Metropolitana di Budapest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metropolitana di Budapest
BKV metro.svg
Inaugurazione 1896
Gestore Budapesti Közlekedési Vállalat
Lunghezza 38,3 km
Numero linee 4
Numero stazioni 52
Passeggeri
al giorno
all'anno

829.000
302.500.000
Mappa del tracciato
Stazione di piazza Szent Gellért (Linea M4)

La Metropolitana di Budapest (in ungherese: Budapesti metró) è il sistema di trasporto sotterraneo della capitale dell'Ungheria, Budapest. Comprende quattro linee, ognuna riconoscibile dal numero e dal colore. La linea M4 è stata inaugurata il 28 marzo 2014. Quella di Budapest è la metropolitana più antica dell'Europa continentale, con la famosa linea M1 (risalente al 1896 e chiamata "Földalatti", non "metropolitana") che è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità nel 2002.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prima linea venne ufficialmente approvata dall'Assemblea Nazionale nel 1870. I lavori di costruzione, assegnati alla società Siemens & Halske AG e durati dal 1894 al 1896, furono costituiti da scavi in superficie con la tecnica cut and cover grazie all'impiego di 2.000 persone. La linea è stata inaugurata alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe il 2 maggio 1896, anno in cui si celebrava il millesimo anniversario dell'insediamento delle tribù ungare sul suolo dell'attuale Ungheria. I treni percorrevano il viale Andrássy út nel tratto compreso tra la piazza Vörösmarty (in centro) e il parco cittadino Városliget, in direzione nord-est↔sud-ovest. Inizialmente la lunghezza del tracciato era di 3,7 km, fintanto che nel 1973 non ci fu l'apertura ufficiale di un nuovo tratto esteso fino all'odierno capolinea di Mexikói út.

I primi progetti per le altre due linee attuali furono presentati nel 1942, e il decreto del Consiglio dei ministri ne autorizzò la costruzione nel 1950. Era stato previsto che la linea M2 collegasse le due principali stazioni ferroviarie, Keleti (Orientale) e Déli (Meridionale) pályaudvar. L'inaugurazione era prevista per il 1955, ma la costruzione subì interruzioni a causa di ragioni politiche e finanziarie dal 1954 al 1963. Le sette stazioni furono infine aperte il 4 aprile (una festività comunista) nel 1970. Oggi la linea M2 corre su una traiettoria est↔ovest, ed è l'unica linea ad attraversare il Danubio e a raggiungere Buda (la parte occidentale di Budapest). Esiste una stazione di interscambio con la linea M1 (Deák Ferenc tér), che è in seguito divenuta punto di interscambio anche con la linea M3.

Linea M1 su viale Andrássy
Stazione di Kőbánya-Kispest, capolinea della linea M3
Stazione di piazza Kossuth (Linea M2)
Stazione di piazza Batthyány (Linea M2)
Stazione del ponte Árpád, già capolinea della linea M3

La linea M1 fu, come detto, sottoposta a un forte rinnovamento dal 1970 al 1973, che incluse la sostituzione del vecchio materiale rotabile. Quando la linea fu riaperta, fu anche invertito il senso di marcia dei treni, che fino ad allora tenevano la sinistra, in modo da portarla ad essere come le altre linee. Nel 1973 entrambe le linee furono prolungate (la prima di una stazione, la seconda di quattro), così la linea M1 raggiunse l'estensione attuale di 4,2 km, e la seconda di 10,3 km. L'Azienda dei Trasporti eseguì l'ammodernamento del 1973, e ancora oggi gestisce la rete. La segnalazione a colori negli schemi delle linee fu introdotta nel 1976, quando fu aperta la prima sezione della linea M3. La prima linea diventò la linea gialla, alla seconda fu assegnato il rosso e alla terza il blu. Il colore verde è utilizzato per segnare le ferrovie suburbane di Budapest, gestite da HÉV.

Il primo progetto per la linea M3 fu effettuato nel 1963, e la costruzione ebbe inizio nel 1970. La prima sezione fu aperta nel 1976, quando consisteva di sei stazioni. La parte meridionale fu allungata con altre cinque stazioni nel 1980, mentre alla parte nord fu allungata 1981, nel 1984 nel 1990 per un totale di 9 stazioni: la linea raggiunse lo stato attuale di 20 fermate che si estendono per 16,4 km, il che ne fa la linea più lunga di Budapest. La linea M3 corre in direzione nord↔sud (più precisamente NNE↔SE).

Negli anni ottanta e novanta la linea M1 subì diversi processi di ricostruzione. Sul totale di 11 stazioni, 8 sono originali, mentre tre sono state ricostruite. Le fermate risalgono al tempo del millenario, tra cui il pavimento, le panchine, le finestre in legno e l'illuminazione. C'è un Museo della Metropolitana del Millenario nel sottopasso di piazza Deák Ferenc tér, dove si possono visionare reperti dell'epoca.

La linea M4, inaugurata il 28 marzo 2014 ha una storia lunga che risale al 1972. Nei passati decenni, nacquero molte difficoltà a causa delle terme che sorgevano sulla traiettoria progettata (come i bagni termali Gellért). Ci fu un lungo dibattito sul problema della sicurezza della costruzione, oltre che sulla percentuale delle spese da addebitare al governo e quale alla capitale e se avrebbero dovuto essere pagate con i proventi dai debiti russi verso l'Ungheria; venne anche discusso se l'itinerario fosse veramente necessario alla città.

Sviluppi recenti e futuri[modifica | modifica sorgente]

Ristrutturazione della linea M2[modifica | modifica sorgente]

La ristrutturazione delle stazioni della linea M2 è stata completata nel 2008. Sono stati installati nuovi ascensori e acquistate nuove carrozze con aria condizionata.

Recentemente, l'Associazione del Trasporto Urbano e Suburbano (Városi és Elővárosi Közlekedési Egyesület) ha presentano un piano per collegare direttamente la linea M2 con l'HÉV a partire da Gödöllő. L'amministrazione cittadina non è però totalmente d'accordo col progetto, che potrebbe tuttavia essere implementato dopo il 2015.[senza fonte]

Linea M4[modifica | modifica sorgente]

La linea M4 collega la parte sud-occidentale della città a (Buda) con la parte nord-orientale a (Pest). La prima tratta, tra la Stazione ferroviaria Kelenföldi fino alla Stazione orientale, per una lunghezza di 7,5 km, è stata completata nel 2014, e comprende un totale di 10 stazioni. La seconda sezione (con 4 stazioni), tra la stazione orientale e piazza Bosnyák, per una lunghezza di 3 km, sarà invece completata nel 2017. Dal 2002 al 2004 sono stati effettuati preparativi per la linea M4 in via Béla Bartók e in via Fehérvári, insieme al totale rinnovamento delle piazze.

Nel 2005 ha avuto inizio la costruzione a piazza Baross; è stata costruita una nuova uscita, collegante la stazione esistente della linea M2 con la superficie nell'area di un parcheggio. Oltre agli attuali passeggeri trasportati dalla linea M2, è previsto che altre 600.000 persone utilizzeranno la linea M4.

  • 27 marzo 2006 - Gettata la "prima pietra" per la costruzione della linea[2].
  • 15 maggio 2006 - Iniziata la costruzione della stazione Szent Gellért tér.
  • 17 luglio 2006 - Iniziata la costruzione della stazione Bocskai út.
  • 21 marzo 2007 -Iniziata la costruzione della stazione Népszínház utca.
  • 3 aprile 2007 - Iniziata la costruzione dei tunnel.
  • 5 aprile 2007 - Iniziata la costruzione della stazione Kálvin tér.
  • 28 marzo 2014 - La prima tratta è stata inaugurata.
  • [2] (Microsoft Excel)

Linea M5[modifica | modifica sorgente]

La linea M5 è ancora in fase di progettazione preliminare; molto probabilmente correrà lungo il Danubio (attraversandolo in corrispondenza dell'Isola Margherita), collegando le ferrovie suburbane che vanno verso nord con quelle dirette a sud. Non è ancora stata definita la data di inizio dei lavori.

Progetti di prolungamento della linea M3[modifica | modifica sorgente]

Ci sono progetti di prolungamento della linea M3 verso nord (Káposztásmegyer) e sud-est (Aeroporto Ferihegy). Tale ipotesi di prolungamento verso l'aeroporto è diventata meno prioritaria dopo l'attuazione di altri piani, che hanno realizzato un collegamento ferroviario tra il terminal 1 dell'aeroporto e la stazione ferroviaria ovest. Nel 2014 diversi organi di stampa hanno segnalato le carenze nella sicurezza della linea M3.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Informazioni generali[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, l'unico punto di interscambio tra le linee è Deák Ferenc tér, ma con la costruzione delle nuove linee e delle estensioni di quelle esistenti vi saranno altri punti di intersezione: la M4 incrocerà le linee M2 e M3 in stazioni diverse.

I biglietti devono essere convalidati all'ingresso presso le macchinette arancioni, prima di poter accedere alla zona interna e devono essere conservati fino all'uscita dalla stazione. Al momento della convalida, viene stampata la data e l'orario, insieme al nome della stazione. I biglietti sono controllati occasionalmente dai controllori, che generalmente si posizionano alla fine delle scale, ma che possono controllare la validità del biglietto in ogni punto della stazione.

Quasi tutte le stazioni sono accessibili ai portatori di handicap.

Biglietti e abbonamenti[modifica | modifica sorgente]

È disponibile il biglietto singolo (che a dicembre 2011 costa 320 fiorini), utilizzabile anche sugli altri mezzi pubblici della città, ma vi sono anche ulteriori biglietti specifici per la metropolitana: esiste un biglietto a sezione, valido per tratte non superiori a tre stazioni, un biglietto di trasbordo, valido per un viaggio con un solo interscambio tra linee e un biglietto a sezione con trasbordo, valido per 5 stazioni incluso un trasbordo. Esistono anche vari tipi di abbonamento, dal giornaliero all'annuale.

Frequenze[modifica | modifica sorgente]

I treni della metropolitana di Budapest effettuano il servizio dalle 4:30 del mattino e l'ultimo treno del giorno parte alle 23:10 dal capolinea. Le ore di punta sono considerate dalle 6 alle 8 del mattino e dalle 14 alle 17 nei giorni lavorativi, e in queste fasce i treni passano ogni 30 secondi. Le prime e le ultime corse si intervallano invece ogni 5 - 10 minuti; la vigilia di Natale (il 24 dicembre) i treni effettuano il servizio di solito fino alle 15[senza fonte] e possono verificarsi altre interruzioni in occasione di altre festività; a capodanno, il servizio può essere esteso.

Caratteristiche e curiosità[modifica | modifica sorgente]

Treno Ganz-Hunslet G2, fabbricato in Ungheria (non in circolazione)
  • Sin dall'inizio degli anni 2000, i cellulari funzionano su tutta la rete sotterranea.
  • Sulle linee 2 e 3 circolano ancora i vecchi convogli sovietici (come nella metropolitana di Mosca e in alcuni treni delle reti di Praga, Sofia e Varsavia). I treni sono manovrati da due persone, eccetto nella linea M3, che può contare su un programma che controlla la velocità e l'arresto dei treni, riducendo l'attività del manovratore alla semplice apertura e chiusura delle porte. Questo sistema verrà anche applicato alla linea M2, mentre la linea M4 sarà totalmente automatica, funzionante senza l'ausilio dell'uomo a bordo.
  • La maggior parte delle stazioni sono sotterranee e possono essere raggiunte con scale o scale mobili (normalmente 3 o 4 per stazione). La linea M1, invece, ha una sola scala per stazione.
  • La stazione più profonda è Moszkva tér.
  • In caso di necessità, la metropolitana di Budapest può essere utilizzata come rifugio per 220.000 persone, che possono avvalersi di aria condizionata, acqua potabile (3 litri a persona) e acqua corrente (27 litri per persona al giorno).
Targa su un treno sovietico a Budapest

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'intera estensione della rete è di 38,4 km, che comprendono 50 stazioni (di cui tre di interscambio). Nel 2011, 302,5 milioni di persone hanno viaggiato sulla rete, per un ammontare di 830.000 passeggeri al giorno.[3]

Simulazione per PC[modifica | modifica sorgente]

Esiste una simulazione riguardo alla metropolitana di Budapest basata sul programma giapponese Boso View Express. È scaricabile da questo sito. Il software necessario per il suo funzionamento è scaricabile da questo sito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fodor's Europe, 1979, p. 524
  2. ^ [1]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]