Ghati occidentali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ghati occidentali
Ghati occidentali
Cartina dell'India con indicata la catena dei Ghati occidentali
Continente Asia
Stati India India
Cima più elevata Anamudi (2.695 m s.l.m)
Lunghezza 1.600 km
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Ghati occidentali
(EN) Western Ghats
Jog Falls, India - August 2006.jpg
Tipo naturale
Criterio C (ix) (x)
Pericolo Non indicato
Riconosciuto dal 2012
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Ghati occidentali

I Ghati o Gati occidentali (in inglese Western Ghats) sono una catena montuosa ad ovest nella penisola indiana.
Scorrono da nord a sud lungo la parte occidentale della piana del Deccan e separano la piana da una stretta pianura lungo la costa sul mar arabico. La catena parte vicino il confine di Gujarat e Maharashtra, a sud del fiume Tapti, e scorre approssimativamente per 1600 km attraverso lo Stato del Maharashtra, Goa, Karnataka, Tamil Nadu e Kerala finendo a Kanyakumari.
il 60% delle Ghati occidentali sono situate nello Stato del Karnataka.

La catena dei Ghati occidentali è coperta da fitte foreste tropicali e piantagioni di legno di teak, sandalo ed ebano. Il rilievo raggiunge i 2.637 metri di altitudine sul monte Dodabetta e accoglie alcune stazioni climatiche, centri di villeggiatura, piantagioni di tè, caffè e cardamomo.
In tutta la regione vi sono inoltre riserve naturali popolate da pachidermi, felini e stormi di uccelli. Scendendo, i Ghati si trasformano in altopiani interni e in fertili pianure alluvionali.
Nei delta del nord, si trasformano in steppa. A sud, le foreste dei Ghati orientali, uniti ai Ghati occidentali dal Kerala, sono più rade e lasciano spazio alle savane.
Nel 2003 è stata scoperta una rana endemica dal nome scientifico Nasikabatrachus sahyadrensis.