Dinastia burji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La dinastia burjī (in arabo: المماليك البرجية , al-Mamālīk al-burjiyya, vale a dire dei "Mamelucchi burgi") governò l'Egitto e parte della Siria dal 1382 al 1517.

Essa fu caratterizzata da grande turbolenza, specie se paragonata alla precedente dinastia dei Mamelucchi baḥrī, tanto che la permanenza al Sultanato dei suoi esponenti fu generalmente breve. Durante il loro governo dovettero affrontare la devastante avanzata del turco-mongolo Timur Lenk (Tamerlano) ma conquistarono l'isola di Cipro, sede del nominale regno crociato di Gerusalemme. I regolari dissidi interni facilitarono senz'altro la non facile conquista dei loro domini da parte degli Ottomani, che infine li sconfissero nel 1517, incamerandone i territori, pur mantenendo poi al potere - ma in veste di vassalli della Sublime Porta - vari bey mamelucchi (chiamati dagli storici specialisti "Neo-Mamelucchi").

Il termine burjī, o Burjiyya, che identifica la dinastia si riferisce alla "torre" (in arabo burj) presente nell'originario accasermamento dei reggimenti mamelucchi nella parte della Cittadella (qalʿa) a est del Cairo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dal 1250 l'Egitto era stato governato dalla dinastia turca dei Mamelucchi Baḥrī. Nel 1377 in Siria scoppiò una rivolta che s'allargò preso all'Egitto e il governo mamelucco fu assunto dagli elementi circassi che costituivano i reggimenti mamelucchi, di più recente formazione e di qualità belliche meno accentuate, e il governo fu assunto da Baraka e Barqūq. Barqūq fu proclamato Sultano nel 1382, per essere poi esiliato nel 1389 prima che egli riuscisse a impadronirsi nuovamente del potere al Cairo nel 1390.
Barquq divenne nemico di Timur dopo aver trucidato uno degli inviati di Timur. Timur minacciò d'invadere la Siria ma Barqūq morì nel 1399. Fu allora Bayezid I a invadere la Siria ma, così facendo, entrò inevitabilmente in conflitto con Tamerlano, che conquistò Aleppo e altre città nel 1400. La Siria fu riconquistata dal Sultano mamelucco Nāṣir al-Dīn Faraj quando Timur morì nel 1405, ma dovette continuamente fronteggiare qui le ribellioni di suoi Emiri e fu costretto infine ad abdicare nel 1412.

Nel 1421 l'Egitto fu attaccato dalle forze del Regno di Cipro, e malgrado gli egiziani non fossero in grado di conquistare l'isola, riuscirono nondimeno a costringere i Ciprioti a riconoscere la sovranità del Sultano mamelucco Barsbāy. Durante il regno di Barsbāy la popolazione dell'Egitto subì una sensibile diminuzione rispetto ai secoli precedenti e le stesse città si restrinsero a 1/5 dell'ammontare del secolo precedente. Ciò non impedì a Barsbāy di effettuare incursioni nell'Asia minore ma morì nel 1438.

Sayf al-Dīn Īnāl giunse al potere nel 1453 e intrattenne relazioni amichevoli con l'Impero ottomano che alla fine di quell'anno conquistò Costantinopoli, provocando grande gioia in Egitto. Tuttavia, sotto il Sultanato di Khushqadam, che prese il potere nel 1463, l'Egitto prese a lottare in armi contro le mene ottomane, che intendevano allargarsi in Siria e in Egitto. Sia Kushqadam sia Mehmet II sostennero differenti candidati alla guida del Beilikato di Karaman; quindi nel 1467 il Sultano mamelucco Qāytbāy offese il Sultano ottomano Bayezid II, il cui fratello Cem fu avvelenato mentre era ospite (con intenti non propriamente collimanti con quelli di Bayezid II) di Qāytbāy.
Bayezid II s'impadronì di Adana, Tarso e di altre località che facevano parte dei domini mamelucchi, ma fu infine sconfitto da Qāytbāy. Questi tentò anche di aiutare i musulmani che erano sotto attacco cristiano in Spagna minacciando per ritorsione i cristiani siriani, ma senza effetto. Morì nel 1496, lasciando varie centinaia di migliaia di ducati di debito, contratto con le grandi famiglie mercantili veneziane.

Nel 1515 ebbe inizio la guerra contro il Sultano ottomano Selim I, che condusse all'incorporazione dell'Egitto nell'Impero ottomano.
Le cariche di cavalleria dei Mamelucchi non poterono nulla contro l'efficiente artiglieria ottomana dei Giannizzeri. Il Sultano egiziano Qanṣūh al-Ghūrī fu accusato da Selim di aver inviato emissari allo Shah safavide Ismāʿīl I per creare un'alleanza anti-ottomana e di aver concesso asilo a esuli ottomani ostili al Sultano.
Dopo aver inflitto una dura sconfitta ai Safavidi nella battaglia di Cialdiran nel 1514, gli Ottomani inflissero una capitale disfatta ai mamelucchi nella battaglia di Marj Dabiq del 24 agosto 1515, nel corso della quale Qanṣūh al-Ghūrī fu ucciso, mentre la Siria entrava a far parte dei domini ottomani, acclamati dalla sua popolazione, stanca della sempre più declinante efficienza del governo mamelucco.

Nel 1517 i Turchi ottomani e Selim I sbaragliarono i mamelucchi, conquistando Il Cairo il 20 gennaio, che dovette passare in secondo piano rispetto a Istanbul, limitandosi a ospitare un Governatore militare (Pascià) inviato dalla Sublime Porta. Tuttavia l'Impero ottomano mantenne al potere - in veste di vassalli - i bey mamelucchi sconfitti, spesso definiti "neo-Mamelucchi" dalla storiografia specialistica.[1]

Elenco dei Sultani burji[modifica | modifica sorgente]

Laqab Nome proprio Regno
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Barqūq
in arabo: سیف الدین برقوق
1382 - 1389
primo regno
Sulṭān al-Ṣāliḥ al-Muẓaffar al-Manṣūr
in arabo: سلطان الصالح المظفر المنصور
Ṣalāḥ al-Dīn Ḥājjī II
in arabo: صلاح الدین حاجی ثانی
1389
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Barqūq
in arabo: سیف الدین برقوق
1390 - 1399
secondo regno
al-Nāṣir
in arabo: الناصر
Nāṣir al-Dīn Faraj
in arabo: ناصر الدین فرج
1399 - 1405
primo regno
al-Manṣūr
in arabo: المنصور
ʿIzz al-Dīn ʿAbd al-ʿAzīz
in arabo: عز الدین عبدالعزیز
1405
al-Nāṣir
in arabo: الناصر
Nāṣir al-Dīn Faraj
in arabo: ناصر الدین فرج
1405 - 1412
secondo regno
al-ʿĀdil
in arabo: العادل
al-Mustaʿīn bi-llāh
in arabo: المستعین باللہ
1412
al-Muʾayyad
in arabo: المؤید
Sayf al-Dīn Tatār
in arabo: سیف الدین تتار
1412 - 1421
al-Muẓaffar
in arabo: المظفر
Aḥmad
in arabo: أحمد
1421
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Tatār
in arabo: سیف الدین تتار
1421
al-Ṣāliḥ
in arabo: الصالح
Nasir al-Din Muhammad
in arabo: ناصر الدین محمد
1421 - 1422
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Sayf al-Dīn Barsbāy
in arabo: سیف الدین برسبای
1422 - 1437
al-ʿAzīz
in arabo: العزیز
Jamāl al-Dīn Yūsuf
in arabo: جمال الدین یوسف
1437 - 1438
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Jaqmaq
in arabo: سیف الدین جقمق
1438 - 1453
al-Manṣūr
in arabo: المنصور
Fakhr al-Dīn ʿUthmān
in arabo: فخرالدین عثمان
1453
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Sayf al-Dīn Īnāl
in arabo: سیف الدین إینال
1453 - 1461
al-Muʾayyad
in arabo: المؤید
Shihāb al-Dīn Aḥmad
in arabo: شھاب الدین أحمد
1461
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Khushqadam
in arabo: سیف الدین ﺧﺸﻘﺪﻡ
1461 - 1467
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Sayf al-Dīn Bilbāʾī
in arabo: سیف الدین بلبأی
1467
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Tīmūr Boghā
in arabo: تیمور بغا
1467 - 1468
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Sayf al-Dīn Qāytbāy
in arabo: سیف الدین قایتبای
1468 - 1496
al-Nāṣir
in arabo: الناصر
Muḥammad b. Qāytbāy
in arabo: ﻣﺤﻤﺪ ﺑﻦ ﻗﺎﻳﺘﺒﺎى
1496 - 1497
primo regno
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Qanṣūh al-Burjī
in arabo: قانصوہ البرجی
1497
al-Nāṣir
in arabo: الناصر
Muḥammad b. Qāytbāy
in arabo: ﻣﺤﻤﺪ ﺑﻦ ﻗﺎﻳﺘﺒﺎى
1497 - 1498
secondo regno
al-Ẓāhir
in arabo: الظاہر
Qānṣūh al-Ashrafī
in arabo: قانصوہ الأشرفی
1498 - 1500
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Janbulāṭ
in arabo: جنبلاط
1500 - 1501
al-ʿĀdil
in arabo: العادل
Sayf al-Dīn Ṭūmān Bāy I
in arabo: سیف الدین طومان بای
1501
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Qānṣūh al-Ghūrī
in arabo: قانصوہ الغوری
1501 - 1516
al-Ashraf
in arabo: الأشرف
Ṭūmān Bāy II
in arabo: طومان بای
1516 - 1517
La dinastia burji del Sultanato mamelucco del Cairo finisce a causa della vittoria del Sultano ottomano Selim I nel 1517.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Encyclopaedia of Islam, s.v. «Mamlūks» (P.M. Holt).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]