Giorgio Pasotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Pasotti (2012)

Giorgio Pasotti (Bergamo, 22 giugno 1973) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

A sei anni inizia la pratica del karate, poi del kobudo e del wushu. A 13 anni è cintura nera; nel 1987, si trasferisce in Cina per due mesi per approfondire le arti marziali. Nel 1992 riparte per la Cina e ci resta due anni. Qui è protagonista di due film: Treasure Hunt, in cui è un giovane americano che diventa un monaco del tempio di Shaolin e The drunken master III.

Nel 1998 appare sugli schermi cinematografici con i film italiani I piccoli maestri, tratto dal romanzo sulla Resistenza di Luigi Meneghello, ed Ecco fatto, opera prima di Gabriele Muccino, con Barbora Bobulova.

Dopo le prime esperienze italiane di cinema approda in televisione, dove conduce il programma Cinematic su MTV Italia. Nel 2000 debutta in teatro, come protagonista insieme a Stefania Rocca, con Le poligraphe di Robert Lepage. Lavora anche per spot e videoclip. La popolarità arriva però con la serie televisiva Distretto di Polizia nella quale interpreta il ruolo dell'ispettore Paolo Libero presente nella terza stagione (2002) e nella quarta stagione (2003) oltre ad un cameo nella decima edizione (2010).

Nel 2006 è protagonista insieme a Neri Marcorè nella miniserie E poi c'è Filippo.

Tra gli altri film girati in seguito, citiamo: Dopo mezzanotte (2003), regia di Davide Ferrario, con Francesca Inaudi, Le rose del deserto, regia di Mario Monicelli, e L'aria salata, regia di Alessandro Angelini, entrambi del 2006, e Voce del verbo amore (2007), regia di Andrea Manni, con Stefania Rocca.

Ha partecipato alla realizzazione del video della canzone "Io che amo solo te" di Fiorella Mannoia nel gennaio 2008.

Nel 2009 torna sul piccolo schermo con tre fiction televisive: Due mamme di troppo, regia di Antonello Grimaldi, La scelta di Laura e David Copperfield.

Nel 2010 torna nelle sale cinematografiche con Baciami Ancora, seguito de L'ultimo bacio, regia di Gabriele Muccino.

Nel 2012 interpreta Giuseppe Garibaldi nella miniserie Anita Garibaldi andata in onda su Rai 1.

Nel 2013 interpreta Stefano, un uomo che possiede le chiavi dei palazzi più belli di Roma, nel film Premio Oscar La grande bellezza, con la regia di Paolo Sorrentino. E' anche protagonista della pellicola Diario di un maniaco per bene.

Il 2014 è un anno molto intenso per Giorgio. E' protagonista insieme a Martina Stella, Vincenzo Salemme, Maurizio Mattioli e Nancy Brilli di Sapore di te, regia di Carlo Vanzina. Sempre per Vanzina interpreta in Un matrimonio da favola, un omosessuale che cerca di nascondere la propria sessualità agli amici che rincontra dopo 20 anni. Inoltre il regista esordiente Francesco Prisco lo vuole nel suo noir Nottetempo. Sul piccolo schermo invece interpreta Lino Zani, il maestro di sci di Papa Giovanni Paolo II, in Non avere paura - Un'amicizia con Papa Wojtyla, e un carabiniere che lotta contro i tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale in A testa alta - I martiri di Fiesole.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha avuto una relazione sentimentale con la cantante Elisa, che aveva conosciuto sul set del video di Luce, e con la collega Giulia Michelini. È poi stato legato a Nicoletta Romanoff, dalla quale si è inizialmente separato all'inizio del 2008; in questo periodo ha intrattenuto una relazione con Giulia Elettra Gorietti, conosciuta sul set di Ho sposato una sirena. Nel 2009 è tornato assieme alla Romanoff; il 18 gennaio 2010 è nata la loro primogenita Maria.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • Poligraph, di Robert Lepage (2000)

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

  • I Never Say Goobye (2004)

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Spot[modifica | modifica sorgente]

  • Spot prevenzione HIV (2009)
  • L'uomo delle stelle (2011)

Premi[modifica | modifica sorgente]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2005 Dopo mezzanotte Migliore attore protagonista Nomination
Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2005 Dopo mezzanotte e Volevo solo dormirle addosso Migliore attore protagonista Nomination
2007 L'aria salata Migliore attore protagonista Nomination
2014 Sapore di te e Nottetempo Migliore attore non protagonista Nomination
Globo d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
2007 L'aria salata Migliore attore Nomination
  • Premio come miglior attore assegnato dalla Federazione Italiana Cinema d'Essai (2004)
  • Premio Flaiano – Miglior attore protagonista per Dopo mezzanotte (2004)
  • Shooting Star al Festival di Berlino (2004)
  • Golden Graal – Miglior attore protagonista per Quale amore (2005)
  • Grolla d'oro (2005)
  • Festival del Cinema Italiano a Parigi – Migliore attore protagonista per L'aria salata (2006)
  • Premio Gian Maria Volonté – Miglior attore dell'anno (2007)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]