Nicole Grimaudo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicole Grimaudo (Caltagirone, 22 aprile 1980) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originaria della Sicilia, ha due sorelle maggiori, Maria Vittoria e Simona. Ha un figlio, Pietro, nato il 21 marzo 2014,[1] avuto dal compagno Francesco, un giornalista RAI.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994, durante un viaggio a Roma per trovare le sorelle stabilitesi lì, decide di partecipare a un provino per Non è la RAI. Debutta così in televisione nel programma pomeridiano di Italia 1 Non è la RAI, divenendo una delle ragazze più amate[3][4] e conducendo anche alcune puntate in sostituzione di Ambra Angiolini. Trasferitasi definitivamente a Roma, conosce il talent scout Luca Di Nardo, che la inserisce nella sua agenzia di attori.

Nel 1996 debutta come attrice con il film tv Sorellina e il principe del sogno, regia di Lamberto Bava. Seguirà la partecipazione alla fiction Racket, dove veste i panni di una sedicenne in pericolo, al fianco di Michele Placido. Nel 1998 il debutto al cinema, nel ruolo della figlia di Pirandello in Tu ridi dei fratelli Taviani. Nel 1995 recita ne Il giardino dei ciliegi, regia di Gabriele Lavia, e nel 1999 e nel 2001 in Amadeus, regia di Roman Polanski.

Lavora in numerose produzioni televisive, tra cui la serie tv Questa casa non è un albergo, in onda su Rete 4, le miniserie tv L'amore oltre la vita, Un posto tranquillo, Il bell'Antonio, con Daniele Liotti, le serie tv L'ispettore Coliandro, Il bello delle donne e ancora attivissima in TV, tra il 2006 e il 2009, l'attrice è la coraggiosa Tenente Giordano in R.I.S. - Delitti imperfetti, la premurosa consorte di Gino Bartali, l'intramontabile, la caposala di Medicina generale per la regia di Renato De Maria, in onda su Rai Uno e l'ambizioso magistrato ne Il Mostro di Firenze di Antonello Grimaldi per Foxcrime.

Nel 2008 ritorna sul grande schermo con Un giorno perfetto, diretto dal regista turco Ferzan Ozpetek, dove interpreta il complesso ruolo della moglie di un politico, e nel 2009 con Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore, presentato alla serata d'apertura della 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Sempre nel 2009 gira il film di Ferzan Özpetek, Mine vaganti che la vede protagonista insieme a Riccardo Scamarcio e Alessandro Preziosi, nelle sale nel 2010. Il film di Ozpetek sarà l'unica pellicola italiana in concorso al Tribeca Film Festival, dove sarà in lizza per i premi al migliore film, al migliore attore e alla migliore attrice. Per questo film, vince il Premio Anna Magnani, al Bari International Film Festival come miglior attrice protagonista. Vince anche il premio della stampa estera Globo d'Oro come attrice rivelazione.

Torna in televisione nel 2010 dove per Mediaset gira la serie televisiva Dov'è mia figlia?, per la regia di Monica Vullo, nella quale è la protagonista femminile nel ruolo di un commissario (Anna) chiamato a indagare sulla scomparsa di una bambina insieme al protagonista maschile Claudio Amendola. Nel 2010 vince il Premio Afrodite, promosso dall'Associazione Donne dell'Audiovisivo, che ha il doppio intento di promuovere sia la crescita professionale delle donne che lavorano nel settore dell’audiovisivo, che i loro interessi e la loro cultura.

Nella stagione 2011-2012 è stata la protagonista di tre film per il cinema: Baciato dalla fortuna diretto da Paolo Costella, insieme a Vincenzo Salemme, Dario Bandiera, Asia Argento e Alessandro Gassman; L'amore fa male, opera prima di Mirca Viola, e nella commedia a episodi Workers, di Lorenzo Vignolo a fianco di Nino Frassica, Paolo Briguglia e Luis Molteni. È coprotagonista nel film All'ultima spiaggia uscito nell'ottobre 2012.

Nel 2013 è sui grandi schermi con il film Buongiorno papà di Edoardo Leo. Nello stesso anno è selezionata come protagonista femminile per la fiction RAI La Tempesta con Giovanni Scifoni e Nino Frassica, mentre l'anno seguente interpreta la moglie di Alberto Manzi nella fiction Non è mai troppo tardi.

Nel 2014 appare nella pubblicità della banca Unicredit.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicole Grimaudo: 'Benvenuto Pietro'. URL consultato il 26 marzo 2014.
  2. ^ Nicole Grimaudo finalmente annuncia il Nome del suo Compagno. URL consultato il 10 giugno 2014.
  3. ^ Per Ambra 572mila telefonate in la Repubblica, 16 novembre 1994, p. 30. URL consultato il 22 novembre 2009.
  4. ^ "Non è la Rai", Nicole vince a sorpresa in Corriere della Sera, 26 novembre 1994, p. 39. URL consultato il 22 novembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71148456 LCCN: no2006076550