Gomito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gomito
Gray329.png
Visione antero-mediale dell'articolazione del gomito e relativi i legamenti che ne irrobustiscono la capsula articolare
Gray333.png
Vista superiore dell'articolazione radio-ulnare prossimale che mette in evidenza il legamento anulare ed il legamento quadrato
Anatomia del Gray subject #84 321
Nome latino articulatio cubiti
MeSH Elbow+joint

Il gomito è l'articolazione dell'arto superiore che collega braccio e avambraccio. Ha due gradi di libertà e i movimenti che possono essere esercitati su di essa sono la flessione, l'estensione, la pronazione e la supinazione.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene venga trattata come un'unica articolazione, in essa è possibile riconoscere tre distinte articolazioni accomunate tuttavia da un'unica capsula ed un'unica cavità articolare:

Capsula articolare e legamenti[modifica | modifica wikitesto]

Come già detto, le tre articolazioni possiedono una capsula articolare comune. La capsula origina dall'epifisi distale dell'omero seguendo, sulla faccia posteriore, una linea arcuata che dall'epicondilo si porta al margine superiore della fossetta olecranica per poi ridiscendere all'epitroclea e alla sua superficie inferiore; da qui si continua allo stesso modo al margine superiore della fossetta coronoidea e della fossetta radiale per poi ridiscendere verso l'epicondilo e alla sua superficie inferiore. Quindi la capsula si inserisce, sull'ulna, al margine della cartilagine articolare dell'incisura semilunare e, sul radio, si inserisce sul collo della testa del radio. Infine la capsula si chiude inferiormente, tra ulna e radio, tendendosi tra i margini dell'incisura radiale dell'ulna e quelli della circonferenza articolare della testa del radio. A rinforzare la capsula provvedono vari legamenti intrinseci.

L'articolazione del gomito vista ai raggi X.

Legamento anulare del radio[modifica | modifica wikitesto]

Origina dal margine anteriore dell'incisura radiale dell'ulna e, avvolgendo il collo della testa del radio, si inserisce al margine posteriore della stessa incisura radiale.

Legamento collaterale mediale o ulnare[modifica | modifica wikitesto]

È formato da fibre che dall'epicondilo mediale dell'omero si allargano a ventaglio per inserirsi sul margine mediale dell'incisura trocleare dell'ulna, dal processo coronoideo all'olecrano.

Legamento collaterale laterale o radiale[modifica | modifica wikitesto]

Origina dall'epicondilo laterale dell'omero e si inserisce con tre fasci: anteriore, medio e posteriore. Il fascio anteriore si inserisce sull'ulna, davanti all'incisura radiale; il fascio medio si fissa dietro alla stessa incisura; il fascio posteriore raggiunge la faccia laterale dell'olecrano.

Legamento quadrato[modifica | modifica wikitesto]

Origina dal margine inferiore dell'incisura radiale dell'ulna e si inserisce al margine inferiore della circonferenza articolare della testa del radio.

Legamento arciforme (detto anche di Cooper)[modifica | modifica wikitesto]

Origina dalla superficie mediale del processo coronoideo e si inserisce alla base dell'olecrano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]