Il Libro di Mozilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il Libro di Mozilla visualizzato con Firefox 1.0.8

Il Libro di Mozilla è un easter egg, ossia un contenuto nascosto, presente nei browser Netscape e del progetto Mozilla che parla, in maniera goliardica e scherzosa, della guerra dei browser sostenuta da Netscape prima e da Firefox poi contro Internet Explorer.

Origini del libro[modifica | modifica sorgente]

Digitando about:mozilla nella barra degli indirizzi di Mozilla Firefox o Netscape Navigator, viene visualizzato un breve testo in caratteri bianchi su sfondo bordeaux, scritto con uno stile simile a quello dell'Apocalisse di Giovanni, che varia a seconda della versione del browser.

Il libro ha preso il nome "Mozilla" dalla lucertola verde mascotte di Netscape, che diede in seguito il suo nome al progetto Mozilla.

Prima di Netscape 1.1, digitando "about:mozilla" si otteneva il testo Mozilla rules! ("Mozilla domina!"). In Internet Explorer (fino alla versione 6) e in Aol Explorer viene visualizzata una pagina completamente blu. Alcuni sostengono che si tratti di una parodia della schermata blu della morte, la "Blue Screen of Death" di Windows.

Contenuti del libro[modifica | modifica sorgente]

verso 12:10[modifica | modifica sorgente]

Un estratto del libro apparve per la prima volta in Netscape 1.1: il versetto 12:10 vi rimase fino alla versione 4.8, e recitava:

La bestia emergerà circondata da una densa nuvola di vendetta. La casa di chi non crede sarà distrutta e tutti loro saranno bruciati sulla Terra. I loro tag continueranno ad accendersi ad intermittenza fino alla fine dei giorni.

da Il Libro di Mozilla, 12:10

La "bestia" di cui si parla è Netscape. Le minacce di punizione verso i "miscredenti" (utenti che non utilizzano Netscape) sono tradizionalmente bibliche, ma con la strana minaccia che "i loro tag continueranno ad accendersi ad intermittenza fino alla fine dei giorni". Il riferimento ai tag lampeggianti deriva dal fatto che nel visualizzatore di codice interno di Netscape i tag errati lampeggiavano, per cui vedere i propri tag in questo modo era un evento indesiderabile. Alcuni invece sostengono che il passaggio si riferisca al controverso tag HTML <blink> introdotto in una precedente versione di Netscape (in questo caso sarebbe stato però più logico riferirsi a del "testo" lampeggiante piuttosto che a dei "tag"). Questa estensione proprietaria del linguaggio HTML, che provoca la visualizzazione a intermittenza ("blink" in inglese) del testo, fu ampiamente derisa per essere irritante, fastidiosa, fonte di distrazione, e brutta - facendo di essa una punizione non desiderabile. I numeri che indicano capitolo e verso, 12:10, si riferiscono alla data di rilascio di Netscape 1.0, 10 dicembre 1994.

verso 3:31[modifica | modifica sorgente]

La versione 6.0 e successive di Netscape erano basate su codice Mozilla e contenevano il seguente messaggio, che è stato anche incluso in tutte le versioni di Mozilla:

E la bestia diventerà legione. I suoi numeri cresceranno di migliaia in migliaia. Il rintocco di un milione di tastiere come una furiosa tormenta coprirà la Terra, e i seguaci di Mammona tremeranno.

da Il Libro di Mozilla, 3:31
(Edizione da Lettera Rossa)

Come in precedenza, la "bestia" è Netscape. Il testo probabilmente si riferisce alla speranza di Netscape, la quale auspicava che rendendo disponibile il suo codice sorgente, avrebbe attratto una "legione" di sviluppatori da tutto il mondo che avrebbero potuto aiutare a migliorare il programma (con il "rintocco di un milione di tastiere"). Taluni suggeriscono che "Mammona" si riferisca indirettamente a Microsoft, il che sembra plausibile poiché Microsoft, con il suo browser Internet Explorer era il principale rivale di Netscape (e la parola "mammona" o "ממון" che significa "denaro" in Ebraico, si riferisce all'enorme potenza monetaria di Microsoft). I numeri 3:31 si riferiscono al 31 marzo 1998, giorno in cui Netscape rilasciò il suo codice sorgente. Tale giorno è considerato così importante da essere un giorno da "lettera rossa" (come i giorni festivi nei calendari).

verso 7:15[modifica | modifica sorgente]

Il versetto 7:15 venne scritto da Neil Deakin ed è incluso in tutte le versioni di Mozilla rilasciate da luglio 2003 e in tutte le versioni di Netscape dalla 7.2 in poi:

E così alla fine la Bestia cadde e i miscredenti esultarono. Ma non tutto era perduto, giacché dalle ceneri sorse un mitico uccello. L'uccello guardò giù verso i blasfemi, ed invocò il fuoco e il fulmine su di loro. Poiché la Bestia era risorta con rinnovata forza, e i seguaci di Mammona si fecero piccoli dall'orrore.

dal Libro di Mozilla, 7:15

La "bestia" cadente si riferisce a Netscape chiusa dalla sua stessa casa madre AOL (sebbene da quando sono stati scritti questi versi, AOL abbia reiniziato lo sviluppo del browser Netscape). Il "mitico uccello" che risorge dalle ceneri è la Fondazione Mozilla, il cui obiettivo è continuare lo sviluppo di Mozilla. La frase precedente potrebbe anche riferirsi a "Phoenix" (fenice, il mitologico uccello risorto dal fuoco), nome dato al progetto grazie al quale è stato sviluppato il nuovo browser di Mozilla: Firefox. L'uccello che invoca il "fuoco" si riferisce a Mozilla Firebird (ora Mozilla Firefox) e il "tuono" a Mozilla Thunderbird (programma di posta elettronica). Entrambi i prodotti divennero l'obiettivo primario dello sviluppo di Mozilla pochi mesi prima della morte di Netscape. Il fatto che la bestia sia "risorta" indica che lo spirito di Netscape sopravviverà attraverso la Fondazione (composta interamente da ex impiegati Netscape) e la sua forza è "rinnovata" grazie alla minor dipendenza della Fondazione da AOL (che è rea di aver trascurato troppo Netscape). Il fatto che la bestia sia risorta come la fenice (dalle ceneri della propria azienda) potrebbe riferirsi al precedente nome di Mozilla Firefox, Phoenix. In questo caso i numeri 7:15 si riferiscono al 15 luglio 2003, giorno in cui la Fondazione Mozilla fu istituita.

La parola inglese Mammon (riportata con la lettera maiuscola nel testo che compare nella versione inglese del browser) ha un duplice significato: la si può interpretare come "forza che spinge un uomo ad arricchirsi" oppure in senso esoterico. Mammon infatti può indicare un demone in generale, o più in particolare il figlio di Satana.

verso 8:20[modifica | modifica sorgente]

Il versetto 8:20 venne scritto da Christopher Finke ed è incluso nella versione 9.0b1 di Netscape.

E il Creatore guardò la bestia rinata e vide che era cosa buona.

da Il Libro di Mozilla, 8:20


Vi sono due interpretazioni del verso: il rinascere della bestia si potrebbe riferire alla Mozilla Foundation e "era cosa buona" potrebbe essere un tributo a tutti coloro che hanno collaborato al progetto Mozilla. Ma questa rinascita potrebbe anche essere riferita alla decisione di Netscape di riaprire la divisione browser invece di far sviluppare il browser da terzi: Netscape 8 fu prodotto dalla Mercurial Communications.

verso 11:1[modifica | modifica sorgente]

Il versetto 11:1 è incluso in tutte le versioni di Flock Browser a partire dalla versione 1.0.

Sebbene non sia un versetto ufficiale della Mozilla, questo nuovo versetto del Libro di Mozilla, 11:1, è incluso nel Browser web Flock a partire dalla versione 1.0, un "Social Web Browser" basato su Firefox. Questo versetto viene mostrato con uno sfondo che sfuma dall'alto verso il basso, dal blu al bianco, diversamente da quelli comparsi in Firefox che hanno sfondo rosso. Il versetto è il seguente:

E quando la bestia sottomise al suo potere un quarto della Terra, venticinque uccelli di Zolfo si alzarono in volo dalle profondità. Gli uccelli attraversarono centinaia di montagne e incontrarono ventiquattro saggi che venivano dalle stelle. E in seguito cominciò, e i credenti osarono ascoltare. Quindi, preserò le loro penne e iniziarono a creare. Infine, osarono condividere le loro fatiche con l'intera umanità. Diffondendo parole di libertà e rompendo le catene, gli uccelli portarono la liberazione a tutti.

dal Libro di Mozilla, 11:1

Il Libro di Mozilla in Flock


"E quando la bestia sottomise al suo potere un quarto della Terra..." fa probabilmente riferimento al crescente successo che Firefox stava ottenendo sul più popolare Internet Explorer. "...uccelli di Zolfo..." fa riferimento al nome in codice in fase di sviluppo di Flock, che era Zolfo. "Gli uccelli attraversarono centinaia di montagne..." sembra non aver significato, ma nella versione originale la frase "The birds crossed hundreds of mountain views" sembra far riferimento a "Mountain View" cioè una città della California dove la compagnia che produce Flock risiede. Questo versetto è nuovo e molto del significato non è ancora chiaro, anche se "Quindi, preserò le loro penne e iniziarono a creare" molto probabilmente fa riferimento alla grande integrazione di Flock con i Blog e i vari Social Forum.

verso 11:9[modifica | modifica sorgente]

Il versetto 11:9 venne aggiunto a partire dalla trunk build (versione di test) dell'11 gennaio 2008 di Firefox 3.

Mammona dormiva. E la Bestia risorta si diffuse sulla terra e i suoi seguaci divennero legione. E annunciarono i tempi e sacrificarono il raccolto nel fuoco, con l’astuzia delle volpi. Ed edificarono un nuovo mondo a propria immagine come promesso dalle sacre scritture, e raccontarono della Bestia ai loro figli. Mammona si svegliò, ed ecco: null’altro era se non un discepolo.

dal Libro di Mozilla, 11:9
(10ma edizione)

Il cui significato può essere interpretato così:

Firefox, inizialmente sottovalutato da Microsoft, ha preso piede molto più velocemente del suo predecessore Netscape, complice anche la sua leggerezza ed agilità nella navigazione. Gli utenti hanno sacrificato l'abituale Internet Explorer presente su tutti i computer, in onore della volpe rossa, il logo di Firefox. Mammona si svegliò, lavorando velocemente e con rinata energia ad un Internet Explorer 8 che potesse contrastare l'atteso Firefox 3 (la frase sopra riportata compare appunto nella versione beta del nuovo Firefox), ma il browser di casa Mozilla ha già ormai larga diffusione. "... null'altro era se non un discepolo" potrebbe far riferimento alle innovazioni introdotte da Firefox e riprese nelle nuove versioni di Internet Explorer. "Decima edizione" perché la versione è stata rilasciata dopo dieci anni dal 1998, anno in cui Netscape rilasciò il suo codice sorgente.

verso 15:1[modifica | modifica sorgente]

Questo versetto è stato aggiunto nella trunk di Firefox il 23 gennaio 2013. Prima è apparso nella nightly build di Firefox 21 e dopo, dal 14 maggio, è stato inserito nella release ufficiale.

I gemelli di Mammona iniziarono la contesa. Il loro conflitto gettò il mondo in una nuova oscurità, e la Bestia aveva in abominio l'oscurità. Iniziò dunque a muoversi lestamente, e divenne sempre più potente, avanzando e moltiplicandosi. E le Bestie portarono fuoco e luce nell'oscurità.

dal Libro di Mozilla, 15:1

I gemelli di Mammona sono probabilmente Apple e Google, i cui sistemi operativi mobile hanno il duopolio del mercato dei dispotivi mobile. La "nuova oscurità" allude alla natura chiusa dei loro store di applicazioni. La bestia che si muove lestamente si riferisce al nuovo ciclo di release di Firefox, rilasciate rapidamente. La frase "divenne sempre più potente, avanzando e moltiplicandosi" si riferisce alle versioni di Firefox per Android e Firefox OS. Il numero 15:1 del verso è riferito al 15 gennaio 2013, data del code freeze di Firefox OS 1.0.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Il Libro di Mozilla su Mozilla.org[modifica | modifica sorgente]