Mustafa Akkad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Mustafa Akkad (in arabo: مصطفى العقاد , noto anche come Moustapha Akkad); Aleppo, 1 luglio 1930Amman, 11 novembre 2005) è stato un produttore cinematografico e regista siriano naturalizzato statunitense, noto per aver prodotto la serie di Halloween ed aver diretto Maometto, messaggero di Dio e Il leone del deserto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni cinquanta suo padre, un carpentiere, gli diede 200 dollari ed una copia del Corano prima che lasciasse la sua patria per partire alla volta degli Stati Uniti per studiare regia e produzione all'Università della California di Los Angeles. A UCLA Akkad incontrò il leggendario regista Sam Peckinpah, che divenne il suo mentore cinematografico. Peckinpah lo prese come consigliere per un film sulla guerra d'Algeria, che però non fu mai realizzato e lo continuò ad incoraggiare fino a quando questi non trovò un nuovo lavoro alla CBS.

Nel 1976 produsse e diresse Maometto, messaggero di Dio, con Anthony Quinn e Irene Papas. Akkad affrontò l'opposizione che Hollywood mostrava nei confronti di un film sulle origini dell'Islam, ma dovette andare fuori dagli Stati Uniti per trovare produttori. Mentre lavorava su Maometto, consultò membri del clero Islamico e provò a essere rispettoso verso l'Islam e i suoi punti di vista mentre creava la figura del profeta Maometto. Vide il film come un ponte che colmasse il balzo tra mondo occidentale ed islamico, come attesta un'intervista risalente al '76:

« Ho fatto questo film per un fattore prettamente personale. Dal punto di vista economico è pur sempre un film, ha la sua storia, il suo intreccio, il suo dramma. Ma a parte questo penso ci sia qualcosa di personale, essendo io stesso un musulmano che ha fatto carriera in occidente, ho sentito che era un mio obbligo, un mio dovere narrare la verità sull'Islam. È una delle religioni più seguite, ma si sa così poco al riguardo che mi sono sorpreso. Ho pensato che dovessi narrare la storia, che colmerà questo vuoto tra oriente ed occidente. »

Nonostante tutto, alcuni cinema ricevettero chiamate minatorie da persone che pensavano che il film offendesse l'Islam perché ritraeva il profeta in maniera terrena; anche se mai durante la pellicola possiamo vedere Maometto. Nel 1978, aiutò a creare un film a basso costo che è divenuto storia: produsse infatti Halloween, la notte delle streghe. Akkad divenne ben noto per il suo ruolo da produttore di tutta la saga di Halloween, mantenne infatti i diritti che crearono i sette sequel e fu l'unico membro della produzione a non aver mai lasciato la serie, fino alla sua morte. L'ultimo capitolo della saga, Halloween - The Beginning diretto nel 2007 da Rob Zombie, fu prodotto da suo figlio Malek.

Nel 1980, diresse il suo secondo grande progetto, Il leone del deserto, nel quale Anthony Quinn e Irene Papas furono affiancati da Oliver Reed, Rod Steiger e John Gielgud. Il film raccontava del capo beduino realmente esistito Omar Mukhtar che combatté le truppe italiane di Mussolini nel deserto della Libia. Il film ricevette inizialmente pubblicità negative in Occidente anche perché parzialmente finanziato da Gheddafi, che investì 35 milioni di dollari nella realizzazione della pellicola a fini propagandistici. In Italia il film non è mai stato proiettato ufficialmente a causa della censura imposta dalle autorità politiche, preoccupate della cattiva luce sotto cui vengono poste le Forze Armate italiane.

Nel Regno Unito, Akkad provò una volta a comprare i Pinewood Studios dalla Rank Organisation, ed ebbe anche uno studio a Twickenham (Regno Unito). Stava per produrre un film da 80 milioni di dollari con Sean Connery su Saladino e le crociate (per il quale aveva già una sceneggiatura pronta) che sarebbe stato girato in Giordania. Riguardo al film, disse:

« ...Saladino ritrae perfettamente l'Islam. Proprio ora, l'Islam è ritratto come una religione terrorista. Siccome un po' di terroristi sono Musulmani, l'intera religione ha questa icona. Se mai ci fu una guerra di religione piena di terrore, si chiamò "crociata". Ma non puoi certo accusare il Cristianesimo, perché pochi avventurieri lo hanno fatto. Ho concluso. »

Akkad, e la figlia trentaquattrenne Rima Akkad Monla, sono deceduti in un attentato suicida di al-Qāʿida ad Amman del 2005. Erano entrambi nella piazza dell'hotel Grand Hyatt. Sua figlia si è spenta sul colpo mentre Akkad è morto di complicazioni due giorni dopo in ospedale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 87138461 LCCN: no00013556