Khanato di Avar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera del khanato di Avar
khanato di Avar
khanato di Avar – Bandiera
Dati amministrativi
Nome ufficiale خانان عوار
Lingue ufficiali arabo
Lingue parlate arabo, Lingue caucasiche nordorientali
Capitale
Politica
Forma di Stato Stato patrimoniale
Forma di governo monarchia
Khan Umma-Khan
Nascita XII secolo
Fine 1803
Causa annessione all'impero russo
Territorio e popolazione
Bacino geografico Daghestan, Cecenia
Territorio originale Daghestan
Religione e società
Religioni preminenti islamismo
Religione di Stato islamismo
Religioni minoritarie ebraismo
Evoluzione storica
Succeduto da impero russo

Il khanato di Avar è stato un longevo stato musulmano che governò il Daghestan occidentale dai primi anni del XIII secolo al XIX secolo. Dopo la caduta del regno cristiano di Sarir nei primi anni del XII secolo, la zona caucasica di Avar aveva subito un processo di islamizzazione e nel 1222, quando la regione fu invasa dai Mongoli di Subutai il khanato si alleò con Maometto II di Khwarezm nella sua lotta contro i Mongoli.
Nel XVIII secolo i sovrani di Avar riuscirono ad espandere il loro territorio a scapito di entità tribali minori in Daghestan e Cecenia. Il regno di Umma-Khan nel 1775-1801 ha segnato l'apice della potenza del khanato di Avar nel Caucaso. Tra i sovrani che gli resero omaggio ci furono i signori di Shaki, Quba, Shirvan e anche Erekle II della Georgia. Due anni dopo la morte di Umma-Khan, il khanato si sottopose volontariamente all'impero russo. Tuttavia, l'amministrazione russa istituì un pesante sistema di tassazione, unito ad una politica d'espropriazione delle terre e di costruzione di fortezze. La regione allora si ribellò fondando l'Imamato del Caucaso e ponendosi sotto la guida di Ghazi Mohammed (1828-32), Gamzat-bek (1832-34) e Shamil (1834-59). Le forze zariste ebbero il sopravvento dei ribelli caucasici solo nel 1864, quando il khanato di Avar fu abolito e venne istituito il Distretto Avar.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • History of Dagestan, vol. 1-4. Moscow, 1967-69.