Khalji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Khalji costituirono la breve dinastia turco-musulmana che resse il sultanato di Delhi dopo il rovesciamento della dinastia mamelucca. Fondata nel 1290 da Jalal-ud-Din Feroz Khalji, la seconda dinastia di Delhi fu significativa per la storia indiana grazie all'apporto di Ala-ad-Din Khalji, che succedette allo zio Jalal-ud-Din Feroz Khalji dopo averlo ucciso nel 1296.

Ala-ad-Din Khalji riformò il sistema economico di Delhi, assicurando alte entrate nelle casse dello stato tramite le tassazioni terriere. Inoltre, il controllo sui prezzi e sui salari giovò in modo non indifferente alla popolazione. Dopo aver respinto le invasioni mongole (cominciate a partire dal 1303) al nord, Ala-ad-Din Khalji si rivolse verso il meridione, riuscendo ad annettere al sultanato il regno di Kakatiya e raggiungendo il territorio Pandya nel Tamil Nadu.

Dopo la morte di questo sultano, avvenuta nel 1316, il potere dei Khalji declinò velocemente per essere infine sostituito nel 1320 dalla dinastia Tughlak.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]