Telecle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Telecle di Focide o di Focea[1] ((in greco: Τηλεκλῆς); ... – III secolo a.C.) è stato un filosofo greco antico.

Fu allievo di Lacide di Cirene, al quale succedette alla carica di scolarca dell'Accademia, che resse insieme a Evandro.

Negli ultimi dieci anni della vita di Lacide (dal 215 al 205 a.C. circa), che sappiamo essere stato gravemente malato, Telecle resse l'Accademia insieme a Evandro e, anche dopo la morte di Lacide, i due continuarono a dirigerla pur non essendo stati formalmente eletti scolarchi. Alla morte di Telecle, avvenuta nel 167/166 a.C., Evandro rimase l'unico scolarca, che ebbe come successore il suo allievo Egesino.[2].

Relativamente al pensiero e alle opere di Telecle nulla ci è noto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, IV 60; inizialmente Focide e poi corretto in Focea nell'edizione Loeb Classical Library
  2. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, IV 60; Marco Tullio Cicerone, Academica, II 6

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • K. Algra, J. Barnes, J. Mansfeld, M. Schofield, The Cambridge History of Hellenistic Philosophy, 2005, pp. 32-33, Cambridge University.