Manfred Moelgg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manfred Moelgg
Manfred Moelgg Schladming 2008.jpg
Manfred Moelgg a Schladming nel 2008
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 78 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale, supercombinata
Squadra Fiamme Gialle
Palmarès
Mondiali 0 1 2
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al marzo 2014

Manfred Moelgg (Brunico, 3 giugno 1982) è uno sciatore alpino italiano specialista delle gare tecniche, vincitore di tre medaglie iridate e di una Coppa del Mondo di slalom speciale.

È fratello di Manuela, anche lei sciatrice alpina di alto livello[1]; a volte il loro cognome è scritto nella variante Mölgg[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Originario di San Vigilio di Marebbe[1][3], gareggia per il gruppo sciatori Fiamme gialle.

Stagioni 1998-2004[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a prendere parte a gare FIS nel dicembre del 1997 e tre stagioni dopo esordì in Coppa Europa (il 12 dicembre 2000 ad Alleghe in slalom gigante) e ai Mondiali juniores (a Verbier 2001, senza conseguire risultati di rilievo). Partecipò anche alla rassegna iridata giovanile di Tarvisio 2002, ancora senza mettersi in luce.

Nel 2003 debuttò in Coppa del Mondo, il 12 gennaio nello slalom speciale di Bormio, mentre in Coppa Europa ottenne i primi podi (a partire dal 2º posto nello slalom gigante di Saas Fee del 16 gennaio) e la prima vittoria (l'11 febbraio a Oberjoch in slalom speciale). Conquistò il primo podio in Coppa del Mondo il 27 gennaio 2004 nello slalom speciale di Schladming, classificandosi al secondo posto; nella stessa stagione ottenne il terzo posto nella classifica finale di Coppa Europa.

Stagioni 2005-2007[modifica | modifica wikitesto]

Esordì ai Campionati mondiali a Bormio 2005, classificandosi 13º nello slalom gigante e non concludendo lo slalom speciale, e ai Giochi olimpici invernali a Torino 2006, non riuscendo però a terminare le prove di slalom gigante e di slalom speciale cui aveva preso parte.

In Coppa del Mondo, dopo il podio ottenuto nella stagione 2003-2004, visse un periodo di flessione, per poi tornare ai massimi livelli nel 2006-2007, giungendo per tre volte terzo (sempre in slalom speciale). Nella stessa stagione, in occasione dei Mondiali di Åre (Svezia), conquistò la medaglia d'argento nello slalom speciale, recuperando quattro posizioni dalla prima alla seconda manche[4], mentre nello slalom gigante fu 19º.

Stagioni 2008-2010[modifica | modifica wikitesto]

In Coppa del Mondo ottenne i migliori risultati in carriera nella stagione 2007-2008, durante la quale salì sul podio sei volte (quattro in slalom speciale e due in slalom gigante) prima di conquistare la prima vittoria, il 9 marzo nello slalom di Kranjska Gora (Slovenia). Grazie alla continuità mostrata durante tutta la stagione Moelgg si classificò terzo nella Coppa del Mondo di slalom gigante e il 15 marzo conquistò, superando all'ultima gara il francese Jean-Baptiste Grange, quella di slalom speciale, sesto italiano a conquistare una Coppa di specialità maschile dopo Gustav Thöni, Piero Gros, Alberto Tomba, Peter Runggaldier e Giorgio Rocca. Ottenne inoltre il quarto posto assoluto nella classifica generale, a otto anni dall'ultimo piazzamento di un italiano nei primi cinque (Kristian Ghedina quarto nel 2000).

Ai Mondiali di Val-d'Isère 2009 si classificò 12º nello slalom gigante e non concluse lo slalom speciale, mentre ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010 fu 22° nello slalom gigante, 7° nello slalom speciale e non concluse la supercombinata.

Stagioni 2011-2015[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 febbraio 2011 ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen nello slalom speciale è arrivato terzo conquistando la medaglia di bronzo, mentre nello slalom gigante è stato 17°. Due anni dopo, nella successiva rassegna iridata di Schladming 2013, ha incrementato il suo palmarès con un'altra medaglia dello stesso metallo, ma in quell'occasione vinta in gigante; non ha concluso la prova di slalom speciale.

Ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 non ha portato a termine entrambe le prove disputate: lo slalom gigante e lo slalom speciale. Nell'agosto 2014, durante la preparazione per la stagione 2014-2015, ha subito un grave infortunio alla gamba (lesione al tendine di Achille) che l'ha costretto a un intervento chirurgico e a un lungo periodo di inattività[5].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

È testimonial delle associazioni benefiche SOS Villaggi dei Bambini e Lebenshilfe[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
9 marzo 2008 Kranjska Gora Slovenia Slovenia SL
1º febbraio 2009 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 3º nel 2004
  • 13 podi:
    • 3 vittorie (2 in gigante, 1 in slalom)
    • 6 secondi posti (3 in gigante, 3 in slalom)
    • 4 terzi posti (2 in gigante, 2 in slalom)
Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Località Paese Specialità
11 febbraio 2003 Oberjoch Germania Germania SL
21 febbraio 2004 Hermagor Austria Austria GS
9 marzo 2004 Sierra Nevada Spagna Spagna GS

Legenda:
GS = slalom gigante
SL = slalom speciale

Nor-Am Cup[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 85º nel 2006
  • 1 podio:
    • 1 secondo posto

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda FISI. URL consultato il 19 ottobre 2014.
  2. ^ Scheda sports-reference.com. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  3. ^ "Profiles. Manfred" sul sito personale. URL consultato il 2 agosto 2010.
  4. ^ Referto della gara. URL consultato il 2 agosto 2010.
  5. ^ Sci, infortunio per Manfred Moelgg: intervento e stagione finita in La Gazzetta dello Sport, 20 agosto 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  6. ^ "Sponsors. Manfred" sul sito personale. URL consultato il 2 agosto 2010.
  7. ^ Campionati Italiani Assoluti di sci alpino, l'albo d'oro del GS maschile in fisi.org, 29 marzo 2014. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
    Albo d'oro Slalom maschile Campionati Italiani Assoluti in fisi.org, 30 dicembre 2013. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
    Campionati Italiani di sci alpino, l'albo d'oro della combinata maschile in fisi.org, 24 marzo 2011. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]