NGC 6087

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 6087
Ammasso aperto
NGC 6087
NGC 6087
Scoperta
Scopritore James Dunlop
Anno 1826
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Regolo
Ascensione retta 16h 18m 50s [1]
Declinazione -57° 56′ 06″[1]
Distanza 2900[2] a.l.
(891[2] pc)
Magnitudine apparente (V) 5,4[1]
Dimensione apparente (V) 12'
Caratteristiche fisiche
Tipo Ammasso aperto
Classe II 2 m
Età stimata 94 milioni di anni[2]
Altre designazioni
C 89; Mel 141; Cr 300; OCl 948[1]
Categoria di ammassi aperti

NGC 6087 (noto anche come C 89) è un brillante ammasso aperto visibile nella costellazione del Regolo.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Mappa per individuare NGC 6087.

È individuabile con facilità, circa 4 gradi a ovest della stella η Arae, ed è al limite della visibilità ad occhio nudo. La sua caratteristica più notevole è la presenza di alcune stelle di magnitudine 6 e 7, la più luminosa delle quali, la S Normae, è una variabile del tipo Delta Cephei, che domina l'ammasso; l'ammasso non è particolarmente ricco ed è composto da circa 35 stelle risolvibili con facilità anche con un potente binocolo. In un telescopio di piccole dimensioni è già completamente risolto anche a ingrandimenti piuttosto bassi, nonostante le sue dimensioni relativamente poco estese.

A causa della sua declinazione fortemente meridionale, quest'ammasso può essere osservato soprattutto da osservatori situati nell'emisfero australe della Terra; la sua osservazione dall'emisfero nord è possibile solo in vicinanza delle latitudini tropicali.[3] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra maggio e ottobre.

Storia delle osservazioni[modifica | modifica sorgente]

NGC 6087 è stato scoperto da James Dunlop nel 1826 nel periodo del suo soggiorno in Australia; egli scoprì e catalogò un gran numero di ammassi situati in queste regioni di cielo australe. In seguito venne riosservato da John Herschel, che lo descrisse come un oggetto esteso e disperso di forma irregolare, dominato da una stella di magnitudine 7.[4][5]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

NGC 6087 è un ammasso relativamente povero e poco concentrato, la cui distanza è stata stimata attorno agli 890 parsec (2900 anni luce),[2] corrispondenti al bordo più esterno del Braccio del Sagittario. La caratteristica più nota e studiata di quest'ammasso è la sua stella dominante, la variabile cefeide S Normae; essa ha una magnitudine media attorno a 6,52 e pulsa fra le magnitudini 6,12 e 6,77 con un periodo di 9,75 giorni. La sua reale appartenenza all'ammasso è stata accertata con chiarezza in numerosi studi fotometrici.[6] L'età complessiva dell'ammasso è stata stimata attorno ai 94 milioni di anni.[2]

Nel 1989 fra le sue stelle del bordo sudorientale è stata scoperta una piccola nebulosa planetaria, in seguito catalogata come KoRe 1, in base alle iniziali dei cognomi degli scopritori; i suoi gas si presentano in uno stato molto eccitato a causa dell'elevatissima temperatura superficiale della sua stella centrale, che arriverebbe a 300.000 K. Tuttavia la sua debole luminosità e le sue ridotte dimensioni (14") suggeriscono che la nebulosa non sia legata fisicamente all'ammasso ma si trovi molto più lontana, apparendo fra le sue stelle per un effetto prospettico.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database in Results for NGC 6087. URL consultato il 14 giugno 2013.
  2. ^ a b c d e WEBDA page for open cluster NGC 6087. URL consultato il 14 giugno 2013.
  3. ^ Una declinazione di 58°S equivale ad una distanza angolare dal polo sud celeste di 32°; il che equivale a dire che a sud del 32°S l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a nord del 32°N l'oggetto non sorge mai.
  4. ^ Catalogo NGC/IC online - result for NGC 6087. URL consultato il 15 giugno 2013.
  5. ^ Stephen James O'Meara, Deep Sky Companions: The Caldwell Objects, Cambridge University Press, 2003, ISBN 0-521-55332-6.
  6. ^ Turner, D. G., Galactic clusters with associated Cepheid variables. I - NGC 6087 and S Normae in Astronomical Journal, vol. 92, luglio 1986, pp. 111-118, DOI:10.1086/114141. URL consultato il 15 giugno 2013.
  7. ^ Majaess, Daniel J.; Turner, David G.; Lane, David J., In Search of Possible Associations between Planetary Nebulae and Open Clusters in Publications of the Astronomical Society of the Pacific, vol. 119, nº 862, dicembre 2007, pp. 1349-1360, DOI:10.1086/524414. URL consultato il 15 giugno 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 6085  •  NGC 6086  •  NGC 6087  •  NGC 6088  •  NGC 6089   
oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari