Rustumidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La dinastia di imam ibaditi detti Rustumidi (o Rustamidi, Rostemidi) governò il Maghreb centrale per un secolo e mezzo (dall'VIII). La sua capitale era Tahert (oggi Tiaret, Algeria). La dinastia fu sconfitta nel X secolo dai califfi Fatimidi. Non è ben chiaro fino a dove si estendesse il loro dominio, ma sicuramente giungeva, a est, fino al Gebel Nefusa nell'attuale Libia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il ramo ibadita dei Kharigiti (Ibāḍiyya) raggiunse il Nordafrica già nel 719, quando il missionario Salma ibn Sa'd venne inviato a Kairouan dalla jama'a ibadita di Bassora. Nel 740, questi sforzi erano riusciti a convertire le maggiori tribù berbere degli Huwwara intorno a Tripoli, dei Nefusi nel Gebel Nefusa e degli Zenata nella Tripolitania occidentale. Nel 757 (140 AH), un gruppo di quattro missionari formatisi a Bassora (tra cui vi era Abd ar-Rahman ibn Rustum) proclamarono un imamato ibadita, dando così vita ad un effimero Stato alla cui guida vi era Abul-Khattab Abdul-A'la ibn as-Samh, che durò fino a quando, nel 761, gli Abbasidi riuscirono a sopprimerlo, uccidendo Abul-Khattab Abdul-A'la ibn as-Samh. Alla sua morte, gli ibaditi della Tripolitania elessero imām Abul-Hatim al-Malzuzi; questi fu ucciso nel 772 dopo avere scatenato, nel 768, una seconda rivolta che non ebbe successo.

Successivamente, il centro del potere si spostò verso l'Algeria, e venne eletto imām ˤAbd ar-Rahmān ibn Rustum, un convertito al kharigismo tunisino di nascita ma di origini persiane (che era stato uno dei quattro fondatori di questo imamato); in seguito, questa carica rimase appannaggio della sua famiglia, prassi questa che gli ibaditi giustificarono sostenendo che non essendo originaria di alcuna tribù locale, questa famiglia non avrebbe avuto preferenze per questa o quella tribù all'interno dello Stato.

Il centro del nuovo imamato fu Tahert, capitale di nuova fondazione; molte tribù ibadite si trasferirono dalla Tunisia e dalla Tripolitania per stabilirsi colà, e vennero costruite solide fortificazioni a difesa della città. Essa divenne uno snodo importante nelle vie carovaniere che andavano consolidandosi tra l'Africa subsahariana ed il Medio Oriente. I viaggiatori che ne hanno lasciato una descrizione, come il sunnita Ibn as-Saghir, ricordano come essa fosse multi-religiosa, con una significativa (e leale) minoranza cristiana ed un buon numero di musulmani sunniti e di ebrei, e come vi fosse favorito un aperto dibattito religioso.

Ibn as-Saghir descrive anche l'imām come una figura propensa all'ascesi, che riparava da sé la propria casa e rifiutava ogni tipo di dono; i concittadini lo avrebbero aspramente criticato se avessero avuto l'impressione che trascurasse i suoi doveri. L'etica religiosa era rigorosamente imposta per legge.

I rustumidi combatterono contro gli Aghlabidi dell'Ifriqiyya (con base a Kairouan) nell'812, ma salvo questa parentesi, di solito riuscirono a stabilire un modus vivendi; ciò dispiacque alle tribù ibadite poste sulla frontiera col territorio aghlabide, che diedero vita a qualche ribellione.

Dopo Abdu l-Wahhāb, i Rustumidi si indebolirono progressivamente sul piano militare, e nel 909 vennero facilmente sconfitti dagli sciiti Fatimidi, il che spinse molti ibaditi - compreso l'ultimo imām - a fuggire ritirandosi a Sedrata presso Ouargla, da cui in seguito proseguirono fino allo Mzab, sede definitiva della loro emigrazione.

Imam Rustumidi[modifica | modifica sorgente]