Nazarín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nazarin
Nazarín.jpg
Titolo originale Nazarin
Lingua originale spagnolo
Paese di produzione Messico
Anno 1958
Durata 97 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Luis Buñuel
Soggetto Benito Perez Galdos (racconto)
Sceneggiatura Julio Alejandro, Luis Buñuel, Emilio Carballido
Produttore Manuel Barbachano Ponce
Produttore esecutivo Federico Amérigo
Fotografia Gabriel Figueroa
Montaggio Carlos Savage
Musiche Carlos Savage
Scenografia Edward Fitzgerald
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Nazarin è un film del 1958 diretto da Luis Buñuel, presentato in concorso al Festival di Cannes 1959, dove vinse il Prix international.[1]

Il film è basato su un racconto realista di Benito Pérez Galdós del 1895 e ambientato in Messico nei primi del Novecento, durante la dittatura di Porfirio Díaz. Nazarin è un giovane sacerdote di origine spagnola che vive deliberatamente in estrema povertà, mettendo in pratica i principi evangelici che, invece di portare alla salvezza, non sembrano aver alcun risultato positivo.

La vicenda di Nazarin ha chiari riferimenti sia alla passione di Cristo che al Don Chisciotte e sottolinea con feroce ironia l'inapplicabilità dei principi cristiani in una realtà sociale degradata e brutale e il dominio del caso sulla volontà umana - ad esempio quando Beatriz tenta il suicidio senza riuscirci. I personaggi del prete e del colonnello esplicitano la polemica anti-borghese che pervade il film parallelamente a quella anti-confessionale.

Le sequenze finali sono accompagnate dal suono dei tamburi di Calanda, paese natale del regista. Il film presenta svariate profondità di campo, tecnica che stava ritornando in voga in quegli anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 1959, festival-cannes.fr. URL consultato il 10 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema