Cryptoprocta ferox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fossa
Fossa.jpg
Cryptoprocta ferox
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Eupleridae
Sottofamiglia Euplerinae
Genere Cryptoprocta
Specie C. ferox
Nomenclatura binomiale
Cryptoprocta ferox
Bennett, 1833
Cryptoprocta ferox

Il fossa o fosa (Cryptoprocta ferox - Bennett 1833) è un mammifero carnivoro della famiglia degli Eupleridi endemici del Madagascar.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

È lungo 150–180 cm, compresa la coda lunga quanto il corpo, e pesa 7–12 kg. L'altezza al garrese si aggira attorno ai 35 cm; l'animale ha quindi una forma molto allungata e snella, a prima vista si notano subito somiglianze con un piccolo puma o con uno jaguarundi. Il pelame è generalmente fulvo, di un colore simile a quello del cervo nobile o del canguro rosso, ma non mancano esemplari melanici nelle foreste pluviali del Madagascar orientale.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un predatore, al vertice della catena alimentare. Le sue prede sono i lemuri (che insegue molto agilmente tra gli alberi, dove si muove sfruttando la lunga coda come un bilanciere) e praticamente ogni altro animale che popola l'isola, dai tenrec (Tenrecidae) al votsovotsa (Hypogeomys antimena), dai giovani potamocheri (Potamochoerus porcus) a varie specie di uccelli.

Benché sia il terzo animale più grande dell'isola, dopo il coccodrillo del Nilo (Crocodylus niloticus) e il potamochero (Potamochoerus porcus), ha dimensioni contenute; ciò non gli impedisce di essere un predatore potente ed estremamente combattivo, in grado di abbattere tranquillamente prede ben più pesanti di lui. Gli allevatori malgasci sostengono che oltre al pollame e ai maiali riesca persino ad uccidere i loro zebù (Bos indicus), animale vitale per l'economia del Madagascar, e che possa addirittura costituire un pericolo per l'uomo, specie per i bambini. In realtà, a meno che non venga ferito o messo alle strette il fossa non è assolutamente una minaccia per gli esseri umani, non avendo comunque la taglia del grande predatore.

Il fossa è un animale solitario, eccetto che nella stagione degli accoppiamenti (settembre - novembre); ogni esemplare occupa un territorio piuttosto vasto, tanto che alcuni fossa sono stati visti percorrere oltre 7 km in una notte.

La gestazione dura circa tre mesi; la femmina dà alla luce in una tana 2-4 piccoli, che pesano 100-150 g appena alla nascita. I cuccioli aprono gli occhi 15 giorni dopo la nascita e abbandonano la tana per la prima volta dopo circa due mesi. Sono svezzati definitivamente attorno al quinto mese di vita; raggiungeranno la taglia adulta a quattro anni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Fossa-2012.jpg

Il fossa in Madagascar è diffuso in ogni tipo di habitat, ove siano presenti alberi (anche in quantità limitata), dalle foreste pluviali e orientali alla foresta decidua occidentale alla foresta spinosa del sud; è assente solo dagli altipiani centrali, completamente disboscati. È interessante notare come arrivi fino ad oltre 2500 m di altitudine in montagna, habitat dove trova nei tenrec le sue prede principali.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La caccia a cui è sottoposto dagli allevatori, unita al terrore superstizioso verso questo che è uno degli ultimi grandi animali sopravvissuti in Madagascar, è costato al fossa una tremenda persecuzione; la deforestazione ha contribuito a peggiorare notevolmente la situazione tanto che la IUCN lo ha inserito nella sua "lista rossa" per le specie a rischio: nel 2000 si stimava infatti vivessero solo 2500 esemplari adulti; a dispetto del suo ampio areale (è diffuso in tutta l'isola eccetto gli ormai disboscati altipiani centrali) il fossa corre quindi un gravissimo pericolo d'estinzione.[1]

La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera Cryptoprocta ferox una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione[2].

Per chi volesse incontrare questo raro predatore, la località che offre maggiori probabilità è indiscutibilmente il Parco Nazionale di Kirindy-Mitea nel Madagascar occidentale, che presenta un'alta densità di esemplari grazie al gran numero di prede disponibili nel territorio e che oltretutto essendo zona di foresta decidua non presenta le difficoltà tipiche dell'avvistamento degli animali selvatici nelle fitte foreste pluviali. Il periodo migliore è in autunno quando i fossa si accoppiano (l'accoppiamento avviene tra i rami degli alberi ed è di sicuro uno spettacolo non indifferente) e sono meno elusivi, spesso scendono a bere lungo il Kirindy River. Altre località in cui c'è la possibilità di avvistarlo, ma con ben maggiore difficoltà, sono i Parchi Nazionali di Andasibe-Mantadia e di Ranomafana e la Riserva speciale dell'Ankarana.

Fossa nel cinema[modifica | modifica wikitesto]

I fossa appaiono nel film di animazione "Madagascar" .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Hawkins, A.F.A. & Dollar, L., 2008, Cryptoprocta ferox in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Cryptoprocta ferox in EDGE (Evolutionary Distinct and Globally Endangered), Zoological Society of London.
3. Nick Garbutt, Mammals of Madagascar, Yale University Press, 1999 ISBN 1873403526

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia