Eusebio di Mindo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eusebio di Mindo (... – ...) è stato un filosofo greco antico neoplatonico del IV secolo d.C.

Venne descritto da Eunapio [1] come un elemento della "collana d'oro" del neoplatonismo.

Alla morte di Giamblico il suo discepolo Edesio si stabilì a Pergamo dove fondò una scuola che ebbe tra gli allievi il futuro imperatore Giuliano e Eusebio di Mindo che elaborò un pensiero in opposizione a quello della scuola che disinteressandosi sia della dottrina platonica che di quella aristotelica svalutava la speculazione metafisica razionale esaltando invece gli aspetti mistici e teurgici religiosi. Eusebio invece si dedicò principalmente di logica, criticando gli aspetti magici e teurgici della dottrina che a suo parere non erano altro un innaturale abuso di poteri materiali. A causa di ciò, si scontrò con l'imperatore Giuliano, il quale preferiva il misticismo di Massimo e di Crisanzio. [2]

Giovanni Stobeo nella sua antologia della letteratura greca raccolse un certo numero di frasi di un non meglio specificato Eusebio che potrebbero essere attribuiti a Eusebio di Mindo. [3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eunapio, Vite dei filosofi e dei sofisti a cura di M.Civiletti, ed. Bompiani
  2. ^ Giovanni Reale, Il pensiero antico, Vita e Pensiero, 2001 p.484
  3. ^ Enciclopedia italiana Treccani alla voce "Giovanni Stobeo"

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 20069290