Pedro Fernandes de Queirós

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedro Fernández de Quirós

Pedro Fernandes de Queirós (Évora, 1565Panamá, 1615) è stato un navigatore ed esploratore portoghese.

Spesso conosciuto con un nome spagnolo, Pedro Fernández de Quirós, egli nacque ad Évora. Da giovane entrò nella marina Spagnola e ben presto divenne un esperto marinaio e navigatore. Nel 1595 fece servizio come pilota con Álvaro de Mendaña de Neira nelle sue esplorazioni del Pacifico sud-ovest.

Fu un devoto cattolico, e durante una visita a Roma nel 1600, egli ottenne il sostegno del Papa Clemente VIII per ulteriori esplorazioni. Si recò in Perù nel 1603 con l’intenzione di scoprire la Terra Australis, la mitica “grande terra del sud”, e quindi di consegnarla al governo della Spagna e della Chiesa. La spedizione di Quirós fu composta da tre navi, San Pedro y Paulo, San Pedro and Los Tres Reyes che salparono da Callao il 21 dicembre 1605, con 300 persone a bordo, tra equipaggio e soldati.

Nel maggio del 1606, dopo aver visto le isole del Buen Viaje (Butaritari e Makin), la spedizione raggiunse le isole che più tardi furono battezzate le Nuove Ebridi e ora conosciute come lo stato indipendente del Vanuatu. Quirós sbarcò su di una vasta isola che ritenne facesse parte del continente meridionale, e la chiamò “La Austrialia del Espiritu Santo”. L’isola è tuttora chiamata Espiritu Santo. Qui fondò una colonia a cui diede il nome di “Nova Jerusalem”.

Il fervore religioso di Quirós trovò espressione con la fondazione di un nuovo ordine cavalleresco, I cavalieri dello Spirito Santo. La colonia tuttavia fu presto abbandonata per la comprensibile ostilità della popolazione locale dei Ni-Vanuatu e per il disaccordo registrato tra l’equipaggio.

Dopo alcune settimane Quirós riprese il mare. Ben presto si separò con le altre navi per le cattive condizioni climatiche e non fu capace di ritornare a riva (o almeno così disse nei suoi diari di bordo). In seguito sbarcò ad Acapulco, Messico, nel Novembre del 1606. Il suo secondo in comando, Luis Vaez de Torres, dopo aver cercato invano di ritrovare la nave di Quirós, lasciò Espiritu Santo e raggiunse successivamente Manila.

Quirós ritornò a Madrid nel 1607. Ritenuto un personaggio abbastanza strambo, trascorse i successivi sette anni in povertà, scrivendo numerosi resoconti dei suoi viaggi e implorando Re Filippo III per il finanziamento di un nuovo viaggio.[1] Fu quindi ricondotto in Perù con lettere di supporto, ma in definitiva il Re non ebbe concrete intenzioni di finanziare un’altra spedizione. Quirós morì a Panamá nel 1615.

Il nome di Pedro Fernández de Quirós è oggi principalmente ricordato in Australia. Molti scrittori accreditano a Quirós la paternità della parola "Australia" ritenendo che battezzò le sue isole "Australia del Espiritu Santo", dove in realtà le chiamò “Austrialia del Espiritu Santo” (Il nome "Australia" fu coniato erroneamente dal suo traduttore nel 1625 e più tardi fortemente usato ed appoggiato dal cartografo Matthew Flinders.) Alcuni studiosi invece accreditano la parola "Austrialia" come ringraziamento al casato Austriaco di cui faceva parte il Re Filippo III, e per nulla riferibile alla scoperta del continente meridionale australe. Controllo di autorità VIAF: 99507658 LCCN: n50051770

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie

References[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Relatione d'vn memoriale che ha presentato a sva maesta il Capitano Pietro Ferdinando de Quir, sopra la Pepolanza scoperta nella quarta parte del mondo ... , In Milano: Per Padolfo Malatesta..., [1611?].