Gyula Peidl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gyula Peidl

Gyula Peidl (Ravazd, 4 aprile 187322 gennaio 1943) è stato un sindacalista e politico ungherese socialista che ricoprì le carica di primo ministro e presidente ad interim dell’Ungheria nel 1919.

Durante i pochi giorni del suo governo cerò di ostacolare le misure prese in precedenza dai comunisti chiudendo i tribunali rivoluzionari, dissolvendo le guardie rosse e restaurando la proprietà privata.
Il 6 agosto 1919 il suo governo venne rovesciato da un colpo di Stato dell’estrema destra e Peidl andò in esilio in Austria. Nel 1921 tornò in patria dal 1922 al 1931 guiderà il partito socialdemocratico in parlamento.

Controllo di autorità VIAF: 120382838