Piantagione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una piantagione di albero della gomma in Malesia.

Una piantagione è un'impresa agricola in monocoltura di grandi dimensioni con delle colture di grande valore economico destinate dalla vendita verso mercati lontani. La piantagione è spesso associata a certe colture come il cotone, la canna da zucchero, il caffè, la banana, l'ananas, l'aloe vera, il teck, il cacao,l'albero della gomma il tabacco, ecc.

Storicamente una gran parte delle piantagioni sono state coltivate da schiavi di origine africana e da servitori ingaggiati come mano d'opera. Le piantagioni sono stati associate a delle grandi disparità di ricchezza, alle proprietà strianiere e all'influenza politica.

I primi esempi di piantagioni sono stati i latifondi dell'antichità che hanno prodotto grandi quantità di vino e di olio d'oliva. Le piantagioni hanno visto il loro numero aumentare rapidamente per l'aumento del commercio internazionale e lo sviluppo di una economia mondiale in seguito all'espansione degli Imperi coloniali europei. La Mondializzazione è uno dei maggiori fattori.

Si usa il termine piantagione anche per parlare di silvicoltura.

La schiavitù e le piantagioni[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta di canna da zucchero con degli schiavi sull'isola di La Réunion tra il 1879 e il 1891.

I bassi salari e una protezione sociale minima dei lavoratori delle piantagioni sono stati la base della profittabilità delle piantagioni.

Delle piantagioni che facevano uso massiccio di schiavi producevano canna da zucchero nei Caraibi e in Brasile.

Numerosissimi schiavi africani sono stati trasportati di forza per lavorare negli Stati del Sud degli Stati Uniti, nei Caraibi, Brasile e nelle zone dell'Africa occupati dagli europei.

Negli Stati Uniti la schiavitù è stata praticata essenzialmente nelle piantagioni del tabacco e poi del cotone. La Virginia è famosa per aver avuto, prima della rivoluzione, tra i suoi rappresentanti, un numero importante di possessori di schiavi nelle piantagioni di tabacco.

Nel 1860, una famiglia su quattro era proprietaria di schiavi in Virginia. Le cifre seguenti sono ricavate dal censimento del 1860.

  • Numero di schiavi del Deep South : 2312352 (47 % della popolazione totale).
  • Numero di schiavi nel Sud superiore : 1208758 (29 % della popolazione totale).
  • Numero di schiavi negli Stati frontalieri : 432586 (13 % della popolazione totale).

Meno di un terzo delle famiglie del Sud possedeva degli schiavi all'apogeo della schiavitù prima della guerra di secessione americana. Nel Mississippi e nella Carolina del Sud, erano vicini alla metà.

Nella piantagione tipica vi erano più di 20 schiavi, il valore come capitale degli schiavi era superiore a quello delle terre sommato a quello degli utensili.

Piantagioni di zucchero[modifica | modifica wikitesto]

La raccolta meccanizzata presso Khon Kaen in Thailandia.

La coltura della canna da zucchero era molto frequente nei Caraibi nel XVIII secolo, XIX secolo e nel XX secolo e il consumo di zucchero in Europa aumentò sensibilmente in questo periodo. Le piantagioni si sono concentrate in paesi come le Barbados e Cuba grazie alla fertilità del suolo e a dei bassi costi della mano d'opera, possibile solamente grazie all'arrivo di schiavi africani. Queste piantagioni producevano dall'80 al 90 % dello zucchero consumato in Europa occidentale, senza contare, gli altri prodotti connessi come il rum e la melassa che hanno un forte valore commerciale.

Nel XVII secolo, la canna da zucchero fu introdotta nelle Antille britanniche, soprattutto nella Barbados da dei coloni venuti dal Brasile. La produzione passò dalla coltura del cotone del tabacco a quella della canna da zucchero, a causa dell'abbassamento del prezzo del cotone e del tabacco a causa della concorrenza della produzione nordamericana.

Per circa un secolo le Barbados sono rimaste le più ricche colonie europee nella regione dei Caraibi. La prosperità della colonia a livello regionale sono rimaste senza uguali fino al 1740 quando la produzione della canna da zucchero aumentò in paesi geograficamente più grandi come Hispaniola e la Giamaica. Durante il XIX secolo, la canna da zucchero era molto presente in Martinica, a Grenada, a Sainte-Croix, in Giamaica, nelle Barbados, nelle Isole sotto vento, a Santo Domingo, a Cuba e in Guyana.

Dopo l'abolizione della schiavitù nel XIX secolo la produzione della cannza da zucchero è continuata a crescere ma è aumentata la produzione di zucchero da barbabietola da zucchero nei climi temperati.

Piantagione di indigo[modifica | modifica wikitesto]

L'Indigofera era una coltura importante durante il periodo coloniale negli Stati Uniti, ad Haiti, nel Guatemala e in India. Il prodotto permetteva di colorare in un particolare blu i tessuti. All'inizio del XX secolo, l'indigo sarà sintetizzato nella BASF che porterà al declino delle colture dell'indigofera.

Tipi di sesto d'impianto[modifica | modifica wikitesto]

Quadrato[modifica | modifica wikitesto]

Quinconce[modifica | modifica wikitesto]

Rettangolo[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

agricoltura Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura