Lemuriformes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Lemure" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Lemure (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lemuri
Ring tailed lemur and twins.jpg
Lemure dalla coda ad anelli
Lemur catta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Amniota
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Gray, 1821
Famiglie

I lemuri (Lemuriformes Gray, 1821) sono un infraordine di primati del sottordine degli Strepsirrhini, endemico del Madagascar.

Il termine "lemure" deriva dalla parola latina lemures, che sta ad indicare gli spiriti della notte della mitologia romana: chiaro il riferimento al fatto che la maggior parte dei lemuri possiede grandi occhi dall'aspetto spiritato, ben adatti alla vita notturna che la maggior parte delle specie conduce, ed emette versi simili a gemiti sofferenti.

Il termine "lemure" si riferisce genericamente a tutti i membri delle quattro famiglie attualmente viventi e delle tre famiglie estinte di lemuriformi, e non (come si potrebbe essere portati a credere) solamente agli appartenenti al genere Lemur. Le due specie di galeopiteco diffuse in Asia (Galeopterus variegatus e Cynocephalus volans), a volte chiamate col nome comune di lemuri volanti, non sono né veri lemuri, né tanto meno dei primati.

Finora sono state descritte un centinaio di specie di lemuri, classificate in quindici generi (più sette estinti): molte di queste sono state scoperte (o elevate al rango di specie) all'inizio del XXI secolo, in quanto spesso la turbolenta storia politica del Madagascar ha impedito agli studiosi stranieri di compiere studi approfonditi e duraturi sul campo.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Nell'immaginario comune i lemuri sono visti come antenati dei primati più evoluti: tuttavia, sebbene essi mostrino analogie di carattere morfologico e comportamentale coi primati primitivi, i lemuri discendono da questi ultimi proprio come gli altri primati attualmente viventi. Non è perciò corretto pensare che i lemuri siano antenati delle scimmie antropomorfe o di qualsiasi altro primate.

Gli antenati degli attuali lemuri cominciarono a divergere dagli altri primati fra i 62 e i 65 milioni di anni fa. Attorno ai 40-52 milioni di anni fa, essi raggiunsero il Madagascar, probabilmente attraverso tronchi e masse di vegetazione galleggiante che permisero loro di attraversare i bracci di mare che separavano l'isola dalla terraferma, anche se non sono state escluse le possibiilità della presenza di un istmo o di una serie di piccole isole raggiungibili a nuoto che collegassero le due masse di terra. Non essendoci grande competizione interspecifica, i lemuri poterono occupare numerose nicchie ecologiche vacanti ed evolversi in completo isolamento, differenziandosi in una moltitudine di forme e dimensioni. La maggior parte di essi, tuttavia, ha abitudini arboricole e notturne e si nutre principalmente di frutta e insetti: per limitare la competizione per il cibo nelle zone in cui gli areali di più specie si sovrappongono, nonostante l'estrema somiglianza fra le diete delle varie specie, ciascuna di esse si specializza nel nutrirsi di un determinato alimento.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

il nome "lemure" venne utilizzato per la prima volta da Carlo Linneo nel 1754, quando utilizzò i criteri dell'allora nascente nomenclatura binomiale per descrivere come Lemur tardigradus (attualmente conosciuto come Loris tardigradus, una specie imparentata solo alla lontana con i lemuri malgasci) un animale reperito nel museo del re Adolfo Federico di Svezia.
Quattro anni più tardi, nel Systema naturae, Linneo aggiunse al genere Lemur altre due specie, Lemur catta (che conserva a tutt'oggi questo nome scientifico) e Lemur volans (attualmente noto come Cynocephalus volans e non strettamente imparentata coi lemuri o coi primati in generale).
Sebbene il termine "lemure" sia stato impiegato per la prima volta nell'intento di descrivere un loriside e pertanto avrebbe dovuto essere utilizzato per quel clade, in seguito esso è stato sempre più associato alle specie di Strepsirrini malgasci, tanto da divenirne il sinonimo. Probabilmente Linneo scelse di assegnare questo nome ai Lemuriformi perché ne aveva intuita la natura di creature della notte dai grandi occhi dotati di tapetum lucidum: inoltre, probabilmente tramite i propri fornitori (a loro volta informati dalle popolazioni locali) era venuto a conoscenza dei versi spettrali di molte specie e del fatto che essi, nella mitologia malgascia, rappresentano l'incarnazione delle anime degli antenati.

I lemuri sono proscimmie e come tali facenti parti del sottordine Strepsirrhini, che condividono coi Lorisiformes (Galagidae e Lorisidae) occupando un proprio infraordine. Tradizionalmente si pensa che essi si siano evoluti durante l'Eocene (55-37 milioni di anni fa), anche se l'orologio molecolare farebbe pensare a una loro comparsa anteriore a questa data, probabilmente durante il Paleocene (65-55 milioni di anni fa).
Sino a tempi recenti si dava per scontata una stretta parentela fra Lemuriformi, Lorisiformi e Adapidi, basata principalmente su somiglianze di carattere fenetico (muso allungato con rinario, quoziente di encefalizzazione piuttosto basso, presenza di bulla auditiva): accanto alle analogie di tipo morfologico, tuttavia, gli Adapidi mancavano di alcune sinapomorfie chiave dei Lemuriformi, come il pettine dentale o l'artiglio da toilette (presenti invece nei Lorisiformi e negli attuali tarsi), mentre mostrano alcune caratteristiche tipiche delle scimmie vere e proprie (sinfisi mandibolare fusa, presenza di quattro premolari).
Tuttavia, la storia evolutiva di questi animali rimane molto enigmatica, in quanto mancano reperti fossili che forniscano dati esaustivi sulle parentele con altre linee ancestrali di primati. I siti fossiliferi africani risalenti ad epoche utili a tale scopo sonoinfatti assai esigui ed hanno fornito sinora solo reperti frammentari. Basti pensare che i più antichi resti di lemure ritrovati in Madagascar non sono fossili, ma subfossili risalenti al tardo Pleistocene.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Per quanto concerne le dimensioni, si va dai soli 30 g del lemure topo pigmeo Microcebus myoxinus ai 10 kg dell'Indri indri: specie estintesi in tempi storici (come il Megaladapis) avevano le dimensioni di un gorilla.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

I lemuri vivono in natura solo nel Madagascar e in alcune piccole isole circostanti, incluse le Comore (dove probabilmente furono introdotti dall'uomo): questo perché nel resto del mondo ad essi subentrarono le scimmie e gli altri primati, mentre nel Madagascar i lemuri non subirono alcun tipo di competizione e furono perciò in grado di differenziarsi in molte specie.

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

Tutti i lemuri hanno pollice opponibile per una migliore presa sugli alberi dove vivono (anche se il catta ha abitudini più terricole) e dita munite di unghie piuttosto che di artigli, fatta eccezione per l'indice delle zampe posteriori che è modificato a mo' di pettine per la toeletta.

I grandi occhi di tutte le specie di lemuri possiedono un tapetum lucidum, uno strato riflettente per la visione notturna: si pensa che i lemuri abbiano una (per quanto limitata) visione a colori, anche se per orientarsi si affidano principalmente all'udito ed all'olfatto.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I lemuri sono animali principalmente notturni ed onnivori, cioè a dieta mista insettivora e frugivora: le specie più grandi tendono invece ad avere abitudini diurne e maggiormente erbivore.

Il principale predatore dei lemuri è il fossa o fosa (Cryptoprocta ferox): altri predatori dei lemuri sono le varie specie di gufo malgasce e la poiana malgascia.

Società matriarcale[modifica | modifica sorgente]

A differenza della maggior parte degli altri primati, i lemuri hanno società organizzate sul modello matriarcale, ovvero anche nelle specie scarsamente gregarie le femmine hanno posizione di dominanza nei confronti dei maschi. Le femmine hanno la priorità, ad esempio, per quanto riguarda la toeletta e la scelta di siti dove dormire o costruire un nido: sono inoltre le prime ad avere accesso a una fonte di cibo.

Il sistema matriarcale dei lemuri fu osservato per la prima volta fra i catta nel 1966 da Alison Jolly: da quel momento, si notò che in quasi tutte le specie di lemuri erano le femmine a comandare.

Sono state avanzate varie ipotesi riguardo alla matrilinearità dei lemuri:

  • Teoria della conservazione energetica: i maschi lasciano il comando alle femmine per evitare sfiancanti competizioni durante il brevissimo estro femminile.
  • Teoria della sopravvivenza della prole: i maschi lasciano il comando alle femmine in modo che possano allevare con successo un maggior numero di cuccioli, avendo accesso prioritario al cibo.
  • Teoria della strategia femminile: le femmine sono dominanti per poter scegliere il partner ed evitare l'eccessiva domanda riproduttiva, inoltre cibandosi di più hanno maggiore massa muscolare e quindi maggiore forza per competere coi maschi.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Alcune specie[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Colin Groves, Lemuriformes in D.E. Wilson e D.M. Reeder (a cura di), Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, pp. 111-121, ISBN 0-8018-8221-4.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]