Firefox OS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Firefox OS
Logo
Schermata di Firefox OS Nightly, versione  in fase di sviluppo
Schermata di Firefox OS Nightly, versione in fase di sviluppo
Sviluppatore Mozilla Foundation
Famiglia SO GNU/Linux
Modello del sorgente Open source[1]
Release iniziale 1.0.0[2] (17 marzo 2014)
Release corrente 1.3[3] (17 marzo 2014)
Tipo di kernel Linux (Kernel monolitico)
Piattaforme supportate ARM
Lingue disponibili Multilingua
Licenza MPL[1]
Stadio di sviluppo In sviluppo
Sito web mozilla.org/it/firefox/os

Firefox OS[4] (già conosciuto col nome in codice Boot to Gecko e abbreviato B2G)[5] è un sistema operativo open source basato su kernel Linux in sviluppo da Mozilla, l'organizzazione non-profit conosciuta per il browser Firefox. per dispositivi mobili[6] e tablet ed è in programma lo sviluppo per Smart TV[7].

L'idea alla base è quella di avere un completo sistema operativo guidato da una comunità[8] e disponibile come un'applicazione web usando gli standard web, le tecniche avanzate di HTML5 e le open web API del dispositivo per accedere direttamente all'hardware dello stesso con JavaScript[5]. In questo modo è entrato in competizione con altri sistemi operativi commerciali come iOS della Apple, Android di Google, Windows Phone della Microsoft[8], oltre ad altri sistemi aperti minori come Sailfish OS di Jolla ed Ubuntu Touch di Canonical Ltd..

Da febbraio 2012, è stato dimostrato che Firefox OS può essere usato su smartphone compatibili con Android[9] e nel 2013 su Raspberry Pi[10]. Nel gennaio 2013, al CES 2013, ZTE ha confermato che avrebbe creato uno smartphone con Firefox OS,[11] e il 2 luglio 2013, Telefónica lanciò il primo telefono commerciale con Firefox OS, ZTE Open, in Spagna[12][13], seguito successivamente dal Peak+ di GeeksPhone[14]. Mozilla ha anche stretto un accordo con T2Mobile per fare un telefono chiamato "Flame" adatto agli sviluppatori per contribuire a Firefox OS e per testare le app[15]. In Italia TIM ha iniziato a vendere il primo smartphone con Firefox OS, l'Alcatel One Touch Fire, nei primi giorni di dicembre 2013[16].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 25 luglio 2011, Andreas Gal, direttore di ricerca alla Mozilla Corporation, ha annunciato il Progetto "Boot to Gecko" sulla mailing list mozilla.dev.platform[8]. La proposta di progetto è stata quella di "perseguire l'obiettivo di costruire un sistema operativo completo e autonomo per il web aperto", al fine di trovare "le lacune che impediscono agli sviluppatori web di essere in grado di creare applicazioni che sono, sotto ogni aspetto, uguali alle applicazioni native create per BlackBerry 10, iPhone, Android e WP8"[8]. L'annuncio ha anche identificato alcune aree di lavoro: le nuove web API, un privilege model, applicazioni per provare le capacità del sistema operativo e codice a basso livello per il boot in un dispositivo Android.

Ciò portò molti blog a trattare l'argomento[17][18]. Secondo Ars Technica, "Mozilla ha detto che B2G è motivato da un desiderio di dimostrare che l'open web basato sugli standard ha il potenziale per essere un'alternativa competitiva con gli stack di applicazioni dei singoli rivenditori già esistenti offerti dai dominanti sistemi operativi per dispositivi mobili"[19].

Nel luglio del 2012 "Boot to Gecko" è stato rinominato in "Firefox OS"[20] in onore al famoso browser Mozilla Firefox ed alcuni screenshot incominciarono ad apparire nell'agosto 2012[21]. Nello stesso mese sono stati resi noti i primi accordi con operatori di telefonia quali TIM, Telefónica e Deutsche Telekom e per quanto riguarda i produttori con Qualcomm e ZTE.

Il 27 settembre 2012 gli analisti della Strategy Analytics hanno previsto che Firefox OS si aggiudicherà l'1% del mercato globale degli smartphone nel solo 2013[22].

Il 24 febbraio 2013 Mozilla ha annunciato i piani di commercializzazione globale di Firefox OS[23].

Foxconn produrrà per la prima volta tablet col suo marchio e con sistema operativo Firefox OS.

Componenti[modifica | modifica sorgente]

Diagramma dell'architettura Firefox OS

Il lavoro di sviluppo iniziale ha coinvolto tre importanti layer: Gonk, Gecko e il layer HTML che contiene l'interfaccia grafica di Gaia[24].

Gonk[modifica | modifica sorgente]

Gonk consiste del kernel Linux e dell'hardware abstraction layer (HAL). Il kernel e varie librerie userspace sono comuni progetti liberi: Linux, libusb, BlueZ, ecc. Alcune altre parti dell'HAL sono condivise con il progetto Android: GPS e fotocamera soprattutto. Gonk è praticamente una semplice distribuzione Linux ed è quindi un obiettivo per il port di Gecko; c'è un port di Gecko per Gonk, così come c'è un port di Gecko per OS X e per Android. Da quando il progetto B2G ha pieno controllo su Gonk, gli sviluppatori possono mostrare interfacce di Gecko che non sono mostrabili su altri sistemi operativi. Per esempio, Gecko ha diretto accesso allo stack della telefonia e al framebuffer del display su Gonk ma non ha questo accesso in nessun altro sistema operativo[24].

Gecko[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gecko.

Gecko è il run-time system di B2G. Gecko implementa gli standard aperti per HTML, CSS e JS. Gecko include uno stack per la rete e per la grafica, un motore di layout, una macchina virtuale per JavaScript e layer per i port[24].

Gaia[modifica | modifica sorgente]

Gaia è l'interfaccia grafica di Firefox OS e controlla tutto ciò che viene rappresentato sullo schermo. Gaia include le implementazioni per la schermata di blocco, la scrivania, un dialer, un'applicazione per inviare SMS e un'app per la fotocamera. Gaia è programmato totalmente in HTML, CSS e JavaScript. Si interfaccia con il sistema operativo attraverso le Open Web API, che sono implementate da Gecko. Poiché usa solo API standard, può lavorare anche su altri sistemi operativi e altri browser[24].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Mozilla Licensing Policies, Mozilla. URL consultato il 7 settembre 2014.
  2. ^ Index of /pub/mozilla.org/b2g/manifests/, Mozilla FTP server. URL consultato il 24 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Firefox OS 1.3 Notes, 17 marzo 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  4. ^ (EN) The first mobile in Spain with firefos OS. Geekphone Keon y Peak, 22 gennaio 2013.
  5. ^ a b (EN) Firefox OS, Mozilla, 21 agosto 2012. URL consultato il 17 settembre 2012.
  6. ^ (EN) Asa Dotzler, Mozilla Launches Contribution Program to Help Deliver Firefox OS to Tablets, Mozilla Hacks, 6 gennaio 2014. URL consultato il 19 marzo 2014.
  7. ^ (EN) Mozilla and Partners to Bring Firefox OS to New Platforms and Devices, Mozilla Corporation, 6 gennaio 2014.
  8. ^ a b c d (EN) Andreas Gal, Booting to the web, mozilla.dev.platform, 25 giugno 2011. URL consultato il 20 novembre 2011.
  9. ^ (EN) Ginny Maies, First Look at Mozilla's Web Platform for Phones: 'Boot to Gecko', PCWorld, 28 febbbraio 2012. URL consultato il 23 marzo 2012.
  10. ^ (EN) Raspberry Pi, The Register, 22 gennaio 2013. URL consultato il 22 gennaio 2013.
  11. ^ (EN) CES 2013: ZTE Firefox OS Smartphone Coming In 2013 | TechWeekEurope UK, Techweekeurope, 10 gennaio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2013.
  12. ^ Aditya Dey, Telefonica launches First Ever Firefox OS-based Phone in Spain, TechStake. URL consultato il luglio 2013.
  13. ^ (EN) First Firefox OS Smartphone Has Arrived: Telefonica Prices ZTE Open At $90 In Spain, Latin American Markets Coming Soon | TechCrunch, 1 luglio 2013. URL consultato il 15 luglio 2013.
  14. ^ (EN) Say 'hola' to the future, Geeksphone. URL consultato il 2 settembre 2013.
  15. ^ (EN) Flame, Mozilla Developer Network. URL consultato il 31 agosto 2014.
  16. ^ Telecom lancia in Italia i primi smartphone Firefox OS, Mozilla, 3 dicembre 2013.
  17. ^ (EN) The Firefox Phone? Mozilla Working on Android-Esque OS, Gagagadget. URL consultato il 4 agosto 2011.
  18. ^ (EN) Andrew Kameka, Mozilla borrows from Android to create its own mobile operating system, androinica, 26 luglio 2011. URL consultato il 4 agosto 2011.
  19. ^ (EN) Ryan Paul, Mozilla eyes mobile OS landscape with new Boot to Gecko project, Ars Technica, 26 luglio 2011. URL consultato il 4 agosto 2011.
  20. ^ (EN) Mark Brown, Mozilla's HTML5 phone platform now called Firefox OS, launching 2013 (Wired UK), Wired UK, 8 agosto 2012. URL consultato il 18 agosto 2012.
  21. ^ (EN) Mozilla shows off Firefox OS screenshots, The Inquirer. URL consultato il 18 agosto 2012.
  22. ^ (EN) Firefox OS to Capture 1 Percent Share of Global Smartphone Market in 2013, Strategy Analytics. URL consultato il 27 settembre 2012.
  23. ^ (EN) Mozilla Announces Global Expansion for Firefox OS, Mozilla, 24 febbraio 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  24. ^ a b c d (EN) B2G/Architecture wiki page, Mozilla, 5 giugno 2012. URL consultato il 5 giugno 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]