Felix Neureuther

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Felix Neureuther
Felix Neureuther Schladming 2008.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 184 cm
Peso 87 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Squadra SC Partenkirchen
Palmarès
Mondiali 1 1 1
Campionati tedeschi 5 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 22 marzo 2014

Felix Neureuther (Monaco di Baviera, 26 marzo 1984) è uno sciatore alpino tedesco.

Originario di Garmisch-Partenkirchen, è figlio di Christian e Rosi Mittermaier e nipote di Heidi ed Evi Mittermaier, tutti a loro volta sciatori alpini di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 2003-2006[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 ha esordito in Coppa del Mondo, il 4 gennaio nello slalom gigante di Kranjska Gora, e ai Campionati mondiali: a Sankt Moritz 2003 il miglior piazzamento fu il 15º posto nello slalom speciale.

Ha vinto la medaglia d'oro con la nazionale tedesca nella gara a squadre ai Mondiali di Bormio/Santa Caterina Valfurva 2005, dove è stato anche 19º posto nello slalom speciale, mentre l'anno dopo ha esordito ai Giochi olimpici invernali: a Torino 2006 non ha però concluso né lo slalom gigantelo slalom speciale.

Stagioni 2007-2010[modifica | modifica wikitesto]

Ha conquistato il suo primo podio in Coppa del Mondo il 3 dicembre 2006 nello slalom speciale di Beaver Creek classificandosi al terzo posto. Nella stessa stagione ha preso parte ai Mondiali di Åre, senza concludere alcuna prova, mentre due anni dopo, nella rassegna iridata di Val-d'Isère, il suo miglior piazzamento è stato il 4º posto nello slalom speciale.

La prima vittoria è arrivata il 24 gennaio 2010 nello slalom di Kitzbühel, davanti al francese Julien Lizeroux e all'italiano Giuliano Razzoli, sulla stessa pista che aveva visto trionfare il padre trentun anni prima; il mese dopo ha partecipato ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010, classificandosi 8° nello slalom gigante e non concludendo lo slalom speciale.

Stagioni 2011-2014[modifica | modifica wikitesto]

34º nello slalom gigante ai Mondiali di casa, Garmisch-Partenkirchen 2011, nel 2013 ai Mondiali di Schladming ha conquistato l'argento nello slalom speciale, giungendo alle spalle dell'austriaco Marcel Hirscher, e la medaglia di bronzo nella gara a squadre.

Nella stagione 2014 ha conquistato la sua prima vittoria in slalom gigante dopo cinque successi in slalom speciale, l'11 gennaio sull'impegnativa Chuenisbärgli di Adelboden, e ha preso parte ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 classificandosi 8° nello slalom gigante e non concludendo lo slalom speciale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 4º nel 2013
  • 29 podi:
    • 9 vittorie (7 in slalom speciale, 1 in slalom gigante, 1 in slalom parallelo)
    • 11 secondi posti
    • 9 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
24 gennaio 2010 Kitzbühel Austria Austria SL
13 marzo 2010 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania SL
1 gennaio 2013 Monaco di Baviera Germania Germania P
20 gennaio 2013 Wengen Svizzera Svizzera SL
17 marzo 2013 Lenzerheide Svizzera Svizzera SL
6 gennaio 2014 Bormio Italia Italia SL
11 gennaio 2014 Adelboden Svizzera Svizzera GS
24 gennaio 2014 Kitzbühel Austria Austria SL
9 marzo 2014 Kranjska Gora Slovenia Slovenia SL

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 30º nel 2005
  • 5 podi (tutti in slalom):
    • 1 vittoria
    • 2 secondi posti
    • 2 terzi posti
Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica wikitesto]
Data Luogo Paese Disciplina
9 marzo 2010 Kranjska Gora Slovenia Slovenia SL

Campionati tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

  • Campione tedesco di slalom gigante nel 2006, nel 2008 e nel 2009
  • Campione tedesco di slalom speciale nel 2003 e nel 2014
  • Campione tedesco di discesa libera nel 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 22 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 101100447