Nasikabatrachus sahyadrensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rana viola
Nasikabatrachus sahyadrensis.jpg
Nasikabatrachus sahyadrensis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Nasikabatrachidae
Biju e Bossuyt, 2003
Genere Nasikabatrachus
Biju e Bossuyt, 2003
Specie N. sahyadrensis
Nomenclatura binomiale
Nasikabatrachus sahyadrensis
Biju e Bossuyt, 2003
Areale
Distribution Map of Nasikabatrachus.jpg

Territori ambiente naturale della specie

La rana viola (Nasikabatrachus sahyadrensis Biju e Bossuyt, 2003)[2] è l'unica specie di rana appartenente al genere Nasikabatrachus e alla famiglia Nasikabatrachidae.[3]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere Nasikabatrachus è composto dalla parola in sanscrito Nasika, cioè "naso", e da batrachus che in greco antico significa "rana". In riferimento al muso di questa specie.

Il nome della specie è composto dalla parola sahyadr[i], dal nome delle Montagne Sahyadri (nome indiano del Ghati occidentali) luogo della scoperta della specie. Seguito dal suffisso latino ensis, "che vive in".

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'olotipo della specie è una femmina adulta, di 70 millimetri. Il dorso è viola scuro (da qui il suo nome comune di rana viola). La sua testa è piccola dal muso appuntito.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica delle montagne dei Ghati occidentali negli Stati del Kerala e Tamil Nadu in India[3].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La scoperta della specie risale al 2003 e fu inserita sotto il genere Nasikabatrachus e all'interno della famiglia Nasikabatrachidae.[4] Successivi studi eseguiti da altri ricercatori, avevano portato ad inserire la nuova specie all'interno della famiglia Sooglossidae, considerando Nasikabatrachidae un sinonimo della stessa.[5] Ulteriori studi, eseguiti nel 2009 e nel 2011 hanno riclassificato la specie nuovamente sotto la sua famiglia di appartenenza originale, Nasikabatrachidae.[6][7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) S.D. Biju 2004, Nasikabatrachus sahyadrensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ a b Biju, op. cit., p. 711–714
  3. ^ a b (EN) D.R. Frost et al., Nasikabatrachus sahyadrensis in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 5.2, New York, American Museum of Natural History, 2008.
  4. ^ Biju, S. D., and F. Bossuyt . 2003. New frog family from India reveals an ancient biogeographical link with the Seychelles. Nature. London 425: 711-714.
  5. ^ Frost, D. R., T. Grant, J. Faivovich, R. H. Bain, A. Haas, C. F. B. Haddad, R. O. de Sá, A. Channing, M. Wilkinson, S. C. Donnellan, C. J. Raxworthy, J. A. Campbell, B. L. Blotto, P. E. Moler, R. C. Drewes, R. A. Nussbaum, J. D. Lynch, D. M. Green, and W. 2006. The amphibian tree of life. Bulletin of the American Museum of Natural History 297: 1-370 Archivio
  6. ^ Bossuyt, F., and K. Roelants . 2009. Anura. In: Hedges, S. B., and S. Kumar (Ed.), The Timetree of Life. Oxford University Press [New York, U.S.A.], 357-364
  7. ^ Pyron, R. A., and J. J. Wiens . 2011. A large-scale phylogeny of Amphibia including over 2800 species, and a revised classification of advanced frogs, salamanders, and caecilians. Molecular Phylogenetics and Evolution 61: 543-583

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Biju, S. D., and F. Bossuyt, New frog family from India reveals an ancient biogeographical link with the Seychelles. in Nature, vol. 425, n. 20, London, 2003, pp. 711-714.
  • Das, I., Some forgotten descriptions of Nasikabatrachus (Anura: Sooglossidae) in Herpetological Review, vol. 38, 2007, pp. 291-292.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]