 - 7506
84 Sirene cosmiche (?) 7507 - 7607
85 Il posabasi (?) 7608 - 7696
85 Vendita per corrispondenza (?) 7697 - 7753
86 La rocca dei Templari (?) 7754 - 7837
87 Time out (id) 7838 - 7881
88 2182 A.D. (id) 7882 - 7955
89 A casa è il marinaio (?) 7956 - 8060
90 Storie congelate (?) 8061 - 8168
91 La fenice di Pasqua (?) 8169 - 8279
92 Tangaroa (id) 8280 - 8344
93 Il nido della fenice (?) 8345 - 8437
94 Parlo con gli alberi (?) 8438 - 8504
95 Predatori alieni (?) 8505 - 8575
96 Squalo dei cieli (?) 8576 - 8645
97 I sogni che verranno (?) 8646 - 8753
98 Il naufragio dell'esercito del faraone (?) 8754 - 8865

Successo[modifica | modifica sorgente]

Nonostante sia stato pubblicato su un quotidiano inglese, Jeff Hawke è praticamente sconosciuto ai lettori di lingua anglosassone. Il fumetto ottenne considerevole popolarità in Svezia, Spagna e in altri paesi europei. In Italia, fu pubblicato prima sul quotidiano Il Giorno e dai primi anni settanta dal mensile Linus ed in gruppi di strisce nel quotidiano romano Il Messaggero. Successivamente la Milano Libri, del gruppo Rizzoli Editore, ha provveduto di organizzare le storie in una lunga serie di volumi, indicandolo, nella presentazione di copertina, come "il primo fumetto avventuroso adulto".

Citazioni in altri media e fonti d'ispirazione[modifica | modifica sorgente]

  • Il modello dal quale gli autori trassero il personaggio è l'attore Hans Meyer, protagonista di telefilm televisivi tra cui il serial prodotto dalla BBC, Colditz[senza fonte].
  • Una terribile sequenza di un attentato a New York per mezzo di un dirottamento aereo, il cui esito è l'impatto sul Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite, appare nell'episodio La minaccia del passato (1956)
  • Nell'episodio Separati (1957), Hawke si imbatte in un'astronave prigione protetta da uno scudo di antimateria, popolata da esuli di un altro mondo, a loro volta rivoltatisi ad una razza esterna di invasori. Il nome del loro leader, simile all'ungherese Sandor, e la concomitanza storica non possono non alludere alla Rivolta d'Ungheria contro l'egemonia sovietica del 1956.
  • Nella striscia H1760 dell'episodio Tempo mentale, pubblicata il 21 novembre 1959, appare un cippo commemorativo su un primo sbarco lunare datato 4 agosto 1969: un errore di previsione di appena due settimane dal vero allunaggio del 21 luglio 1969. Jordan e Patterson, come riportato in un'intervista in coda all'episodio, si erano basati sull'avvio della corsa spaziale tra Stati Uniti ed Unione Sovietica. Gli autori tuttavia concludono con una previsione troppo ottimistica: un atterraggio su Marte nel 1980.
  • Da Il dominatore (1960) ricorrono due demoni a far da cornice alle storie, sostituiti dieci anni dopo dallo stesso autore Jordan.
  • Un mistero destinato a restar tale è l'identità di un uomo elegante quanto sinistro, probabilmente un usuraio, che appare sotto forma di spettro durante una spedizione marziana in Via il pacco (1963), un'apparizione convincente al punto da suscitare l'ira di Hawke il quale in seguito si chiude nella più totale reticenza.
  • In un episodio da Guerra Fredda, La traversata atlantica (1965), dove inglesi e sovietici si contendono una navicella aliena, fa la comparsa un bombardiere sovietico simile al Tu-22 Backfire allora in fase iniziale di studi.
  • Il movimentato episodio Il motore che andava ad erba (1967) inizia in un ufficio brevetti il cui direttore snobba "un telefono che può stare in una valigia di un uomo d'affari".
  • Lo stesso episodio termina con un incontro dell'inventore del motore ecologico con un austero azionista di maggioranza di un colosso petrolifero il quale somiglia anche nei modi a Bettino Craxi (apparso sulla scena politica italiana nel 1976). Lo sparuto ed idealista inventore firma l'accordo capestro con la stessa calligrafia dell'autore del fumetto, Jordan.
  • Alla fine degli anni ottanta Jordan realizza una nuova storia espressamente per la rivista italiana a fumetti Corto Maltese, Beffa del tempo, dove Hawke e Fortuna compiono una serie di balzi temporali fino a trovarsi in una città a lui familiare: Napoli.

Le storie di Jeff Hawke sembrano precorrere alcuni soggetti divenuti film di successo:

  • Secondo il quotidiano Il Giornale,[senza fonte] il soggetto per il film di Steven Spielberg E.T. sarebbe stato ricavato dall'episodio del 1957 Il Naufrago, dove vi è un incontro tra un bambino ed un alieno rifugiatosi nelle foreste canadesi.
  • Nell'episodio I venti di marte (1975) Hawke scopre sul pianeta rosso testimonianze di un'Umanità discendente da una razza marziana poi migrata sulla Terra, soggetto del film di Brian De Palma Mission to Mars (2000)
  • San Giorgio ed il drago vede un dinosauro proprietà di un circo. Il direttore si riserva di rivelarne l'origine ma da alcune sequenze si intuisce come esso sia un clone sviluppato in laboratorio come i bestioni di Jurassic Park (1992).
  • Artigiano delle stelle narra di un'arma terrestre che trasforma il pianeta Giove in una stella, onde salvare il nostro pianeta dalla glaciazione e al contempo da un'invasione aliena, un tema ripreso all'inizio degli anni 'Ottanta da Arthur C. Clarke per il suo romanzo 2010.
  • Probabile citazione del coevo film Odissea nello spazio nell'intermezzo che segue Catastrofe (1968), dove il duo demoniaco cavalca il celebre Monolito in orbita attorno a Giove.
  • Nel numero 275 del fumetto fantasy Dylan Dog, Il Tredicesimo Uomo, viene citato l'episodio Gli Ambasciatori, su un fallito incontro diplomatico con una coppia di alieni simili a gufi, e indicato come un fatto autentico. L'episodio del celebre detective vede un intervento dei volatili intelligenti in aiuto ai protagonisti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jeff Hawke, I giocattoli immortali, striscia n. 2480
  2. ^ Gianfranco Goria, Chi è Jeff Hawke, in S. Jordan, W. Patterson, I Classici del Fumetto di Repubblica: Jeff Hawke, Gruppo Editoriale l'Espresso S.p.A. - Divisione la Repubblica, Roma 2003, pag. 5
  3. ^ a b SJ=Sidney Jordan; WP=William Patterson; NF=Nick Faure; HH=Harry Harrison; BB=Brian Bolland; PN=Paul Neary; MA=Martin Asbury

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]