Gasparo Contarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gasparo Contarini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Gasparo Contarini.jpg
Cardinalbishop.svg
Nato 16 ottobre 1483, Venezia
Creato cardinale 21 maggio 1535 da papa Paolo III
Deceduto 24 agosto 1542, Bologna

Gasparo Contarini (Venezia, 16 ottobre 1483Bologna, 24 agosto 1542) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Gasparo Contarini era il primogenito di Alvise di Federico Contarini del ramo della Madonna dell'Orto e di Polissena di Tommaso Malipiero. Apparteneva a una delle più antiche, più potenti e più ricche famiglie appartenenti al patriziato veneziano: la famiglia Contarini.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Ricevette una formazione elementare (grammatica, retorica e abaco) da un precettore stipendiato molto probabilmente a domicilio nel palazzo Contarini, nei pressi della chiesa Madonna dell'Olmo nel sestriere di Cannaregio e in compagnia dei nipoti di Francesco Zorzi.

All'età di dodici anni iniziò a frequentare la Scuola d'umanità di San Marco.[1] Quest'ultima non era quella omonima gestita dalla cancelleria ducale situata nei pressi del palazzo dei Dogi dove la Repubblica formava i suoi migliori funzionari, ma la scuola "presso il campaniel". Le lezioni della scuola di San Marco si svolgevano nei pressi di piazza San Marco e vi insegnavano degli stipendiati dal Pubblico[2] tra cui Marc'Antonio Coccio detto Sabellico (1436-1505) e Giorgio Valla (†1500), specialista dei naturalisti greci e membro dell'Accademia Aldina.

In questo periodo Giorgio Valla iniziò il giovane Contarini ad una forma di sapere aperta fondata sulla fusione stretta tra bonæ litteræ, scienze e filosofia[3] e a un gusto per una unità della conoscenza umana, ben lontana alle teorie medievali. Erasmo la definirà come quell'armonia tra la summam morum innocentiam e l'eruditionis et sapentiantiæ arcem. Questa formazione aperta e tollerante permise al giovane allievo di farsi l'idea che le opinioni, al di là che possano apparire divergenti, in realtà si possono combinare e le dottrine filosofiche non debbano obbligatoriamente escludersi. Lo storico Aldo Stella definiva la forma mentis del cardinale Contarini: "nonostante fosse stato quasi un autodidatta in teologia, ebbe sempre come norma di comportamento quella di cercare ciò che univa, anziché gli spunti di attrito e di astiosa polemica".[4]

Giorgio Valla, inoltre, fece entrare il giovane Contarini nel circolo della bottega d'Aldo Manuzio e del suo dinamismo intellettuale, culturale e editoriale.[5] In questa occasione, Contarini fece conoscenza con gli ellenisti dell'epoca: Giovanni Battista Egnazio, Paolo Canal, Marco Musuro, e altri intellettuali occupati a correggere o rivedere le opere che uscivano dalla stampa. Molto probabilmente, si può presumere che il giovane Contarini abbia potuto incontrare Erasmo durante il soggiorno di quest'ultimo nella casa di Aldo Manuzio tra aprile e dicembre del 1508.[6]

In seguito, secondo Ludovico Beccadelli[7] e Franz Ditrich[8], a causa della morte del suo maestro Giorgio Valla nel gennaio 1500, Contarini avrebbe assistito alle lezioni di logica di Antonio Giustinian e Lorenzo Bragadin alla Scuola di Rialto. Quest'ultima rappresentava la tendenza filosofica aristotelica-averroistica, naturalistica e scientifica della cultura veneziana ed era in netta contrapposizione con l'orientamento platonico, umanistico-filosofico e moralistico-religioso della scuola di S. Marco.

Nel 1501 si recò a completare la sua formazione a Padova. L'iscrizione di Contarini all'Università di Padova, è bene documentata negli Acta Graduum Gymansii patavini, dove il futuro diplomatico e cardinale, segue delle lezioni alla facoltà delle Arti, malgrado la volontà del padre di destinare il suo primogenito al commercio come di tradizione a Venezia.[9]

A Padova, Contarini segue le lezioni di retorica greca del cretese Marco Musuro, di latino da Giovanni Calfurnio, di matematica e d'astronomia da Benedetto del Tiriaca e di filosofia naturale dai filosofi aristotelici Pietro Pomponazzi e Alessandro Achillini.

Cardinale[modifica | modifica sorgente]

Successivamente, lavorò per la Serenissima fino a diventare ambasciatore presso la corte del potente imperatore Carlo V d'Asburgo e poi presso il Papato. La sua storia personale si intreccia con quella del Concilio di Trento: ai tempi in cui soggiornava in Germania capì infatti, come pochi, che la ribellione di Lutero non poteva essere risolta con bolle papali o reprimende. Lucidamente avvertiva l'esigenza di una seria riforma della curia romana.

Papa Paolo III (al secolo Alessandro Farnese) lo creò cardinale nel concistoro del 21 maggio 1535 - senza mai averlo conosciuto e senza averlo preventivamente avvertito di tale scelta - insieme ad un'altra importante figura come Giampietro Carafa, divenuto in seguito egli stesso pontefice. Eletto nel frattempo vescovo di Belluno, il Contarini rappresentava l'ala riformatrice più moderata del collegio cardinalizio e, forse per questo, venne inviato a Ratisbona nel 1541 per trovare un accordo con i rappresentanti dei Luterani: Melantone e Bucero. L'incontro sembrava destinato a fallire ed infatti fallì, giacché tra protestanti e cattolici cominciava oramai ad aprirsi un baratro sempre più profondo, destinato a provocare uno scisma. Con il fallimento dell'incontro di Ratisbona e la vittoria dell'ortodossia cattolica al concilio tridentino si apriva la strada ad una politica papale di chiusura verso tutti i potenziali nemici. Protestanti ma anche eretici. Allora bastava mettere in dubbio la transustanziazione o il primato papale sui vescovi per essere tacciato di eresia per finire sul rogo.[senza fonte]

Fu grande amico del cardinale Reginald Pole, legato pontificio in Inghilterra. A Ratisbona i protestanti e cattolici si bloccarono sul problema della giustificazione. Lutero era convinto che per salvare l'anima era necessaria la fede data da Dio. I cattolici difendevano le preghiere e le opere buone, oltre che la fede, come viatico per la salvezza. Il Contarini cercò di affilare le armi della diplomazia ma, ritornato a Roma si dovette difendere dall'accusa di essere in odore di eresia.

Morì all'età di 58 anni a Bologna, ove si era recato come legato pontificio per la prosecuzione del concilio nella seconda città papale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sull'orientazione umanista e filo-ellenica della Scuola di San Marco, cf. V. BRANCA, La sapienza civile. Studi sull'Umanesimo a Venezia, Firenze, Leo S. Olschki, 1997, § II, p. 59-65.
  2. ^ L. BECCADELLI, Vita del Contarini, Brescia, Giovan Maria Rizzardi, 1746, f. 2 ro.
  3. ^ G. FRAGNITO, "Gasparo Contarini tra Venezia e Roma" in Gasparo Contarini e il suo tempo, Venezia, Studium cattolico veneziano, 1985, p. 96.
  4. ^ A. STELLA, "Spunti di teologia contariana e lineamenti di un itinerario religioso" in Gasparo Contarini e il suo tempo, Venezia, Studium Cattolico Veneziano, 1985, p. 96.
  5. ^ Tutta la corrispondenza tra Contarini e Aldo Manuzio è conservata alla Biblioteca Ambrosiana di Milano (E.32 e Q 123).
  6. ^ J.-C. MARGOLIN, Érasme, Paris, Robert Laffont,coll. "Bouquins", 1992, "Preface", p. I-XIV. Cf. A. RENAUDET, Érasme et l'Italie, Genève, Droz, 1998, p. 156-162.
  7. ^ L. BECCADELLI, op. cit., f. 2: "[...] come quello che l'animo volto haveva a' studi gravi, s'applicò per entrare nella Philosohpia alle lettioni di Logica, la quale intese in Venetia dalli magnifici messer Antonio Justiano et messer Bragadino".
  8. ^ F. DITTRICH, Gasparo Contarini, 1483-1542. Eine Monographie, Braunsberg, Druck und Verlag des Ermländischen Zeitungs und Verlagsdruckerei, 1885. Ristampa anastatica, Nieuwkoop, 1972.
  9. ^ L. BECCADELLI, op. cit., f. 2.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale diacono di Santa Maria in Aquiro Successore CardinalCoA PioM.svg
Guillaume de Croy 31 maggio 1535 - 15 settembre 1535
Titolo presbiterale pro illa vice dal 15 al 19 settembre 1535
Marino Ascanio Caracciolo
Predecessore Cardinale presbitero di Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio Successore CardinalCoA PioM.svg
John Fisher 19 settembre 1535 - 15 gennaio 1537 Giovanni Maria Ciocchi del Monte
Predecessore Vescovo di Belluno Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Battista Casale 23 ottobre 1536 - 24 agosto 1542 Giulio Contarini
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Balbina Successore CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Ghinucci 15 gennaio 1537 - 9 novembre 1539 Pietro Paolo Parisio
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Apollinare alle Terme Neroniane-Alessandrine Successore CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Simonetta 9 novembre 1539 - 15 febbraio 1542 Uberto Gambara
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Prassede Successore CardinalCoA PioM.svg
Philippe de la Chambre 15 febbraio 1542 - 24 agosto 1542 Giovanni Maria Ciocchi del Monte

Controllo di autorità VIAF: 5009389 LCCN: n88095633